Mercoledì 23 Settembre 2020 | 02:27

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

 
TarantoContagi
Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

 
BrindisiIn 60 anni
Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

 
PotenzaNel Potentino
A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 
FoggiaCovid
S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

 
BatLavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 
LecceViaggi della speranza
Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

 

i più letti

Feste in maschera a casa di Farinella

Arte della cartapesta, allegria e coriandoli di storia. Siamo a Putignano, nel barese, patria di uno dei carnevali più antichi d'Europa con la data d'inizio che è addirittura il 1394. Fra il sacro e il profano, ecco come le allegorie carnascialesche si incrociarono con Santo Stefano Martire. I ripetuti attacchi dei saraceni spinsero i Cavalieri di Malta a spostare le sue reliquie dalla zona costiera di Monopoli al più sicuro entroterra murgiano.
Feste in maschera a casa di Farinella
Arte della cartapesta, allegria e coriandoli di storia. Siamo a Putignano, nel barese, patria di uno dei carnevali più antichi d'Europa con la data d'inizio che è addirittura il 1394. Fra il sacro e il profano, ecco come le allegorie carnascialesche si incrociarono con Santo Stefano Martire. I ripetuti attacchi dei saraceni spinsero i Cavalieri di Malta a spostare le sue reliquie dalla zona costiera di Monopoli al più sicuro entroterra murgiano. Al loro arrivo i contadini di Putignano, che in quel periodo stavano innestando le vigne, diedero il benvenuto con le facce sporche di farina, fra scherzi e satire in dialetto: erano nate le Propaggini, che restano anche ai giorni nostri il cuore pulsante del carnevale putignanese. Si riconoscono subito, sono gruppi in abiti contadini e arnesi per i campi, che recitano versetti in dialetto e prendono in giro un po' tutti (e si svolgono il 26 dicembre). A Putignano, infatti, il carnevale inizia all'indomani del Natale con la cerimonia in chiesa dello scambio del cero: si gioca d'anticipo e si chiede già perdono per i peccati che si commetteranno a febbraio.
Facciamo una capriola in avanti di secoli, fino al periodo fascista quando il carnevale contadino diventa più elegante e cittadino, arricchendosi con la parata e i carri allegorici. Il mutamento poggia sulle solide abilità degli artigiani di Putignano e pare che, il primo carro, sia stato realizzato utilizzando come anima la rete di un pollaio! L'arte dei cartapestai farà sfoggio con le sfilate del 27 febbraio, del 6 e dell'8 marzo (info www.carnevalediputignano.it), ed in questo periodo ci sono numerosi pacchetti turistici che portano i visitatori alla scoperta delle vicine e affascinanti Alberobello, Martina Franca e Ostuni, con la possibilità a Putignano di partecipare ai laboratori di cartapesta per comprenderne i segreti, con le immancabili tappe dell'enogastronomia locale, legatissima ad una zootecnia di eccellenza.
Più giovane, a fronte degli oltre 600 anni di Putignano, ma altrettanto orgogliosamente radicato è nel tarantino il carnevale di Massafra. Quest'anno celebra la 58ª edizione con tre sfilate (27 febbraio, 6 e 8 marzo), il concorso di bellezza, gli eventi enogastronomici, le notti bianche, lo sport e alcune novità. La più importante è l'intervento del Comune di Massafra per dare vita alla Cittadella del Carnevale, con un progetto presentato alla Regione Puglia per il finanziamento. L'obiettivo è dare un adeguato supporto al lavoro dell'associazione cartapestai massafrese che, puntualmente, sa trasferire nei carri allegorici (quest'anno ne sfileranno ben 14) sensibilità artistica, satira politica e tantissima allegria (info www.carnevaledimassafra.it).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie