Martedì 25 Settembre 2018 | 14:37

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

la città perduta

Grotta Regina, a Bari una bomba ecologica

Un varco nel muro e l’ex ristorante di Torre a Mare è diventato un insidioso bivacco

Grotta Regina, a Bari una bomba ecologica

Il rudere di Grotta Regina a Torre a Mare

BARI - «Dove festeggi? Al ristorante Grotta Regina, a Torre a Mare. Ah bellissimo, quel posto, sul mare, una meraviglia». Un tempo, in effetti, una meraviglia lo era davvero. Un locale in riva al mare, di proprietà della storica famiglia Calabrese che, negli anni Settanta ha rappresentato una delle location più esclusive per i baresi. Politici, imprenditori, professionisti: la Bari bene dell’epoca sceglieva «Grotta Regina» per organizzare eventi esclusivi, ricevimenti, matrimoni e feste di compleanno. Una vera chicca la balconata sul mare che rappresentava la zona chic del locale, in particolare per i giovani che si ritrovavano a sorseggiare drink e cocktail. Anche a settembre, durante la settimana che ospitava la Campionaria barese, spesso si organizzavano pranzi e buffet di lavoro. Occasioni nelle quali, certamente, sono nati accordi e impegni per la crescita e lo sviluppo della città. Ma il ristorante aveva il suo perché anche d’inverno. Tantissimi i veglioni di fine anno o le cene romantiche da consumare guardando oltre i vetri il mare in tempesta.

Oggi di quella meraviglia non esiste più nulla. Anzi, si è trasformato in un luogo di degrado, abbandono e persino di pericolo che cresce di giorno in giorno. Muri che cadono a pezzi, bici e oggetti di vario genere arrugginiti, scalini pericolanti, rifiuti di ogni genere: questo è ora Grotta Regina. Ufficialmente i documenti catastali parlano di una struttura di proprietà del Demanio che, attraverso una convenzione, è stata affidata in gestione al Comune di Bari. Una gestione che va avanti dal 2013, quando l’amministrazione comunale contestò ai proprietari il mancato pagamento del canone di concessione demaniale ritirando l’autorizzazione a gestire l’immobile. Poi la ciliegina sulla torta. Nella notte tra il 3 e il 4 settembre del 2015 la struttura è stata completamente distrutta da un incendio. Le indagini sono ancora aperte ma l’ipotesi più seguita è che si sia trattato di un rogo di natura dolosa senza escludere tuttavia quella del corto circuito visto che dal 2013 era stato sospeso il servizio di energia elettrica.

Grotta Regina attualmente è inserita nella lista dei beni che il Comune è intenzionato a dare in gestione ma la struttura necessita di una serie di interventi strutturali. Intanto ora il degrado regna sovrano. E c’è di più. Recentemente qualcuno ha pensato di aprire un varco in un muro, come dimostra il reportage fotografico, per entrare indisturbato nell’immobile. A dimostrarlo è il tappeto di rifiuti di cibo non completamente avariato e lasciato sul pavimento. Ragazzi che vanno a prendere il sole, immigrati, senza tetto. «Qui entra di tutto – commentano i residenti – di notte, di giorno, ormai è diventata una discarica a cielo aperto e un luogo di ritrovo per chi non ha tetto. Prima o poi qualcosa accadrà. Forse è il caso che qualcuno si accorga di questo scempio».

ANNADELIA TURI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Emiliano: «A Bari il fascismo non passerà», stasera il corteo

Emiliano: «A Bari il fascismo non passerà», stasera il corteo

 
Periferie animate, i registi under 35 insegnano l'inclusione

Periferie animate, i registi under 35 insegnano l'inclusione

 
Palo, a fuoco autorimessasotto sequestro

Palo, a fuoco autorimessa
sotto sequestro

 
Bari, aggressione a corteo anti Salvini, la Cgil: «Domani tutti in piazza»

Bari, aggressione a corteo anti Salvini «Tutti in piazza». Legali Casapound: nessun assalto

 
Bari, sparatoria a Carbonara: un morto e un ferito

Bari, inseguimento con sparatoria per strada: un morto e un ferito grave. Sono i figli del boss ucciso nel 1994 VD

 
Ruvo, scoperto supermarket della droga: arrestata coppia di pusher

Ruvo, scoperto supermarket della droga: arrestata coppia di pusher

 
Disabili a Bari

Bari, scivoli e percorsi per disabili: per Natale i primi cantieri

 
Bari Omicidio di una trans

Omicidio trans a Bari, le sue ultime ore nella stradina senza uscita

 

GDM.TV

Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

 
Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 

PHOTONEWS