Lunedì 27 Maggio 2019 | 01:02

NEWS DALLA SEZIONE

Il video
Decaro a Salvini: «Ministro noi siamo terroni ma non siamo trimoni»

Decaro a Salvini: «Ministro noi siamo terroni ma non siamo trimoni»

 
L'operazione
Porto Brindisi, GdF sequestra 27mila scarpe Adidas e Dr Martens contraffatte

Porto Brindisi, GdF sequestra 27mila scarpe Adidas e Dr Martens false

 
I fatti nel 2017
Bari, la rapina al portavalori fallì grazie al conflitto a fuoco: 7 arresti

Bari, la rapina al portavalori fallì grazie al conflitto a fuoco: 7 arresti

 
La protesta
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

I cori contro Salvini: a Lecce «Fascista!» e a Bari: «Vaff...»

 
L'evento
Gravina di Puglia: la «passeggiata» sul filo di Andrea Loreni, a 70mt di altezza

Gravina, la «passeggiata» sul filo a 70 metri di altezza

 
L'iniziativa
Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresca dei Maschi

Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresa dei Maschi

 
La protesta social
Ceglie Messapica, la strada si allaga e i cittadini fanno acquagym

Ceglie Messapica, la strada si allaga e i cittadini fanno acquagym

 
L'evento
«Le mamme del mondo» si incontrano a Bari, tra musica, moda e arte

«Le mamme del mondo» si incontrano a Bari, tra musica, moda e arte

 
L'operazione della Gdf
Bari, maxi sequestro al porto: nascosti in camion 7 kg di cocaina e 150mila euro

Bari, maxi sequestro al porto: nascosti in camion 7 kg di cocaina e 150mila euro

 
La trovata elettorale
Bari, Decaro diventa un videogame: «La missione? Conquistare punti civiltà»

Bari, Decaro diventa un videogame: «La missione? Conquistare punti civiltà»

 
Operazione della GdF
Porto Brindisi: nave con 15mila scarpe Nike contraffatte, sequestri

Porto Brindisi: nave con 15mila scarpe Nike contraffatte, sequestri

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Il racconto

Devozione, fiaccole e cioccolata: la lunga notte di San Nicola

Riti sacri e profani nella notte del patrono di Bari, raccontati dagli occhi di chi li ha seguiti per la prima volta

BARI - Entrando nella cripta della Basilica di San Nicola, c'è una colonna sulla destra: «Prima c'era il rito di girarci intorno per chiedere a San Nicola di trovare marito - spiegano le veterane a chi non è del posto - ora è tutta transennata, pare che una signora particolarmente robusta sia rimasta incastrata, qualche tempo fa». Oggi per chiedere la grazia a San Nicola si scrive un desiderio su un bigliettino accartocciato e lo si lancia contro la colonna, simbolo di un patrono particolarmente generoso, che - tra le altre cose - protegge i forestieri e aiuta le nubili ad accasarsi (la leggenda racconta che fece trovare la dote alle figlie di un uomo particolarmente povero, per evitare che lui le facesse prostituire).

È solo una delle tradizioni che accompagna ogni anno, nella notte fra il 5 e 6 dicembre, le celebrazioni liturgiche di San Nicola. Una nottata che comincia alle 4, quando si arriva nel piazzale della Basilica, illuminato a festa e allegro come se fossero le 21 di una qualsiasi sera d'estate, e si entra nella chiesa, dove i più furbi e devoti hanno già preso posto, chissà da quante ore. La prima tappa è la cripta, per la colonna, e qualcuno racconta anche di un certo San Reparo, che seguendo una certa ritualità pare che aiuti a riparare i matrimoni difficili. La Basilica nel frattempo si riempie di fedeli all'inverosimile, tutti in attesa della messa delle 5. «Ogni anno c'è sempre più gente», raccontano gli habitué, e per il 2018 ci si deve accontentare solo di posti in piedi.

Liturgia molto sentita, canti e preghiere, con l'applauso a San Nicola dopo l'omelia, poi tutti fuori sul piazzale per il passaggio della fiaccolata, accompagnata dal canto "Sanda Necòle va p mare". Corrono le fiaccole, rischiando di bruciacchiare anche qualche cappello, che protegge dall'arietta rigida di dicembre. Finita la messa, arriva la parte più pittoresca della tradizione: il giro fra le stradine, con tutti i negozietti aperti, e la 'colazione', a base di cioccolata calda (anche vegana, per essere al passo coi tempi), sgagliozze e popizze, dolci o salate in base ai gusti di ognuno, con un euro te ne danno 5 e sei sazio per tutta la mattina. Si montano già le bancarelle del mercato, e qualcuno vende perfino le cozze.

I riti, sacri e profani, sono finiti, ma l'atmosfera allegra e frizzante non vuole andare via, e c'è il tempo anche per un'alba mozzafiato sul lungomare. Mare e cielo sono rosa, arancio, azzurro, poi sorge il sole, e con esso la giornata, con tutte le sue prospettive. Il tempo di un paio di foto indimenticabili da postare sui social, due chiacchiere mattutine, anche da parte di chi a quest'ora non è abituato a parlare, e si va a lavorare, come se niente fosse. E con un inizio di giornata così, che dà poi, di fatto, il via al cammino verso il Natale, ci si sente in pace con la città clemente, che dispensa cibo, fede, tradizioni, sorrisi, e perfino un'alba sul mare sbalorditiva. Una città generosa come il suo Santo, una città che riesce a far sentire a casa chiunque, senza distinzioni, una città che accontenta chi è credente e chi non lo è, chi ci è nato e chi è solo di passaggio, e che accoglie tutti in un abbraccio stretto, come si stringono i fedeli in chiesa ogni anno rinunciando al sonno per adorare il loro patrono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400