Sabato 15 Dicembre 2018 | 21:10

GDM.TV

Wadowice, città natale di Wojtyla, aspetta Benedetto XVI

PapaWADOWICE - La foto di Benedetto XVI campeggia al centro del grande poster circolare, dietro di lui, vicino a una nuvola, sorride Giovanni Paolo II; sotto la data, 27 maggio 2006. Domani il Papa sarà qui, a Wadowice «dove tutto è cominciato», diceva Wojtyla e ripetono gli striscioni lungo le strade. «Sursum corda», «Wadowice semper fidelis», si legge sui manifesti disseminati per la cittadina e i dintorni, mentre si sistemano gli ultimi dettagli per l'arrivo di papa Ratzinger.
La chiesa dove il Papa polacco è stato battezzato è a fianco della casetta dove è nato, sulla piazza dove ha incontrato i concittadini e a qualche decina di metri dal ginnasio dove ha studiato dal '30 al '38. La parrocchia dell'Immacolata concezione, che Wojtyla eresse a basilica nel '92 ha la facciata appena dipinta, sul retro della casa natale è pronto il palco di legno sul quale Benedetto XVI celebrerà la messa, e il parroco Jacob Gil, nella sua severa talare nera, controlla gli ultimi dettagli. Il bar a destra del palco ha aumentato le vendite dei «kremowki» i dolci alla crema che facevano venire l'acquolina in bocca al Papa polacco, e una ordinanza del sindaco vieta per i prossimi giorni la vendita dei kremowki per il trasporto fuori città: potrebbero danneggiarsi e causare qualche mal di pancia, così si potranno mangiare solo a Wadowice. Da decenni la «Cukiernia», la pasticceria sul lato opposto della chiesa dove il giovane Karol comprava i suoi dolci, è stata sostituita da una banca, ma la tradizione dolciaria non è venuta meno.

Benedetto XVI visiterà l'appartamento dove è nato il predecessore, le prime tre stanze sono quelle dove viveva la famiglia Wojtyla e insieme con altre tre ospitano un museo, meta di migliaia di visitatori pazientemente accolte da suor Maddalena e dalle sue consorelle: smistano pantofole per non danneggiare il parquet sempre tirato a lucido, danno spiegazioni e sostegno, un vero e proprio lavoro, e la chiusura del museo da ieri al 28 è quasi un sollievo, una occasione per prepararsi all'incontro con papa Ratzinger. Sarà suor Maddalena a mostrargli foto e oggetti dell'infanzia e della giovinezza del predecessore, da queglli autentici come la stufa per cucinare, il ferro da stiro e il macinino, a una culla che non fu del Papa ma solo sua contemporanea, sormontata dalla foto di Wojtyla bimbo di pochi mesi.
Penne, pennini, libri, ma anche scarponi da sci, pila e sacco da campeggio ricostruiscono la vita del ragazzo che ha reso famosa Wadowice. Per ringraziare il Papa che viene a ricordarlo, i ragazzi di Wadowice, racconta don Janusz Zmuda, hanno organizzato un coro, e parteciperanno anche all'incontro di sabato pomeriggio al Blonie di Cracovia.
L'orgoglio di aver contribuito a formare cultura e personalità del futuro papa Wojtyla è palpabile nel ginnasio della cittadina, dove Benedetto XVI non andrà personalmente e dove la sua visita in città sarà seguita con grande attenzione. Karol era il migliore alunno del suo corso: Jan Szewczyk, direttore del ginnasio, che oggi è un liceo scientifico, mostra il registro con la pagella di Karol, tutti «bardzo dobry», cioè tutti «ottimo». Come alunno più bravo del ginnasio fu Karol, nel '38, a rivolgere il discorso di benvenuto all'arcivescovo di Cracovia Adam Sapieha giunto ad amministrare le cresime. Il cardinale gli chiese che studi avrebbe fatto, il giovane rispose «letteratura» e Sapieha si rammaricò che non si iscrivesse a teologia. Sapihea avrebbe poi accolto Karol nel seminario clandestino allestito a Cracovia durante l'occupazione nazista e, nel '46, lo avrebbe ordinato prete nella cattedrale del Wawel.
Presto, spiega Szewczyk, ci sarà una targa sulla facciata della scuola a ricordare Wojtyla e una delle aule in cui ha studiato sarà trasformata in un piccolo museo. Farà memoria degli anni spensierati di Karol accanto a compagni cari, come Ginka e Jurek, entrambi ebrei: Ginka è stata inghiottita dall'Olocausto, e ben dieci dei 40 compagni di Karol nella maturità del '38 sono morti durante gli anni di guerra. Così con il cuore Wadowice sarà vicina a Benedetto XVI anche domenica pomeriggio, durante la visita al campo di sterminio nazista di Auschwitz.

Giovanna Chirri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini