Mercoledì 17 Agosto 2022 | 10:23

In Puglia e Basilicata

Troppa differenza ingrosso-dettaglio: pastai da Mr Prezzi

Troppa differenza ingrosso-dettaglio: pastai da Mr Prezzi
Il Garante per la sorveglianza dei prezzi del ministero dello sviluppo, Roberto Sambuco, ha convocato produttori e filiera commerciale del settore per il 19 gennaio. Dovranno fornire chiarimenti su «la congruità della formazione del prezzo al dettaglio della pasta rispetto a quelli all’ingrosso e della materia prima». Con l'accusa d'aver fatto "cartello", l'Antitrust alla fine dello scorso febbraio ha multato 22 società per un totale di 12 milioni. E a dicembre c'è stato il blitz della procura di Roma, che ha avviato un'indagine sui rincari: Guardia di Finanza nelle sedi di cinque big della pasta (Barilla, Garofalo, la pugliese Divella, De Cecco e Amato) per sequestrare documenti

03 Gennaio 2010

ROMA – Nuova tegola sui produttori di pasta italiana. Mr Prezzi, o meglio il Garante per la sorveglianza dei prezzi del ministero dello sviluppo Roberto Sambuco, ha chiamato a rapporto i produttori e la filiera commerciale del settore. Dovranno fornire chiarimenti su «la congruità della formazione del prezzo al dettaglio della pasta rispetto a quelli all’ingrosso e della materia prima». L’appuntamento è per il 19 gennaio. 

Per i pastai, già multati dall’Antitrust con l’accusa di fare cartello e recentemente al centro di una iniziativa della Procura di Roma, si apre così un nuovo fronte. Che, senza prevedere multe o reati, punterà sull'arma della moral suasion per un affievolimento dei prezzi. 

Il fatto è semplice. «Al termine di un’osservazione protrattasi per un anno – è scritto in un comunicato del ministero guidato da Claudio Scajola – in cui sono emerse problematiche sull'andamento dei prezzi della pasta». In pratica quando i prezzi del grano solo saliti, gli spaghetti e i maccheroni sono rincarati anche di più. Quando la «bolla» del frumento è scoppiata, il prezzo della pasta sugli scaffali non ha invece registrato cali significativi. 

I dati sul tavolo di Mr prezzi indicano che nell’ottobre 2006 - secondo quanto riportato da una recente inchiesta d'un quotidiano nazionale – il frumento duro costava 0,15 euro, un chilo di semola semilavorato 0,27 euro, un chilo di pasta 1,18 euro. A fine novembre 2009 i prezzi erano aumentati rispettivamente del 4,2% per il frumento (a 18 cent), del 7,1% per la semola (a 31 cent), del 39,7% per la pasta (a 1,65 euro). Nell’ultimo anno il prezzo della pasta è comunque sceso: -4,7% rispetto ad ottobre 2008. Ma se si guarda frumento e semola le contrazioni sono state ben più decise: -30,5 e -26,6%. 

Attorno al tavolo di Mr Prezzi saranno in molti. Ci saranno i «colleghi» del Saco, il braccio operativo del ministero delle Politiche Agricole e Alimentari che si occupa di qualità e tutela del consumatore. Ma anche imprenditori e commercianti: Federalimentare; Confapi; Confcommercio; Confesercenti; Anc-Conad; Ancc-Coop; Federdistribuzione; Cna Alimentare; Confartigianato; Unipi-Unione Industriale Pastai Italiani; Italmopa-Associazione Industriale Mugnai Pastai d’Italia; Unioncamere e Ismea. Ma i pastai anche recentemente sono finiti nell’occhio del ciclone. L’Antitrust alla fine dello scorso febbraio ha multato 22 società per un totale di 12 milioni, una multa che il Tar del Lazio ha confermato in ottobre. 

È di dicembre poi il blitz organizzato dalla procura di Roma, che ha avviato un’indagine sui rincari e il 15 dicembre ha inviato la Guardia di Finanza anche nelle sedi di cinque big della pasta (Barilla, Garofalo, la pugliese Divella, De Cecco e Amato) per sequestrare documenti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725