Venerdì 24 Gennaio 2020 | 08:01

NEWS DALLA SEZIONE

al teatroteam
«Tradizione e Tradimento»: il concerto di Niccolò Fabi a Bari è un viaggio onirico

«Tradizione e Tradimento»: il concerto di Niccolò Fabi a Bari è un viaggio onirico

 
Due uomini
Bari, sorpresi sulla Modugno-Carbonata a scaricare rifiuti: denunciati

Bari, sorpresi sulla Modugno-Carbonara a scaricare rifiuti: denunciati

 
Sequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
Lotta per la sopravvivenza
Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

 
L'intervista
Gazzetta e Polizia stradale insieme per prevenire gli incidenti

Gazzetta e Polizia stradale insieme per prevenire gli incidenti

 
Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 
Il video
Bari, il mercato Santa Chiara visto dall'alto. Decaro: «Fine lavori entro l’estate»

Bari, il mercato Santa Chiara visto dall'alto. Decaro: «Fine lavori entro l’estate»

 
Nel foggiano
Alberona illuminata dai «Fuochi di Sant’Antonio»

Alberona illuminata dai «Fuochi di Sant’Antonio»

 
Il video
La pantera di San Severo si aggira per le campagne: il primo avvistamento

La pantera di San Severo si aggira per le campagne: il primo avvistamento

 
La trovata
Bari, pescatori ingegnosi: lavano polpi in lavatrice «artigianale» in riva al mare

Bari, pescatori ingegnosi: arricciano polpi in lavatrice «artigianale» in riva al mare

 
L'ex premier
Renzi: ecco perché Italia Viva non appoggerà Emiliano alle Regionali

Renzi: ecco perché Italia Viva non appoggerà Emiliano alle Regionali

 

Il Biancorosso

contro la Reggina
Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
TarantoLa decisione
Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020

Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020. Dopo Consiglio ministri riunione su dossier 

 
BariAmbiente
La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

 
FoggiaIl procedimento
Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
BrindisiIl caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Leccenel Leccese
Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

In corteo

Bari, tensione durante la protesta dei pescatori: agenti feriti da bomba carta
Bloccato varco Porto per alcune ore

Arrivati alle porte dell'autorità portuale i pescatori hanno raggiunto il capoluogo per protestare anche diversi rappresentanti di categoria dalla provincia

BARI - Sale la tensione durante il corteo di protesta organizzato dai pescatori pugliesi, che dal molo San Nicola ha raggiunto in mattinata l'Autorità portuale, per chiedere all'Europa leggi meno restrittive sulla pesca. Due poliziotti in servizio d’ordine al corteo delle marinerie pugliesi sono stati medicati da personale del 118 dopo che lo scoppio di una bomba carta lanciata da un manifestante ha provocato un trauma cranico con amnesia retrograda ad un agente e una nucalgia ad un altro.

I due poliziotti sono stati portati in ospedale il primo in codice giallo, l’altro in codice verde. Alcuni pescatori hanno fatto ricorso, oltre ai petardi, anche alle pistole di segnalazione che si utilizzano in mare.

Ecco le immagini di quei momenti concitati. La protesta si è infiammata davanti l'ingresso dell'autorità portuale. I pescatori non accennano a fermarsi e stanno proseguendo il corteo verso la Fiera del Levante.

INCONTRO IN PREFETTURA - Sarà ricevuta in prefettura una delegazione dei circa 500 pescatori che manifestano da questa mattina a Bari e che hanno mandato in tilt il traffico nel centro cittadino e bloccato l’accesso e l’uscita dei camion dal porto. Durante la manifestazione a causa dello scoppio di un petardo, due agenti di Polizia, uno della Digos e uno del Reparto Mobile, sono stati soccorsi e medicati. Sono al vaglio degli investigatori le riprese di tv e della polizia per individuare il gruppo di facinorosi.

I pescatori chiedono alla politica di intercedere con l’Ue affinché autorizzi l’uso di reti da pesca a maglia più stretta. Le attuali non consentono, a detta dei pescatori, di trattenere anche specie adulte di pesci seppure di piccole dimensioni, subendo notevoli perdite economiche. I manifestanti sono attualmente in sit-in al lungomare Vittorio Veneto, angolo via Brigata Regina, nei pressi dell’accesso al porto.

LA PROTESTA - Centinaia di pescatori - anche provenienti dai comuni della provincia e non solo (Barletta, Bisceglie, Giovinazzo, Manfredonia, Margherita di Savoia, Mola di Bari, Monopoli e Molfetta) - hanno manifestato in mattinata a Bari per chiedere al governo che «i limiti insensati imposti dall’Ue» sulle dimensioni dei pesci da pescare vengano «ridiscussi». «Non lasceremo la strada - avvertono - fino a quando non avremo ottenuto giustizia per il nostro lavoro. Fra noi ci sono tantissimi giovani sotto i 30 anni e non vogliamo che l’ottusità di queste leggi costringa anche loro a lasciare il sud». "Basta normative.

Siamo pescatori, non ragionieri" e "Non vogliamo reddito di cittadinanza, solo lavoro" sono solo alcuni degli striscioni di protesta che i manifestanti stanno esponendo durante la marcia, partita alle 9.

