Mercoledì 13 Novembre 2019 | 06:07

NEWS DALLA SEZIONE

È di Molfetta
Messico, pirati attaccano nave italiana e sparano: ferito marinaio pugliese

Messico, pirati attaccano nave italiana e sparano: ferito marinaio pugliese

 
Il vertice
Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

 
nel Foggiano
S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

 
serie c
Bari, capitan Di Cesare: «Voglio vincere il campionato»

Bari, capitan Di Cesare: «Voglio vincere il campionato»

 
I dati dell'Inps
Quota 100, presentate oltre 201mla domande: Bari sesta città in Italia. Ma sono 100mila in meno

Quota 100, presentate oltre 201mila domande: Bari sesta città in Italia. Ma sono 100mila in meno

 
l'annuncio
Sanità, Emiliano: «Nuovi servizi nelle farmacie della Puglia»

Sanità, Emiliano: «Nuovi servizi nelle farmacie della Puglia»

 
la tragedia nel 2016
Scontro treni Puglia, chiesta condanna ex dirigente Ministero Infrastrutture

Scontro treni Puglia, chiesta condanna ex dirigente Ministero Infrastrutture

 
il provvedimento
Bari, equipaggio non preparato e scarse misure di sicurezza: Guardia Costiera trattiene al porto nave cipriota

Bari, scarse misure di sicurezza: Guardia Costiera trattiene al porto nave cipriota

 
nel Foggiano
Cerignola, vuole sfuggire all'alt perché ha l'hashish, investe poliziotto e scappa: preso

Cerignola, vuole sfuggire all'alt perché ha l'hashish, investe poliziotto e scappa: preso

 
i fatti nel 2017
Bari, uccise la ex e chiuse il corpo nell'armadio: condannato a 22 anni

Bari, uccise la ex e chiuse il corpo nell'armadio: condannato a 22 anni

 
il processo a Lecce
Giustizia svenduta a Trani, cento testimoni per Nardi, anche Conte e Lotti

Giustizia svenduta a Trani, cento testimoni per Nardi, anche Conte e Lotti

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatPalazzo Della Marra
Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

 
BrindisiIl vertice
Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

 
TarantoL'inchiesta
Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

 
Lecceil film Disney
Giuliano Sangiorgi nella colonna sonora di Frozen 2

Giuliano Sangiorgi nella colonna sonora di Frozen 2

 
BariLe iniziative
Bari, un giardino e il videomapping: l'Amgas prepara il Natale

Bari, un giardino e il videomapping: l'Amgas prepara il Natale

 
Foggianel Foggiano
S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

 
Potenzala visita
Ministro Lamorgese a Potenza: «Reati diminuiti, ma vigiliamo»

Ministro Lamorgese a Potenza: «Reati diminuiti, ma vigiliamo»

 
Materameteo
Maltempo, tromba d'aria nel Materano, scuole chiuse

Maltempo, tromba d'aria nel Metapontino, acqua a fiumi per le strade. Domani scuole aperte

 

i più letti

Il caso nel Barese

Calcio, l'allenatore: «Via i calciatori rissosi». Il club: «Te ne vai tu»

Angelo Corti, tecnico del Rutigliano, squadra che milita in promozione, è stato messo alla porta dalla società che ha preferito tenersi i giocatori.... vivaci

Calcio, l'allenatore: «Via i calciatori rissosi». Il club: «Te ne vai tu»

Un allenatore nel pallone. Meglio: un allenatore finisce metaforicamente nel pallone per colpa letteralmente del pallone.
Ci arriviamo.

Chi l'ha detto che il destino sappia sempre dove andare a srotolare i panni? Piuttosto, la vita riserva assai spesso quel che non t'aspetti. E il ronzio della fregatura, che vorresti fosse solo un bruscolino da scacciare con una strizzatina di palpebra, si trasforma in un distacco di retina che ti lascia al buio senza nemmeno orizzonti di pensiero. È la vita? È il calcio.

La storia che fa riflettere, per l’eterogenesi dei fini, arriva dai campi minori che spesso ha sussulti maggiori rispetto al calcio stellare del barnum mediatico. Ed è una storia la cui sintesi perfetta è nel titolo di un cult degli Anni Ottanta, L’allenatore nel pallone, appunto. Non c’è un Lino Banfi che interpreta Oronzo Canà e nemmeno bizone e moduli marziani. Il paesaggio calcistico è comunque pugliese: i tendoni dell’uva di Rutigliano e le percoche di Canosa.

Il fatto: domenica scorsa, Canosa-Rutigliano, partita valida per la sesta giornata del girone A del campionato di Promozione Pugliese, finisce con la vittoria per tre reti a zero a favore degli ofantini. Fine gara da vergogna: è rissa. Impossibile un barometro della violenza; stabilire le gradazioni serve a poco. Fatto sta che un nugolo di calciatori da entrambi le parti mette in scena il peggio di sé. Le punizioni del giudice sportivo parlano da sole e pendono dal lato della «Rinascita Rutiglianese» (sì, il nome della squadra evoca resurrezione): quattro turni di squalifica a due dei quattro «rinati». L’allenatore dei granata dell’uva da tavola si chiama Angelo Corti. È sulla soglia dei quarant’anni, mastica pane e pallone da lustri e non passa affatto per uno con la patente dello sprovveduto.

Corti rincasa dalla rissa con la voglia di smarcarsi dal così fan tutti. Scrive un messaggio su un social media per dissociarsi dai «suoi» giocatori coinvolti nella rissa e ruggisce le dimissioni: l’indignazione non basta; nel circo massimo dei buoni- solo-a- parole è bene non perdere il frustino.

Corti fa di più: in un colloquio informale con i dirigenti della società chiede l’allontanamento dei rissosi, altrimenti non sarebbe rientrato in panca. Punirne quattro, per educare tutti.

Ammesso che le cose siano andate davvero così, quattro giocatori fuori in cambio di un allenatore dentro, è una condizione obiettivamente difficile da accettare per qualunque dirigente di club. Vero. Ma sarebbe davvero stata la più bella «Rinascita» e la decisione avrebbe fatto scuola.

Il club ha ringraziato il mister e ne ha accettato le dimissioni. Sicché quella catena di attimi etici che Corti ha pensato portassero anche i tiepidi a nuovi anticorpi contro il pugilato calcistico si è spezzata in maniera miserevole. E all’allenatore nel pallone non resta che pensarla come Ghandi: «Non si finisce mai di (ri)costruire se stessi». Specie tra tendoni d’uva e virgulti di percoco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie