Domenica 20 Ottobre 2019 | 07:38

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo il blitz
Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

 
L'operazione
Venosa, trovate 7 serre di marijuana: maxi sequestro da 32 mln

Venosa, trovate 7 serre di marijuana: maxi sequestro da 32 mln

 
Il caso
Truffe online ai danni di anziani ne Potentino: 3 denunce

Truffe online ai danni di anziani nel Potentino: 3 denunce

 
Auto e motori
Fca punta su Melfi per l’auto «pulita»: in arrivo Jeep Renegade ibrida

Fca punta su Melfi per l’auto «pulita»: in arrivo Jeep Renegade ibrida

 
Lotta alla droga
Venosa, scoperta maxi piantagione di 11mila piante di canapa indiana: 5 arresti

Venosa, maxi piantagione di 11mila piante di canapa: 5 arresti. Sequestrati 118 chili di marijuana VD

 
L'incontro
Tempa Rossa, Regione Basilicata verso l'accordo con Total

Tempa Rossa, Regione Basilicata verso l'accordo con Total

 
L'inchiesta
Potenza, 3 ordinanze per dossieraggio e corruzione: in manette l'avvocato De Bonis

Potenza, corruzione e mazzette: 3 arresti, anche un noto avvocato.
«Generale voleva spiare Bardi»

 
L'anniversario
Fca festeggia i 25 anni impianto di Melfi: è tra i più innovativi al mondo

Fca festeggia i 25 anni impianto di Melfi: è tra i più innovativi al mondo

 
in ospedale
Lagonegro, parto naturale dopo un cesareo: la tecnica all'Ospedale

Lagonegro, parto naturale dopo un cesareo: la tecnica al San Giovanni

 
I dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 
nel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'incidente
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

 
TarantoMARINA MILITARE
Taranto, musica e solidarietà insiemesuccesso del concerto "Note d'autunno"

Taranto, musica e solidarietà insieme successo del concerto "Note d'autunno"

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 
PotenzaDopo il blitz
Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

 
LecceUn 67enne
Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

 

i più letti

Tragedia sfiorata

Paura a Potenza, crolla controsoffitto di un bar: nessun ferito

Nonostante ci fossero dei clienti seduti ai tavoli nessuno si è fatto male: caduto un metro quadro di calcinacci

Paura a Potenza, crolla controsoffitto di un bar: nessun ferito

POTENZA - Momenti di paura a Potenza, in un bar in piazza Mario Pagano (detta della Prefettura). Alle 11.51 un blocco di intonaco di circa un metro quadro di dimensione si è staccato dal soffitto dei porticati del palazzo «Ina» ed è piombato sui tavolini sottostanti producendo un boato e un nuvola di polvere.
Solo il caso benigno ha evitato che nel capoluogo lucano si ripetesse quanto accaduto appena 24 ore prima a Napoli dove, in via Duomo, un commerciante ha perso la vita per la caduta di un pezzo di cornicione da un palazzo.

A Potenza i circa 8 metri di altezza del porticato avrebbero potuto produrre lo stesso effetto se non fosse stato che sono caduti su uno dei pochissimi tavoli del bar liberi: gli avventori avevano finito da poco di consumare ed erano andati via e sul piano c’erano ancora piattini e bicchieri a impedire che venisse rioccupato.
Gli altri avventori sono scappati immediatamente, alcuni pensando al terremoto e il proprietario e il personale del bar si sono adoperati già prima dell’arrivo dei Vigili del fuoco per recuperare effetti personali e suppellettili e delimitare l’area impedendo l’accesso ad altre persone.
La piazza ieri mattina era infatti particolarmente affollata per un concomitanza di fattori: la prima domenica di vero caldo in città, lo svolgimento del turno di voto di ballottaggio per le comunali che ha portato anche i più pigri ad uscire, la presenza in piazza di un motoraduno e sotto gli stessi portici, ad appena qualche metro dal crollo, di una manifestazione ludica a cui partecipavano anche diversi ragazzi e bambini. Complice l’orario, quindi, i tavoli per consumare l’aperitivo o qualcosa di fresco erano particolarmente ricercati.
Nel causare il crollo, stando ai primi accertamenti e le prime valutazioni, potrebbe aver avuto un ruolo scatenante proprio l’escursione termica degli ultimi giorni quando si è passati da temperature ancora invernali, anche al di sotto dei 10 gradi, a un clima che a Potenza non è avventato definire estivo, con i termometri che hanno sfiorato i 30 gradi. Non è escluso, tuttavia, che a minare la tenuta dei laterizi possa essere stata anche un’infiltrazione di acqua.
Elementi che toccherà ora vagliare ai Vigili del fuoco che relazioneranno sull’accaduto. Intanto, nell’immediatezza, hanno proceduto a rimuovere altri lembi di intonaco rimasti penzolanti come una spada di Damocle e a meglio delimitare l’area da tenere chiusa.

(Foto Tony Vece)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie