Domenica 21 Ottobre 2018 | 07:26

NEWS DALLA SEZIONE

In via Brigata Regina
Bari, scontro tra moto e auto: muore un ragazzo di 17 anni

Bari, terribile scontro tra moto e auto: muore un ragaz...

 
Ad Acquaviva delle Fonti (Ba)
Ruba al mercato due carte di credito con relativi pin, arrestata

Ruba al mercato due carte di credito con relativi pin, ...

 
Divisa in 50 panetti
In auto con 26kg di droga, arrestato pregiudicato a Mola di Bari

In auto con 26kg di droga, arrestato pregiudicato a Mol...

 
A Sammichele
Cede finestra a scuola, ferita ausiliaria

Cede finestra a scuola, ferita ausiliaria

 
E' ai domiciliari
Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in manette

Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in m...

 
Commercio
Bari, dopo 66 anni chiudestorica salumeria De Carne«Il marchio lo porto con me»

Bari, dopo 66 anni chiude storica salumeria De Carne «I...

 
Il nodo intramoenia
Ospedali, il giallo visite a pagamentodei medici: le Asl non forniscono i dati

Ospedali, il giallo visite a pagamento dei medici: le A...

 
Svolta nelle indagini
Pizzaiolo di Gravina uccisoa Ravenna: fermato straniero

Pizzaiolo di Gravina ucciso a Ravenna: fermato stranier...

 
Operazione Ragnatela
Bari, blitz della Finanza contro usurai: 5 arresti, sequestrati beni

Bari, blitz della Gdf contro clan usurai Capodiferro: 5...

 
Aveva 31 anni
Bari, cadavere di georgianopescato nel molo S. Antonio

Bari, cadavere di georgiano
pescato nel molo S. Antonio

 
Il bando
Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: il Comune stanzia 300mila euro

Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: Comune stanzia...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

La richiesta

M5S, chiede dimissioni Mangano: «Condannato per violenza sessuale non rappresenti la Puglia»

«Crediamo nella giustizia e rispettiamo il lavoro dei magistrati ma, in attesa di eventuali risvolti, riteniamo che per il momento questo profilo sia una scelta quantomeno inopportuna»

M5S, chiede dimissioni Mangano: «Condannato per violenza  sessuale non rappresenti la Puglia»

Facebook

BARI - «Un condannato per violenza sessuale non può rappresentare la Puglia nel mondo». Lo sostiene il Movimento 5 Stelle pugliese che chiede al presidente della Regione, Michele Emiliano, di «revocare la nomina di Michele Mangano a consigliere del Consiglio Generale dei Pugliesi nel Mondo».

«Mangano, artista e coreografo, è entrato dallo scorso 15 settembre nel Consiglio del Cgpm nonostante la condanna in primo grado per violenza sessuale su una ragazza minorenne e ci chiediamo come mai in Regione nessuno abbia sollevato dubbi - sottolineano i cinquestelle - sull'opportunità di conferirgli questo incarico prima che venga chiarita la sua posizione».
«Crediamo nella giustizia e rispettiamo il lavoro dei magistrati ma, in attesa di eventuali risvolti, riteniamo che per il momento questo profilo sia una scelta quantomeno inopportuna e - concludono i cinquestelle - in contrasto con un ruolo di rappresentanza dei pugliesi nel mondo». 

LA REPLICA DI EMILIANO - «Il presidente della Regione non ha il potere di designazione dei componenti del Consiglio direttivo dei Pugliesi nel Mondo in quanto, per statuto, vengono designati direttamente dalle associazioni che costituiscono l’assemblea. Ciononostante - si legge in una nota della Regione - il presidente Michele Emiliano ha invitato, tramite il dirigente di settore, il neodesignato signor Michele Mangano a non accettare la designazione delle associazioni, avendo appreso oggi della sua condanna in primo grado per violenza sessuale su minore e ritenendo tale circostanza assolutamente inopportuna in relazione al ruolo di consigliere dei Pugliesi nel Mondo. Poiché nella legge istitutiva del Consiglio dei Pugliesi nel Mondo non è prevista la facoltà per il Presidente della Regione di verificare i requisiti morali dei consiglieri designati dalle associazioni e di rifiutare il decreto di nomina, né il potere di revoca dei consiglieri nominati in casi del genere di quello in discorso, e neppure la possibilità di adottare provvedimenti sospensivi della designazione o della nomina in attesa della sentenza definitiva, il presidente Emiliano presenterà a sua firma un disegno di legge al Consiglio regionale perché questa facoltà sia immediatamente prevista in capo al Consiglio stesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400