I pescatori parlano nello specifico di "Limiti insensati, fra cui la dimensione ridotta della maglia - spiegano  in una nota - Le dimensioni dei nostri pesci adulti sono di molto inferiori a quelle imposte dai limite dall'Unione Europea. I totani, merluzzi, moscardini, gamberi e altre delizie che vengono pescate con lo strascico non ci sarebbero nei piatti di tutta Italia se si seguissero alla lettera le normative europee".

I pescatori delle marinerie pugliesi hanno protestato contro le leggi comunitarie che impongono l’uso di reti più larghe che fanno perdere il 50% del pescato e non solo. Un corteo dove non sono mancati incidenti con lanci di petardi, che evidenzia il malessere e la preoccupazione di tutto il settore che chiede da anni di modificare le leggi europee, in particolare il Regolamento Mediterraneo, entrato in vigore nel 2010. Una norma che, salvo deroghe, ha imposto nuove regole non solo per la dimensione delle maglie, ma anche il divieto di pesca entro le 0,3 miglia dalla costa e un giro di vite per la pesca a strascico.
Nel mirino dei pescatori pugliesi ci sono anche la licenza a punti e le sanzioni sul pescato sottotaglia. Un problema, questo, che riguarda anche le vongole che solamente nel mare Adriatico possono essere pescate con una dimensione inferiore ai 25 millimetri. Questo, grazie ad una deroga ottenuta nel 2017 dopo una lunga protesta dei pescatori di Venezia e Chioggia.

Esenzione che non sta bene ai pescatori spagnoli, grandi produttori europei del mollusco insieme agli italiani, che promettono battaglia. 

SOLIDARIETÀ A POLIZIA DEL MINISTRO BELLANOVA - «Sto seguendo le notizie che arrivano dalla Puglia sul corteo delle marinerie pugliesi e il ferimento, dovuto al lancio di fumogeni e petardi, di poliziotti occupati nel servizio d’ordine. Ho garantito nei giorni scorsi l'attenzione mia e degli Uffici sulle questioni sollevate dal settore e già fissato un incontro per il 24 ottobre prossimo concordato con le organizzazioni di rappresentanza». Lo afferma in una nota la ministra per le politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova.

«Mi aspetto da tutti - ha aggiunto - uno sforzo di responsabilità. Si può legittimamente protestare, non si può trasformare uno stato di disagio e un corteo di protesta in una questione di ordine pubblico aggravata dal ferimento di persone». «Esprimo solidarietà e vicinanza ai poliziotti feriti impegnati nel loro dovere e condanno con forza ogni episodio di violenza. Non è questo - conclude - il modo migliore né di difendere gli interessi di un settore né di porre all’attenzione delle istituzioni, della politica e dell’opinione pubblica problematiche e difficoltà».

SAP: STOP VIOLENZA CONTRO POLIZIA - «A Bari è in corso una manifestazione di pescatori che ha visto momenti di violenza con tensioni e lancio di bombe carta contro la Polizia. A causa del lancio di uno di questi ordigni artigianali, due colleghi hanno riportato ferite ad un orecchio e al piede. A loro, la nostra solidarietà, basta con queste aggressioni». E’ il commento di Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), ai disordini avvenuti questa mattina sul lungomare di Bari. «Manifestare è sacrosanto, è un diritto costituzionalmente garantito purché avvenga in maniera pacifica e senza armi. Non è accettabile - prosegue - rivendicare i propri diritti attentando alla vita delle forze dell’ordine.

Questa è l’ennesima aggressione gratuita ai danni dei miei colleghi, impegnati in servizio di ordine pubblico per garantire la sicurezza dei manifestanti e il loro diritto a manifestare». «Chi durante il corteo ha usato violenza deve rispondere delle sue azioni. Non può accadere come a Milano, che vengano assolti per lieve tenuità del fatto o per espressione del loro dissenso critico. Il dissenso - conclude - non si manifesta con la violenza». 

RIMOSSO IL BLOCCO STRADALE - E’ stato riaperto verso le 18 il Varco della Vittoria, di accesso al porto, occupato dai pescatori che oggi hanno manifestato a Bari contro le regole comunitarie che impongono al comparto italiano della pesca l’uso di reti a maglia larga che riducono la quantità del pescato e i proventi per la categoria. L’accesso al porto ai mezzi pesanti e ai turisti è stato sbloccato dopo un incontro in Prefettura durante cui una delegazione di pescatori ha chiesto un incontro a Roma con la ministra Bellanova (che oggi ha precisato che l’incontro è già fissato per il 24 ottobre) e di partecipare a tutti i tavoli istituzionali in cui si discute delle questioni del comparto. In attesa dell’incontro, i pescatori pugliesi lasceranno i pescherecci ormeggiati in porto e non escludono nuove forme di protesta.
Nel frattempo, a causa dell’ingresso concentrato in porto dei mezzi che in queste ore erano rimasti parcheggiati nei pressi delle vicine piscine comunali, si sono ripresentati problemi alla viabilità cittadina nella zona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie