Lunedì 10 Agosto 2020 | 01:39

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
SERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 
la denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 
Agricoltura
Basilicata, da regione 1mln per impianti viticoli

Basilicata, da Regione 1mln per impianti viticoli

 
SANITÀ
Addio al nuovo ospedale di Lagonegro: 176 milioni vanno all'ammodernamento

Lagonegro, addio al nuovo ospedale: 176 milioni vanno all'ammodernamento

 
LA SVOLTA
Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

 
LA CONDANNA
Rapolla, fucilata nella lite per il posto auto

Rapolla, fucilata nella lite per il posto auto

 
dati regionali
Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

 
L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaDopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
TarantoOccupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
Leccenel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
PotenzaIl caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

Sanità

Potenza, stop dialisi fino a gennaio
Scoppia il caso dei tetti di spesa

Budget esauriti, i titolari protestano: «È un salvavita»

dialisi

POTENZA - «La dialisi è un servizio che, di fatto, salva la vita al paziente e, per questo motivo, la Regione Basilicata non può continuare a prevedere tetti di spesa per le prestazioni in regime di convenzione». È il parere di Vincenzo Basentini, titolare della SM2 che gestisce gli unici due centri dialisi lucani non pubblici, a Potenza e Policoro, che operano in regime di convenzione. «È assurdo – ha aggiunto Basentini – che si preveda un tetto di spesa per un servizio così importante e per il quale il paziente è libero di scegliere se fruire del pubblico o del privato, come del resto per qualsiasi altra prestazione sanitaria».

Ma qual è il problema che il tetto di spesa farebbe sorgere? «I fondi che la Regione eroga, pari a circa 820mila euro all’anno, non coprono tutti e dodici i mesi. A questo punto cosa devo dire ai miei pazienti, che il servizio posso offrirlo solo da gennaio ad agosto?» si è chiesto Basentini. Per il quale, quindi, è assolutamente opportuno che via Anzio «elimini la previsione di un limite economico oltre il quale non si può andare. Peraltro, ci sono varie sentenze che glielo impongono e anche gli esempi di altre regioni, nelle quali il tetto di spesa per le prestazioni della dialisi non c’è».
Per Basentini il problema non è la solita querelle pubblico-privato, ma il fatto che, se una persona sceglie di farsi curare da una struttura privata, deve essergli poi data la possibilità di curarsi per tutto l’anno. «Sia chiara una cosa: io non sto chiedendo favoritismi o un occhio di riguardo per il privato, ma solo che ci si adegui a quanto prevedono le norme e, soprattutto, alla considerazione che la prestazione della dialisi è assolutamente necessaria per chi soffre di insufficienza renale cronica: se non fa la dialisi, infatti, quel paziente muore. Ma come faccio a spiegargli che io nei miei centri posso assicurargliela solo fino ad agosto perché la Regione mi assicura solo una parte dei fondi necessari?».

Qualcuno potrebbe obiettare che le istituzioni debbono comunque privilegiare la sanità pubblica. «Ma sa quanto costa la dialisi nel pubblico alla Regione? Per ogni paziente all’incirca 900 euro al mese. Nel privato, invece, circa 300 euro». Insomma, eliminando il tetto di spesa la Regione Basilicata, paradossalmente, potrebbe anche risparmiare. Ma solo in caso di incremento del numero di dializzati che scelgono il privato. La posizione di Basentini, inutile nascondersi, è destinata ad alimentare l’annoso dibattito sulla sanità in generale e sullo scontro pubblico-privato in generale. Basentini, però, non ci sta. «A parte il diverso costo che le ho appena riferito, voglio anche precisare che gli operatori di un centro privato svolgono solo quella funzione, mentre nel pubblico il personale, ovviamente, non è detto che operi solo nella dialisi. A mio giudizio la sanità pubblica ha un senso solo se assicura al paziente le prestazioni nell’ambito di un ricovero. La dialisi, però, sappiamo tutti che si fa un giorno sì e uno no. Pertanto, il paziente è impegnato tutto l’anno e credo che prevedere tetti di spesa sia assolutamente ingiusto. Voglio sperare che in Regione dirigenti e funzionari del settore della sanità si convincano che la dialisi è una prestazione che salva la vita». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie