Domenica 29 Maggio 2022 | 10:19

In Puglia e Basilicata

IL MESSAGGIO

«Con i miei occhi», i bambini lanciano Monte Sant'Angelo nel mondo

Il ponte artistico della Città dei due siti Unesco nei giorni del Festival «Michael» con le ali di Miller simbolo della pace

06 Maggio 2022

Redazione online

FOGGIA «Con i miei occhi» è il racconto della storia, della cultura e delle tradizioni di Monte Sant'Angelo, la città dei due siti Unesco, direttamente dalla voce dei ragazzi degli Istituti comprensivi della città. Nell'ambito della «Settimana dell'Educazione» 2021, infatti, gli studenti degli istituti comprensivi «Giovanni XXIII» e «Tancredi-Amicarelli» hanno partecipato alle «invasioni educative» sia nei Beni culturali che sui sentieri storici dei pellegrini. La loro esperienza è diventata racconto. Il loro racconto è diventato strumento di promozione della città.

Il regista Luciano Toriello con MAD (Memorie Audiovisive della Daunia) e il Mònde-Festa del Cinema sui Cammini, ha realizzato i laboratori, le interviste e curato la supervisione alla realizzazione del video. Si tratta di un ponte artistico sulla città di Monte Sant'Angelo tra la Settimana dell’Educazione (novembre), il festival Michael (maggio) e Mònde - Festa del cinema sui cammini (ottobre). Lo spot/documentario è stato presentato nell'ambito della quinta edizione del Festival #Michael2022.

L'arte di Miller con l'icona dell'Arcangelo di Kiev

Sino all'8 maggio è in corso il Festival «Michael» a Monte Sant’Angelo: nel cuore del Parco Nazionale del Gargano arriva l’artista internazionale Colette Miller con il suo «Global angel wings project». Nell’immagine ufficiale del Festival quest’anno l’icona dell’Arcangelo di Kiev. In occasione del 50imo anniversario della Convenzione del Patrimonio Mondiale del 1972 «per la pace e la comprensione tra le nazioni», nell’immagine ufficiale dell’evento è stato scelto quest’anno proprio il San Michele presente nello stemma della città di Kiev e protettore dell’Ucraina. Un progetto di arte pubblica interattiva e internazionale che porta nel suggestivo borgo pugliese l’immagine iconica dell’artista che dipinge ali d’angelo a grandezza naturale sui muri di tutto il mondo, lasciando interagire il pubblico, parte coinvolta nell'opera d'arte, attraverso foto e video poi condivisi sui social con l’hashtag #GlobalAngelWingsProject. L’intervento resterà permanentemente su un muro del centro storico, prescelto da Colette Miller in occasione della sua residenza a Monte Sant’Angelo.

E da Los Angeles a Monte Sant’Angelo la performer Colette Miller porta il suo progetto di arte pubblica interattiva con un’installazione artistica permanente nel sito prescelto in occasione della sua residenza a Monte Sant’Angelo; una coppia di ali d’angelo inedite che faranno parte della mappa internazionale del suo «Global Angel Wings Project». In dieci anni la sua opera ha raggiunto Stati Uniti, Kenya, Australia, Inghilterra, Cina, Giappone, Francia, Cuba, Messico, Emirati Arabi Uniti, Taiwan e altri paesi. Ali libere per il mondo, che non appartengono a nessuno ma possono essere “indossate”, ritraendosi di spalle all’opera come protagonisti dell’immagine, in un rito collettivo. Fino ad oggi «Micchael» si e collegato con gli altri siti dell’Arcangelo Michele, come Mont Saint Michel. È un Festival del patrimonio culturale, spirituale, naturale, enogastronomico che promuove il «Dies Festus» dell’Apparizione dell’Arcangelo Michele sul Monte Gargano, l’8 maggio.

L'arte sacra come simbolo di pace

Per il sindaco di Monte Sant’Angelo, Pierpaolo d’Arienzo «dopo due anni ritorna finalmente in presenza il Festival Michael, vetrina delle nostre eccellenze con una edizione dedicata alla pace». Per l'assessore alla Cultura Rosa Palomba «sarà un’edizione di Michael ricca di attività legate alla nostra cultura, al nostro patrimonio. Celebreremo importanti figure della nostra storia e identità, come Tancredi e Serricchio. E tante attività con le scuole, laboratori per bambini, visite guidate e l’accoglienza alle compagnie di pellegrini». La quinta edizione del Festival Michael è un ponte con Kiev e l’Ucraina e «sarà un momento importante per presentare progetti, idee di weekend e di viaggio, laboratori, con la speranza che dopo l’emergenza Covid sia davvero l’anno della ripartenza e che i turisti soprattutto internazionali possano tornare a vivere le emozioni e la straordinaria bellezza della Città dei due Siti Unesco» conclude l'assessore alla Cultura. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725