Mercoledì 28 Ottobre 2020 | 04:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

 
Il provvedimento
Basilicata, in arrivo fondi per pagare gli affitti destinati a famiglie in difficoltà

Basilicata, in arrivo fondi per pagare gli affitti destinati a famiglie in difficoltà

 
Controlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
serie C
Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

Palermo-Potenza, salta la partita di giovedì: 19 giocatori siciliani positivi al Covid

 
Il bilancio Cisl
Reddito cittadinanza, in Basilicata accolte oltre 13mila domande

Reddito cittadinanza, in Basilicata accolte oltre 13mila domande

 
Agricoltura
Basilicata, diga del Rendina: «Risorsa per agricoltori Alto Bradano»

Basilicata, diga del Rendina: «Risorsa per agricoltori Alto Bradano»

 
il commento
Dpcm Covid, governatore Bardi: «Dare più ascolto alle Regioni»

Dpcm Covid, governatore Bardi: «Dare più ascolto alle Regioni»

 
Il bollettino regionale
Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

 
La decisione
Potenza. concorso Arpab: rinviate le prove preselettive

Potenza, concorso Arpab: rinviate le prove preselettive

 
Petrolio
Potenza, vertenza indotto Eni: rischi e lavoro da salvare

Potenza, vertenza indotto Eni tra rischi di chiusura e lavoro da proteggere

 
Il bollettino
Covid in Basilicata, altri 69 positivi (16 pugliesi) su 1.214 test. Ci sono anche due morti

Covid in Basilicata, altri 69 positivi (17 pugliesi) su 1.214 test. Ci sono anche due morti

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

 
FoggiaLa lite
Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

 
TarantoLa denuncia
M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

 
PotenzaIl caso
Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

 
MateraIl virus
Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

 
LecceLe dichiarazioni
Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

 
Brindisinel Brindisino
Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 

i più letti

indagini

Potenza, la Finanza negli uffici della Soprintendenza

Parco eolico a San Chirico Nuovo: sequestrati documenti

Potenza, la Finanza negli uffici della Soprintendenza

POTENZA - La sede della Soprintendenza Archeologica

POTENZA - La Guardia di Finanza nella sede della Soprintendenza Archeologica a Potenza. I militari hanno eseguito una perquisizione e sequestrato documenti che riguarderebbero il parco eolico di contrada Serra Barone a San Chirico Nuovo, finito in un fascicolo giudiziario da diversi anni. Autorizzato nel 2013 da una delibera che coinvolge i comuni di San Chirico Nuovo e Tolve, per una potenza complessiva pari a 19,80 Mw, l’impianto sorge in un’area di grande interesse archeologico, andando ad impattare il raggio d’azione di una millenaria sorgente di acqua, Antica Fonte denominata nel X secolo d.C. «Fontana del Barone». Proprio qui ci sarebbero stati insediamenti umani fin dai secoli XII e X a. C.

Possibile che in una zona di così grande valenza archeologica abbiano dato l’autorizzazione a installare pale eoliche? La vicenda, denunciata più volte dal sito di informazione Basilicata24, evidentemente è approdata a un’inchiesta con i finanzieri che stanno acquisendo carte e controllando atti per ricostruire tutti i passaggi burocratici e capire se nel mosaico delle autorizzazioni ci sia qualcosa di poco chiaro.

Due anni fa, dopo la denuncia di Basilicata24, lo ricordiamo, il Comune di San Chirico Nuovo ha ritirato il parere favorevole all’opera, espresso in sede di conferenza di servizi, segnalando inesattezze del progetto stesso su tutela delle acque superficiali, rispetto della distanza dal sito archeologico e sicurezza stradale. Contemporaneamente l’amministrazione comunale ha sollecitato la Soprintendenza Archeologica ad emanare il vincolo archeologico per l’area interessata dai lavori e alla Regione di rivedere l’autorizzazione unica rilasciata nel 2013. In una nota a firma dell’allora responsabile dell’area tecnica del Comune, l’architetto Giuseppe Lo Tito (autore di denunce inviate anche ai carabinieri), sono state evidenziate «anomalie». Una su tutte: nel progetto si sottolineava l’«assenza di pozzi e sorgenti nelle aree impegnate dalle macchine».

In realtà Lo Tito ha fatto notare che ben due piazzole previste ricadono a ridosso o sopra fontane quali quelle del Barone, nel comune di San Chirico Nuovo, e di Serra di Lenne, nel comune di Tolve.

Di qui la richiesta di «provvedimenti idonei a tutelare lo stato dei luoghi per salvaguardare le acque superficiali e l’aspetto archeologico del sito». Lo Tito non riceve risposta. E circa un anno dopo viene licenziato addebitandogli alcune mancanze relative anche a vecchie pratiche. Il dubbio che possa essersi trattato di una ritorsione per il suo impegno anti-eolico fa il paio con i sospetti che ruotano attorno all’incendio dell’auto di un medico del paese, Nicola Straziuso, episodio che risale al 26 marzo del 2019. Anche lui aveva espresso più volte dubbi sul «parco del vento».

Quel vento che, per dirla alla Basilicata24, a San Chirico Nuovo sta cancellando la storia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie