Lunedì 17 Dicembre 2018 | 07:54

NEWS DALLA SEZIONE

A Polignano e Milano
Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

 
5 sparatorie nell'estate 2015
Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

 
La mostra
A Nudo, a Gioia del Colle la personale dell'architetto Egidio Patarino

A Nudo, a Gioia del Colle la personale dell'architetto Egidio Patarino

 
Strade pulite
Cani, a Bari una moto per aspirare i bisognini

Cani, a Bari una moto per aspirare i bisognini

 
L'evento
Edilizia giudiziaria e dl anticorruzione, a Bari summit nazionale dei penalisti

Edilizia giudiziaria e dl anticorruzione, a Bari summit nazionale dei penalisti

 
Fermato dalla Digos
Terrorismo: somalo fermato a Bari aveva foto del Vaticano nel telefono

Terrorismo: somalo fermato a Bari aveva foto del Vaticano nel telefono

 
Il caso
Polemica sul documentario antiaborto al liceo: la scuola avvia le verifiche

Monopoli, scoppia la polemica sul documentario antiaborto: verifiche nel liceo

 
La decisione del Riesame
Clan e scommesse online, Tommy Parisi scagionato dall'aggravante mafiosa

Clan e scommesse online, Tommy Parisi resta in cella ma non per mafia

 
Lotta allo spaccio
Castellana Grotte, spacciava hashish e metadone: arrestato giornalaio

Castellana Grotte, spacciava hashish e metadone: arrestato giornalaio

 
La rivolta
Bari, migranti danno fuoco ai moduli per il rimpatrio al centro di permanenza

Bari, migranti incendiano locali Centro di permanenza: 5 feriti

 
Il villaggio
San Nicola in Fiera a Bari: tra folla e polemiche

San Nicola in Fiera a Bari: tra folla e polemiche

 

La richiesta

M5S, chiede dimissioni Mangano: «Condannato per violenza sessuale non rappresenti la Puglia»

«Crediamo nella giustizia e rispettiamo il lavoro dei magistrati ma, in attesa di eventuali risvolti, riteniamo che per il momento questo profilo sia una scelta quantomeno inopportuna»

M5S, chiede dimissioni Mangano: «Condannato per violenza  sessuale non rappresenti la Puglia»

Facebook

BARI - «Un condannato per violenza sessuale non può rappresentare la Puglia nel mondo». Lo sostiene il Movimento 5 Stelle pugliese che chiede al presidente della Regione, Michele Emiliano, di «revocare la nomina di Michele Mangano a consigliere del Consiglio Generale dei Pugliesi nel Mondo».

«Mangano, artista e coreografo, è entrato dallo scorso 15 settembre nel Consiglio del Cgpm nonostante la condanna in primo grado per violenza sessuale su una ragazza minorenne e ci chiediamo come mai in Regione nessuno abbia sollevato dubbi - sottolineano i cinquestelle - sull'opportunità di conferirgli questo incarico prima che venga chiarita la sua posizione».
«Crediamo nella giustizia e rispettiamo il lavoro dei magistrati ma, in attesa di eventuali risvolti, riteniamo che per il momento questo profilo sia una scelta quantomeno inopportuna e - concludono i cinquestelle - in contrasto con un ruolo di rappresentanza dei pugliesi nel mondo». 

LA REPLICA DI EMILIANO - «Il presidente della Regione non ha il potere di designazione dei componenti del Consiglio direttivo dei Pugliesi nel Mondo in quanto, per statuto, vengono designati direttamente dalle associazioni che costituiscono l’assemblea. Ciononostante - si legge in una nota della Regione - il presidente Michele Emiliano ha invitato, tramite il dirigente di settore, il neodesignato signor Michele Mangano a non accettare la designazione delle associazioni, avendo appreso oggi della sua condanna in primo grado per violenza sessuale su minore e ritenendo tale circostanza assolutamente inopportuna in relazione al ruolo di consigliere dei Pugliesi nel Mondo. Poiché nella legge istitutiva del Consiglio dei Pugliesi nel Mondo non è prevista la facoltà per il Presidente della Regione di verificare i requisiti morali dei consiglieri designati dalle associazioni e di rifiutare il decreto di nomina, né il potere di revoca dei consiglieri nominati in casi del genere di quello in discorso, e neppure la possibilità di adottare provvedimenti sospensivi della designazione o della nomina in attesa della sentenza definitiva, il presidente Emiliano presenterà a sua firma un disegno di legge al Consiglio regionale perché questa facoltà sia immediatamente prevista in capo al Consiglio stesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400