Lunedì 27 Giugno 2022 | 09:56

In Puglia e Basilicata

sanità

Puglia, nasce il centro d'innovazione per diagnosi precoce delle malattie

Accordo di collaborazione tra la Regione, gli Atenei di Bari e Brescia e il Consiglio nazionale per le ricerche

16 Maggio 2022

Redazione online

BARI - Un accordo di collaborazione tra Regione Puglia Università di Bari e quella di Brescia per creare il primo Centro di innovazione in single-molecule digital assay, per lo studio e la sperimentazione delle nuove tecnologie avanzate di rilevamento per la medicina precoce in grado di "rivoluzione la diagnostica medica». L’accordo è stato sottoscritto e presentato questa mattina a Bari, nella sede della Presidenza della Regione Puglia, dal presidente Michele Emiliano, dagli assessori alla Sanità e allo Sviluppo economico, Rocco Palese e Alessandro Delli Noci, e dai rettori di Bari e Brescia, Stefano Bronzini e Maurizio Tira, e Luisa Torsi, vice presidente Cnr.

L’intesa ha sancito l’avvio di un percorso di studio e ricerca in Puglia che consentirà - è stato spiegato - di diagnosticare un numero considerevole di patologie, sia umane che del mondo vegetale, dall’analisi di campioni, ad esempio la saliva, per l’individuazione di una singola molecola. L'obiettivo è quello di fornire ai medici la possibilità di attaccare precocemente la malattia, addirittura prima che i sintomi si presentino. Tra le malattie che potranno essere monitorate e scoperte precocemente, ad esempio, i tumori, malattie cardiovascolari e neurodegenerative, e infezioni virali e batteriche. Le nuove tecniche riusciranno a garantire un sistema diagnostico fino a un milione di volte più preciso degli attuali strumenti a disposizione, assicurando appropriatezza e tempestività delle terapie. «Riuscire a consolidare una parte della nostra attività di ricerca e sviluppo qui in Puglia, nella mia terra, mi riempie di gioia», ha detto Torsi.

IL GOVERNATORE EMILIANO - «Una scoperta rivoluzionaria, grazie a una intuizione scientifica della professoressa Torsi": così il governatore Michele Emiliano ha commentato l’accordo di collaborazione tra Regione Puglia Università di Bari e quella di Brescia per creare il primo Centro di innovazione in single-molecule digital assay, per lo studio e la sperimentazione delle nuove tecnologie avanzate di rilevamento per la medicina precoce. «Le due ricerche, quella di Bari e di Brescia, si sono connesse, oggi siamo orgogliosi come italiani. La professoressa Torsi ha avuto una intuizione scientifica che consente con adeguata connessione tecnologica di mettere a punto un test che consentirà la diagnosi precoce di moltissime malattie di vario genere», ha aggiunto. «Anche il presidente della Lombardia - ha proseguito Emiliano - non vedrà l’ora di entrare in questa partita a sostegno della sua università di Brescia esattamente come stiamo facendo noi perché è molto importante che anche le istituzioni politiche sostengano la ricerca non solo con i finanziamenti ma anche con attività di incoraggiamento che io so essere importanti tanto quanto il danaro».

LACARRA (PD) - «La Puglia avrà il suo primo centro di innovazione in single molecule digital assay, grazie ad un accordo stipulato tra Regione Puglia, Università degli studi di Bari e Università di Brescia. Un ulteriore passo che dimostra l'attenzione della Regione, guidata dal presidente Michele Emiliano, per una sanità regionale sempre più all’avanguardia e che punta a migliorare la vita di tutti i pugliesi». Queste le parole del deputato Pd e segretario regionale del partito Marco Lacarra, in merito all’accordo firmato oggi da Regione Puglia e le Università di Bari e Brescia. «Dopo i passi avanti degli ultimi mesi sulla diagnostica anche neonatale la Puglia prosegue un percorso virtuoso, che ci auguriamo non possa far altro che proseguire. La strada intrapresa è quella giusta, ed è necessario che si continui a percorrerla», conclude Lacarra. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725