Venerdì 06 Dicembre 2019 | 13:34

NEWS DALLA SEZIONE

Khashoggi: ministro saudita, fu errore

Khashoggi: ministro saudita, fu errore

 
LONDRA
Grenfell Tower: via capo pompieri Londra

Grenfell Tower: via capo pompieri Londra

 
ROMA
Di Maio, Mediterraneo centrale

Di Maio, Mediterraneo centrale

 
Israele testa propulsione missili

Israele testa propulsione missili

 
Bosnia, decisa chiusura campo di Vucjak

Bosnia, decisa chiusura campo di Vucjak

 
BERLINO
Merkel ad Auschwitz

Merkel ad Auschwitz

 
NAIROBI
Crolla un palazzo di 6 piani a Nairobi

Crolla un palazzo di 6 piani a Nairobi

 
ROMA
Di Maio, Salva-Stati?Vediamo cosa cambia

Di Maio, Salva-Stati?Vediamo cosa cambia

 
WASHINGTON
Florida: spari banditi-polizia: 4 morti

Florida: spari banditi-polizia: 4 morti

 
WASHINGTON
Uber, 3mila molestie negli Usa nel 2018

Uber, 3mila molestie negli Usa nel 2018

 
ROMA
Greenpeace,radiazioni su sito Tokyo 2020

Greenpeace,radiazioni su sito Tokyo 2020

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSanità
Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

 
BariLa polemica
L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

L'auto di Fantozzi spunta ad Acquaviva: addobbo natalizio o ironica trovata?

 
TarantoIl folle gesto
Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

 
MateraIl colpo
Matera, arrestato bandito 26enne. Aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

Matera, arrestato bandito 26enne: aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

 
BrindisiAtto vandalico
Brindisi, l'autobus non si ferma e lui gli lancia contro una pietra: denunciato

Brindisi, l'autobus non si ferma e lui gli lancia contro una pietra: denunciato

 
BatIn zona Zagaria
Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

 
PotenzaA Rionero in Vulture
Compravendita illegale di loculi: indagati nel Potentino

Gettavano salme in fosse comuni per liberare loculi nel cimitero: 6 arresti nel Potentino VD

 

i più letti

24 condanne in totale

Marocco, turiste uccise: pena di morte per tre e un ergastolo

Pena di morte per tre e un ergastolo: si è concluso così in Marocco il processo per il duplice omicidio di Imlil, dove lo scorso dicembre due turiste scandinave vennero uccise e decapitate

Louisa Vesterager Jespersen e Maren Ureland, le due turiste scandinave uccise in Marocco

Louisa Vesterager Jespersen e Maren Ureland, le due turiste scandinave uccise in Marocco

MAROCCO - Tre condanne a morte e un ergastolo per i quattro principali imputati: si è concluso così in Marocco il processo per il duplice omicidio di Imlil, dove lo scorso dicembre due turiste scandinave vennero uccise e decapitate. La sentenza è stata emessa da una Corte di Salè, che ha così accolto le richieste dell’accusa per gli esecutori materiali.

Le due giovani, Louisa Vesterager Jespersen, studentessa danese di 24 anni, e la sua amica Maren Ureland, norvegese di 28, furono uccise e decapitate mentre facevano campeggio alle pendici del monte Toubkal, a 70 chilometri da Marrakech. Il duplice delitto sconvolse l’opinione pubblica.

I condannati a morte sono il presunto capo di un gruppo jihadista, Abdessamed Ejjoud, e due suoi compagni.

In Marocco l’ultima esecuzione risale al 1993. Un centinaio di condannati alla pena capitale si trovano nei bracci della morte.

Le tre condanne a morte comminate dalla Corte d’assise d’appello di Salè rimarranno con ogni probabilità in sospeso, come tutte quelle comminate negli ultimi 20 anni. L’ultima esecuzione risale al 1993: è quella di un alto funzionario di polizia condannato per abuso di potere e stupri seriali.

Il Marocco da allora osserva di fatto una moratoria delle esecuzioni. Da quando poi il 23 luglio 1999 è salito al trono, re Mohammed VI non ha mai firmato un decreto di esecuzione. Il diritto alla vita è sancito come principio fondamentale dalla Costituzione marocchina, entrata in vigore nel 2011.

Tutto il sistema giudiziario del Marocco è interessato da un grande progetto di riforma, avviato nel 2013. Il nuovo codice dovrebbe ridurre a 5 i reati per cui è prevista la condanna capitale: al momento sono invece 16.

In tutte le carceri marocchine, secondo i dati più recenti che risalgono al 2018, sono 115 i condannati nel braccio della morte. Quando il re concede provvedimenti di grazia o indulto, le eventuali condanne a morte vengono convertite in ergastolo.

Oltre alle tre pene capitali comminate ad altrettanti imputati, il processo per l’uccisione e la decapitazione di due turiste scandinave nel dicembre scorso in Marocco, svoltosi a porte chiuse, ha portato a condanne di altri 21 imputati, da cinque anni di reclusione all’ergastolo. Gli imputati hanno età comprese tra i 20 e i 31 anni.

A vario titolo tutti sono stati ritenuti complici dei principali indagati, e cioè di Abdessamad Ejjoud, considerato il cervello della cellula terrorista, autore materiale del delitto di una delle due ragazze, Younes Ouaziyad, che ha ammesso di aver ucciso l’altra studentessa, e Rachid Afatti, che ha filmato la scena. A loro tre è stata comminata la pena di morte. Abderrahim Khayali, il quarto uomo, l’autista che si è allontanato al momento del delitto, ha avuto l’ergastolo.

A vario titolo i 24 erano tutti accusati di «costituzione di banda per preparare e commettere atti terroristici, omicidio premeditato, possesso d’armi, tentativo di fabbricare esplosivi, nel quadro di un progetto collettivo che voleva portare grave attentato all’ordine pubblico». Tra i colpi di scena del processo, anche la 'chiamata in causa della responsabilità di Statò, obbligato ad 'assicurare protezione a cittadini e turistì, avanzata dalle parti civili per indennizzare le famiglie delle due vittime.

Era la notte tra il 16 e il 17 dicembre quando a una settantina di chilometri da Marrakech, le due studentesse scandinave Louisa Vesterager Jespersen, danese di 24 anni e la sua amica Maren Ureland, norvegese di 28, furono uccise alle pendici del monte Toubkal. Le due ragazze, da sole e senza l'accompagnamento di una guida, stavano tentando la scalata alla cima più alta del Nord Africa. Raggiunte nella notte, al bivacco di fortuna, da quattro uomini, furono uccise e decapitate. I loro corpi sono stati trovati la mattina seguente, da un pastore, a poca distanza dalla tenda, nella piana dove si erano accampate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie