Mercoledì 22 Settembre 2021 | 23:56

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Erosione a Scanzano J.

Costa quasi sparita
è rischio inondazione
per i campi coltivati

Il canale di sbocco nello Jonio è completamente insabbiato

erosione costiera

di FILIPPO MELE

SCANZANO J. - A Terzo Madonna la spiaggia non c’è più. È stata distrutta dall’erosione costiera. Il turismo è stato cancellato. Ma migliaia di ettari di colture pregiate sono a rischio inondazione nel prossimo inverno. Sono le risultanze del sopralluogo che ieri la Gazzetta ha compiuto sul luogo del disastro. Un pugno nello stomaco. L’accesso alla rotonda che una volta era il centro della viabilità del lido attrezzato, con ben tre stabilimenti balneari, è stata vietata al traffico. Per motivi di sicurezza. È completamente crollato il muro in cemento armato che sosteneva il parcheggio. E l’asfalto penzola sul litorale.

L’area dove ha operato l’estate scorsa lo stabilimento Chiringuito del sol, l’unico che aveva resistito alle distruzioni dal 2010 in poi, non esiste più. Pericolosamente scoperti tutti i tubi ed i fili di servizio. Ma non ci siamo accontentati del primo impatto. Abbiamo calzato un paio di stivali e ci siamo recati verso la foce dell’Agri verificando che l’intervento effettuato nel febbraio 2016, con grossi massi di arenaria a protezione della pineta, ha retto bene. Ma con un enorme difetto. Al suo tratto terminale Est, davanti alla rotonda, ha potenziato la forza delle mareggiate. Che hanno provocato il dissesto 2017. Sul suo terminale opposto, invece, l’arenile è cresciuto.

Lungo il nostro percorso, poi, grandissime quantità di tronchi scaricati dal mare sulla spiaggia. Sarebbe il caso di un’opera di ripulitura. Ma eccoci al nostro obiettivo, il punto dove, sinora, nessun giornalista o politico era arrivato: lo sbocco nello Jonio del canale dell’idrovora del Consorzio di bonifica. La struttura, cioè, di pompaggio dell’acqua che si raccoglie dalla piana di Terzo Madonna, posta sotto al livello del mare. Migliaia di ettari coltivati a frutteti e fragoleti. Ebbene, la briglia di protezione del canale lato Policoro è stata distrutta. Il canale è insabbiato. Solo un rigagnolo riesce ad arrivare in un mare che ieri era calmo. Ma con le mareggiate le onde impediranno ogni scarico. Le pompe non serviranno più a sollevare le acque piovane dalla vasca. Potrebbe essere la fine per l’agricoltura di Terzo Madonna e di tutte le zone sotto il livello del mare di Scanzano. Uno tsunami ambientale ed economico. Occorre intervenire con somma urgenza. Da oggi Stato centrale, Regione, Provincia, Comune, associazioni di categoria, non potranno più dire: «Non sapevamo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie