Martedì 28 Giugno 2022 | 23:22

In Puglia e Basilicata

Urbanistica

Puglia, cancellati gli «espropri d’oro». La Consulta: norma incostituzionale

Consulta

Stop alla norma del 2005 che introduceva un principio di perequazione tra i proprietari dei suoli

19 Maggio 2022

Massimiliano Scagliarini

BARI - Una controversia tra un privato e il Comune di Polignano ha portato la Consulta a dichiarare incostituzionale un pezzo non secondario delle norme pugliesi in materia di espropri. Ovvero quelle cinque righe, approvate a febbraio 2005, in base a cui «sono da considerarsi, comunque, sempre legalmente edificabili tutte le aree ricadenti nel perimetro continuo delle zone omogenee di tipo A, B, C e D».

Quella norma fu considerata un primo tentativo di inserire il concetto di perequazione nell’ordinamento regionale. Significa infatti - banalizzando all’estremo - che a un’area a servizi ricadente all’interno di una zona di espansione va attribuito lo stesso valore dell’area vicina destinata dal prg a edifici residenziali. E dunque - nel momento in cui il Comune decide di realizzare una scuola ed espropria l’area a servizi - il suo proprietario avrà diritto a una indennità parametrata non al valore venale del suolo, ma a quello delle aree edificabili.

Ecco che il proprietario di un’area destinata a...

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO SULLA NOSTRA DIGITAL EDITON

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725