Domenica 08 Dicembre 2019 | 02:12

Il Biancorosso

Serie C
Bari, Vivarini: «Con il Potenza sarà una grande gara»

Bari, Vivarini: «Con il Potenza sarà una grande gara»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
Musica al Petruzzelli: ecco la Notte di San Nicola per i ragazzi

Bari, musica al Petruzzelli: ecco la Notte di San Nicola per i ragazzi

 
TarantoAmbiente
Taranto, 145 ex dipendenti «Isolaverde» impiegati per la bonifica della città

Taranto, 145 ex dipendenti «Isolaverde» impiegati per la bonifica della città

 
BrindisiLa protesta
Brindisi, oggi sit-in del movimento No Tap contro i gasdotti

Brindisi, domani sit-in del movimento No Tap contro i gasdotti

 
MateraTradizione popolare
Matera, presepe vivente nei Sassi: è alla «decima candelina»

Matera, presepe vivente nei Sassi: è alla «decima candelina»

 
BatIl caso
A Barletta la ruota panoramica c'è ma... non gira

A Barletta la ruota panoramica c'è ma... non gira

 
LecceIl caso
Otranto, sigilli ai pontili: indagati sindaco e giunta

Otranto, sigilli ai pontili: indagati sindaco e giunta

 
HomeIl viaggio nello stabilimento
Balvano, la fabbrica dei desideri: gli introvabili Nutella Biscuits nascono in Basilicata

Balvano, la fabbrica dei desideri: gli introvabili Nutella Biscuits nascono in Basilicata

 

i più letti

La protesta

Bari, petizione contro i migranti al Libertà. Perché accade questo?

La percezione di sicurezza nel rione del capoluogo pugliese è ai minimi storici: alcuni cittadini lanciano una petizione per allontanare i migranti irregolari e chiedono l'aiuto di Salvini

Bari, no i migranti a Libertà: Perché avviene tutto questo?

BARI - Al rione Libertà di Bari il movimento «Riprendiamoci il futuro» diretto da Luigi Cipriani ha avviato una petizione contro gli immigrati irregolari della zona raggiungendo finora quota 3.000 firme. I residenti non ne possono più e hanno scritto una lettera al ministro dell'Interno Matteo Salvini chiedendogli aiuto: «E' impossibile la convivenza quotidiana con un numero esorbitante di extracomunitari, per la maggior parte africani, che si comportano da incivili». «Qui risiedono anche migliaia di extracomunitari che spesso gironzolano e stazionano nel quartiere: spacciano droga, creano risse tra loro e aprono piccole attività commerciali di dubbia trasparenza e prive di autorizzazioni». raccontano nella lettera.

Di contro nel corso di un controllo della polizia in un locale occupato da dieci persone di origine pakistana, si è scoperto che tutti avevano un regolare permesso di soggiorno, anzi la metà di loro ha dimostrato di avere anche un regolare contratto di lavoro. Ad essere denunciato alla fine è stato il proprietario del sottano in cui vivevano o 10 uomini, perché aveva affittato il posto come abitazione, mentre in realtà era adibito a laboratorio artigianale. 

Tale situazione, evidentemente, è lo specchio di un disagio vissuto in un quartiere dove esistono problemi di integrazione e la convivenza è diventata abbastanza difficile. Ma in attesa dell'eventuale (e annunciato) arrivo di Salvini per «liberare» questo pezzo di città, sorge spontanea una domanda: PERCHE' ACCADE TUTTO QUESTO?

Abbiamo elencato qui alcune risposte. Vota quella che, secondo te, è la più giusta.

I migranti non rispettano le regole della comunità che li ospita

Alcuni cittadini ne hanno approfittato per interessi personali

La legge dalle maglie larghe consente la permanenza di irregolari

Gli scarsi controlli delle forze dell'ordine che non monitorano il fenomeno

Il clima di paura che si è venuto a creare per la percezione di insicurezza

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie