Venerdì 24 Gennaio 2020 | 20:22

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Luca Mazzone «Niente è impossibile. Io ne sono l'esempio»

Parla il campione paralimpico Luca Mazzone: «Niente è impossibile. Io ne sono l'esempio»

 
al teatroteam
«Tradizione e Tradimento»: il concerto di Niccolò Fabi a Bari è un viaggio onirico

«Tradizione e Tradimento»: il concerto di Niccolò Fabi a Bari è un viaggio onirico

 
Due uomini
Bari, sorpresi sulla Modugno-Carbonata a scaricare rifiuti: denunciati

Bari, sorpresi sulla Modugno-Carbonara a scaricare rifiuti: denunciati

 
Sequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
Lotta per la sopravvivenza
Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

 
L'intervista
Gazzetta e Polizia stradale insieme per prevenire gli incidenti

Gazzetta e Polizia stradale insieme per prevenire gli incidenti

 
Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 
Il video
Bari, il mercato Santa Chiara visto dall'alto. Decaro: «Fine lavori entro l’estate»

Bari, il mercato Santa Chiara visto dall'alto. Decaro: «Fine lavori entro l’estate»

 
Nel foggiano
Alberona illuminata dai «Fuochi di Sant’Antonio»

Alberona illuminata dai «Fuochi di Sant’Antonio»

 
Il video
La pantera di San Severo si aggira per le campagne: il primo avvistamento

La pantera di San Severo si aggira per le campagne: il primo avvistamento

 
La trovata
Bari, pescatori ingegnosi: lavano polpi in lavatrice «artigianale» in riva al mare

Bari, pescatori ingegnosi: arricciano polpi in lavatrice «artigianale» in riva al mare

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'incidente
Orta Nova, auto tampona mezzo pesante: un morto e un ferito

Orta Nova, auto tampona mezzo pesante: un morto e un ferito

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, ancora 7 giorni per il pre-accordo, ma resta il nodo esuberi

Arcelor Mittal, ancora 7 giorni per il pre-accordo, ma resta il nodo esuberi

 
PotenzaProduzione
Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

 
BariLavoro
Bari, il 31 gennaio sciopero e sit-in dei lavoratori Arif

Bari, il 31 gennaio sciopero e sit-in dei lavoratori Arif

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 
LecceGiornata della Memoria
Shoah, l'accoglienza di Nardò: in dono al Comune le foto dei rifugiati ebrei

Shoah, l'accoglienza di Nardò: in dono al Comune le foto dei rifugiati ebrei

 
BrindisiL'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 

i più letti

Il caso

Matera, rapina da film in gioielleria con kalashnikov: arrestato 25enne

La banda indossava tute bianche, passamontagna e guanti per non farsi riconoscere

MATERA - Rapina da film in provincia di Matera: i carabinieri del Comando Provinciale di Matera hanno eseguito, a Brindisi, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Matera su richiesta della locale Procura, nei confronti di un 25enne, Silvio Guadalupi, perché ritenuto responsabile di una rapina fatta il 29 agosto dello scorso anno in una gioielleria situata nel centro commerciale «Mongolfiera», a Matera.

Guadalupi, che ha precedenti penali, è accusato di concorso in rapina aggravata e continuata, ricettazione e porto abusivo di armi da fuoco. I Carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa contro Guadalupi dal gip di Matera, su richiesta della Procura della Repubblica.

I rapinatori - tutti vestiti con tute bianche, passamontagna e guanti - portarono via dalla gioielleria circa 300 oggetti d’oro, per un peso complessivo di oltre un chilo. Dei tre, uno minacciò una commessa e alcuni clienti con un kalashnikov, costringendoli a stendersi a terra: gli altri prelevarono i preziosi dalle vetrine e dai cassetti. La fuga dei rapinatori avvenne su un’auto che era stata rubata in provincia di Lecce alcune settimane prima e che fu bruciata quasi subito. I rapinatori continuarono la fuga su un furgone che era stato noleggiato proprio da Guadalupi: secondo i Carabinieri e il Procuratore della Repubblica di Matera, Pietro Argentino, che stamani hanno incontrato i giornalisti, fu uno degli errori dell’indagato. Egli, oltretutto, era stato nel centro commerciale anche alcuni giorni prima, per fare un «sopralluogo».

Inoltre, da intercettazioni telefoniche e ambientali, è emerso che il giovane parlò con alcuni suoi amici della rapina fatta a Matera, rivelando particolari che poteva conoscere solo che vi aveva effettivamente partecipato. Le indagini dei Carabinieri - è stato detto - continuano per identificare altre quattro persone che, a vario titolo, avrebbero partecipato alla rapina. 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie