Giovedì 21 Marzo 2019 | 08:47

NEWS DALLA SEZIONE

Cassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
A Bari
Tentò di investire condomino e lo perseguitò per anni: divieto di avvicinamento per stalker

Tentò di investire condomino e lo perseguitò per anni: divieto di avvicinamento per stalker

 
Gratuito patrocinio
Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

 
La «Rendella»
Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

 
Di Corrado Veneziani
Bari, per la giornate Fai apre la Banca d'Italia con mostra 500 anni di Leonardo

Bari, per le giornate Fai apre la Banca d'Italia con mostra 500 anni di Leonardo

 
Alla Casa del Popolo di Bari
Mister Ulivieri ricorda Maestrelli e si schiera: «Voterò la sinistra del noi»

Mister Ulivieri ricorda Maestrelli e si schiera: «Voterò la sinistra del noi»

 
L'operazione dei cc
Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

 
Il caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
L'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
Operazione dei Cc
Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

Al Policlinico

Bari, formiche in reparto
«Chiusa la Rianimazione»

Intervento straordinario. La direzione sanitaria: era un'attività programmata

Bari, formiche in reparto«Chiusa la Rianimazione»

Una foto della Rianimazione

Formiche a Ferragosto. Sembra il titolo di un film fantasy, di uno di quei lungometraggi di animazione della Disney. Ma quel che è accaduto al Policinico di Bari è una storia vera, un film tragicomico che ha visto come protagonisti da una parte i laboriosi insetti e dall’altra i pazienti intubati del reparto di Rianimazione del «De Blasi», al piano terra del padiglione Asclepios.
È martedì 14. Qualcuno entra in un cucinotto del reparto e si ritova davanti una... colonia di formiche, un «battaglione» normalmente innocuo, ma non in uno dei reparti più isolati del nosocomio barese. Scatta l’emergenza. I piani alti vengono informati. È proprio il caso di anticipare uno degli interventi di disinfestazione straordinaria, comunque previsti nell’arco dell’anno, come informa la direzione sanitaria.

Stavolta, però, deve esserci stata un’accelerazione se i lavori di sanificazione sono previsti addirittura per il giorno di Ferragosto. Del resto, Rianimazione è anche uno degli snodi del Policlinico. È dal «Sebastiano De Blasi» che passano i casi più gravi del pronto soccorso, anche quelli che poi vengono dirottati altrove. La nuova Rianimazione d’urgenza, inaugurata nell’aprile del 2015, nasce proprio per operare direttamente in collegamento con la sala rossa del pronto soccorso, con il quartiere operatorio e tutto il sistema dell’emergenza-urgenza di Asclepios (cardiologia, radiologia, centro ustioni, unità spinale, chirurgie varie). La nuova struttura (8 posti letto fissi) si è aggiunta alla Rianimazione già esistente (16 posti nel padiglione «Antonio Brienza»).

Prima di intervenire per scacciare gli... invasori è però necessario organizzare lo sgombero dei pazienti ricoverati, tra cui anche uno dei feriti accoltellati 15 agosto al quartiere San Paolo (i dettagli in un’altra pagina dell’edizione di oggi). Gli operatori, infatti, intervengono con tutte le precauzioni di rito e, dopo le dimissioni di quattro persone, spostano gli altri quattro degenti, trasferendoli nella sala «Arcobaleno», di pertinenza del reparto, ma spesso utilizzata anche per esigenze legate alla sala operatoria. A questo punto, gli addetti della Sanitaservice, società in house dell’Azienda ospedaliera, possono intervenire, chiamati al lavoro a Ferragosto per due giorni, compresa dunque la giornata di ieri. «In serata - afferma Savino Soldano, dirigente medico della direzione sanitaria - i lavori dovrebbero essere terminati. Da domani (oggi per chi legge - ndr) la situazione tornerà alla normalità».

Dalla direzione sanitaria fanno rientrare comunque l’intervento nell’ambito di una programmazione prestabilita. «Rientra - spiega Soldano, il facente funzioni, in assenza del direttore sanitario Matilde Carlucci, e in attesa dell’insediamento del nuovo direttore generale Giovanni Migliore - nell’ambito del normale ciclo di interventi di sanificazione periodica. Il 19 luglio, ad esempio, siamo intervenuti al «Brienza», una decisione presa in pochissimo tempo perché è ciò che accade di solito. Quando la situazione generale ce lo consente procediamo. Così è accaduto anche per il De Blasi».

La fine è scontata: tutto è bene quel che finisce bene. I pazienti di Rianimazione possono tornare al loro posto, le formiche... anche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400