Venerdì 14 Dicembre 2018 | 22:44

Dopo la Coppa Italia

Bari, il danno e la beffa

Archiviata la sconfitta con il Bitonto, ora si teme per Floriano

Roberto Floriano

Roberto Floriano

La sconfitta con il Bitonto passa in archivio come la prima serata no dell'era De Laurentiis. E non tanto per lo 0-1 che insieme significa primo stop stagionale ed eliminazione dalla Coppa Italia di serie D. L'importanza di tale manifestazione, infatti, è relativa (aumenta i punteggi in caso di ripescaggio in C) per una compagine che, come i biancorossi, è deputata a vincere il campionato. Anzi. Probabilmente, la truppa di Cornacchini evita un autentico tour de force, poiché sarebbe stata "condannata" a giocare ogni tre giorni per i prossimi due mesi, dovendo recuperare due turni accumulati per aver cominciato la stagione in ritardo e non aver potuto disporre dello stadio San Nicola. Senza dimenticare che, tra novembre e dicembre, sono in programma comunque due turni infrasettimanali di campionato.

Preoccupa, invece, l'infortunio occorso a Roberto Floriano, prima subentrato, poi uscito a pochi secondi dal termine pere un risentimento muscolare. L'auspicio è che l'esterno ex Foggia si sia fermato in tempo per evitare un'assenza lunga: nella rosa biancorossa, non esiste un altro elemento in grado di garantire la sua capacità di saltare l'uomo e creare superiorità numerica. Domani, la punta 32enne si sottoporrà ad ecografia di controllo: a meno di miracoli, comunque, il suo recupero per il match di domenica contro la Cittanovese è altamente improbabile. Il Bari, però, non ha alibi: urge risollevarsi subito e proseguire la marcia in campionato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400