Mercoledì 22 Settembre 2021 | 07:06

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Fede, folklore e ville liberty con pinne e maschera a portata di mano

E' il sole accecante che si riflette su scogliere selvagge ma accoglienti. E' il trillo dei grilli che scandiscono il pigro passare delle ore fra una macchia mediterranea fiorita in tutto il suo splendore. E' il sapore di una frisa di orzo cotta nel forno a legna, bagnata a mare e arricchita con pomodorini e olio extravergine di oliva. E' storia e fede, folklore e mare da assaporare con maschera e pinne. Piccolo o piccolissimo, brulicante in estate e silenzioso in inverno: benvenuti nella punta estrema d'Italia. Siamo nel Salento più autentico che tanto piace anche all'Associazione Borghi Autentici d'Italia, che ne segnala Capo Santa Maria di Leuca.
Fede, folklore e ville liberty con pinne e maschera a portata di mano
E' il sole accecante che si riflette su scogliere selvagge ma accoglienti. E' il trillo dei grilli che scandiscono il pigro passare delle ore fra una macchia mediterranea fiorita in tutto il suo splendore. E' il sapore di una frisa di orzo cotta nel forno a legna, bagnata a mare e arricchita con pomodorini e olio extravergine di oliva. E' storia e fede, folklore e mare da assaporare con maschera e pinne.
Piccolo o piccolissimo, brulicante in estate e silenzioso in inverno: benvenuti nella punta estrema d'Italia. Siamo nel Salento più autentico che tanto piace anche all'Associazione Borghi Autentici d'Italia, che ne segnala Capo Santa Maria di Leuca. Attorno gravitano otto paesi riuniti nel Consorzio Intercomunale che sono Alessano, Castrignano del Capo, Corsano, Morciano di Leuca, Patù, Salve, Tiggiano e Tricase.
Patù, le CentopietrePrima tappa ad Alessano, a spasso fra gli eleganti palazzotti con facciate rinascimentali, circondati da chiese barocche per poi sostare nell'antico insediamento rupestre di Macurano, e rinfrescarsi con un tuffo a Marina di Novaglie. La civiltà delle grotte riemerge anche a Corsano con i suoi frantoi ipogei con a portata di mano le acque trasparenti di località come La Guardiola e Scala Masciu, in una litoranea su cui vegliano le torri costiere di difesa.
Mare da relax nelle lunghe distese di sabbia delle marine di Salve a Porto Vecchio, Torre Pali e Lido Marini con una corona di dune e macchia mediterranea, e l'ombroso rifugio delle pinete. Ideale anche per il turismo colto, con il sito archeologico messapico di Fani e il Santuario di San Marina di Ruggiano posto sull'antica Via dei Pellegrini.
Torre aragonese di Torre VadoIl mondo di celluloide ha fatto irruzione nel silenzio immutato dei secoli di Tricase. E' qui che, nella sua frazione dal nome Depressa, che il castello della famiglia del regista Edoardo Winspeare ha ora un nuovo impulso sull'onda della produzione di vino di eccellenza. Ma a Tricase c'era e resta uno stupefacente monumento vivente:
la Quercia dei Cento Cavalieri, che si distingue fra gli alberi più grandi d'Italia. Tutt'attorno a piazza Pisanelli ruotano i gioielli artistici di Tricase come il palazzo dei Principi Gallone e la chiesa di San Michele Arcangelo, che è fra le sette gemme del barocco leccese. Un tuffo nel blu lo possiamo fare nelle note località di Tricase Porto e Marina Serra.
Non arrivano a 3.000 gli abitanti di Tiggiano che possono, però, vantarsi di aver preservato il palazzo baronale Serafini-Sauli, in bilico fra il seicento e con un tocco rinascimentale. Possiamo ammirare l'antica torre colombaia e, oasi di verde immutata nel tempo, il giardino con l'agrumeto che portano alla pineta ed al bosco di querce, proprio nel centro dell'affascinante borgo.
Chilometro dopo chilometro cresce il desiderio di affacciarsi sull'estremo lembo dell'Italia. Dopo aver visitato, a Morciano, la chiesa fortificata di S. Giovanni Elemosiniere possiamo andare alla Marina di Torre Vado e ammirare la superba Torre Aragonese vicino al porticciolo.
Prossima tappa è Patù in cui spicca l'amata località balneare di San Gregorio incastonata in una insenatura naturale senza trascurare il tempietto megalitico Centopietre, composto da ben cento massi monolitici.
Siamo arrivati così a Castrignano del Capo in cui ammirare il castello feudale e la torre di Giuliano e Salignano. Ed ecco il luogo di culto specialissimo che è Santa Maria di Leuca affacciata su quel promontorio dove si incontrano il Mar Adriatico e Jonico. Il lungomare di Leuca è una passerella su acque cristalline in cui si specchiano ville padronali liberty e con una impronta moresca, pescatori e turisti. (nelle foto: spiaggia di S. Maria di Leuca, Patù le Centopietre, torre aragonese di Torre Vado)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie