Martedì 23 Aprile 2019 | 20:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
le proposte dell’anas
Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

 
Nuovi collegamenti
Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

 
Lotta alla droga
Monopoli, nascondeva nel giardino di casa cocaina e olio di hashish: in manette 33enne

Monopoli, nascondeva nel giardino di casa droga e olio di hashish: in manette 33enne

 
Tutta colpa dello Scirocco
Conversano, vento forte: volano le tegole dalla Cattedrale

Conversano, vento forte: volano le tegole dalla Cattedrale

 
La raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
Degrado in città
Bari, cassonetti strapieni in C.so Vittorio Emanuele: denunciati 2 commercianti

Bari, cassonetti strapieni in C.so Vittorio Emanuele: denunciati 2 commercianti

 
Gli eventi in città
Bari, domenica c'è il Gran Premio: occhio ai divieti anche per il Bif&st

Bari, domenica c'è il Gran Premio: occhio ai divieti anche per il Bif&st

 
Il video
Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
La tragedia
Monopoli, si soffoca con un boccone di carne: morto 26enne

Monopoli, si soffoca con un boccone di carne: morto 26enne

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
FoggiaSull'Isola di Capraia
Migranti, 17 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro donne e bambini

Migranti, 18 curdi sbarcano alle Isole Tremiti: tra loro bimbo paraplegico

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

L'operazione della Guardia Costiera

Torre a Mare, pesce mal conservato e abusi demaniali: chiusa l'Osteria del Porto

Sequestrati al titolare 18 chili di cozze e 38 di altri prodotti ittici per violazione delle norme alimentari con un verbale di 2500 euro

BARI - Quella irresistibile tentazione di fagocitare pezzi di «pubblico demanio marittimo». Sono trascorsi quasi tre mesi da quando, superato il Ferragosto, gli uomini del Nucleo operativo di polizia ambientale della Guardia Costiera, ispezionando il demanio marittimo di Torre a Mare, hanno scoperto che da qualche tempo uno degli «sport» preferiti, almeno da una parte dei ristoratori del quartiere all'estrema periferia sud-est della città, pare fosse diventato quello di inglobare e assimilare abusivamente ai luoghi utilizzati per svolgere la propria attività privata, porzioni «inalienabili e imprescrittibili» di suolo appartenente allo Stato. Alla sgradevole scoperta, da agosto ad oggi, hanno fatto seguito sequestri con l’apposizione di sigilli, denunce per abusiva occupazione e realizzazione di opere non autorizzate oppure in difformità rispetto alla licenza di concessione rilasciata . Nove le attività di ristorazione, tutte concentrate nella zona del porto, alcune con affaccio sulla piazzetta Mar del Plata, alle quali la Capitaneria, unitamente agli uomini della Polizia locale, ha contestato abusi ed elevato sanzioni.

L’ultimo ristorante ad incappare nei controlli del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale che questa volta ha agito insieme al Centro di controllo Area Pesca è stata una friggitoria ben avviata e con molta clientela, anche questa con affaccio sulla piazzetta di Torre a Mare. Insieme agli abusi demaniali, i militari hanno contestato al proprietario irregolarità riguardanti la presenza di prodotti congelati e verbalizzato presunte violazioni in materia di tracciabilità del prodotto ittico custodite e alle norme igienico-sanitarie. Hanno infine ratificato una sanzione pecuniaria di 2.500 euro. La licenza rilasciata al titolare della friggitoria - stando a quanto accertato dalla Capitaneria - prevedeva oltre che la preparazione dei prodotti della pesca anche la consumazione sia all’interno che nell’area esterna al locale, sul demanio marittimo che avrebbe dovuto essere occupato da sedie e tavolini e teoricamente coperto solo con un ombrellone centrale. In realtà i militari hanno trovato pannelli antivento ancorati alla pavimentazione in pietra e collegati, tramite tendaggio in pvc, all’ombrellone per consentire la copertura completa della struttura, trasformata abusivamente in un ambiente totalmente chiuso. L’area è stata sottoposta a sequestro, anche in considerazione del danno arrecato al basolato in pietra, tutelato da vincoli paesaggistici. Nella zona di preparazione e cottura del pesce sono stati sequestrati 18 chilogrammi di cozze nere aperte e 38 di prodotto ittico vario privi di documentazione comprovante la provenienza.

Il Servizio igiene alimenti e nutrizione della Azienda sanitaria locale ha inoltre disposto la sospensione dell’utilizzo di tutta l’area adibita a deposito, preparazione e cottura del pesce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400