Mercoledì 22 Settembre 2021 | 00:38

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Piccole stelle nel firmamento della terra dei Sassi

Attorno a Matera, stella preziosa nel firmamento turistico internazionale, brillano di luce propria alcune piccole gemme. Francis Ford Coppola, il regista consacrato da "Apocalypse Now" è di origini lucane e la sua famiglia raggiunse l'America lasciando la piccola Bernalda arroccata su di un altopiano che si affaccia sulla valle del Basento. Lui che, spesso, ci torna nella sua Bernalda l'ha catapultata alla ribalta dei mass media facendo riscoprire un piccolo borgo dalla storia antica, che risale all'anno 1200 quando i documenti parlano di un centro urbano chiamato Camarda.
Piccole stelle nel firmamento della terra dei Sassi
Attorno a Matera, stella preziosa nel firmamento turistico internazionale, brillano di luce propria alcune piccole gemme. Francis Ford Coppola, il regista consacrato da "Apocalypse Now" è di origini lucane e la sua famiglia raggiunse l'America lasciando la piccola Bernalda arroccata su di un altopiano che si affaccia sulla valle del Basento. Lui che, spesso, ci torna nella sua Bernalda l'ha catapultata alla ribalta dei mass media facendo riscoprire un piccolo borgo dalla storia antica, che risale all'anno 1200 quando i documenti parlano di un centro urbano chiamato Camarda. Sulle sue rovine Bernardino de Bernaudo, segretario del re Alfonso d'Aragona, la ricostruì e nel 1470 le venne dato il nome di Bernalda. A quella stessa epoca risalgono il castello e la chiesa Madre che possiamo ancora oggi ammirare nel centro storico. La svolta in tempi moderni Rotondellaarriva nel 1930, quando il piccolissimo territorio comunale si allarga includendo una porzione di Metaponto e ottenendo finalmente uno sbocco a mare. Questa zona balneare negli ultimi decenni è cresciuta notevolmente, e così Bernalda paese con la bella passeggiata da fare al castello aragonese sono entrati sempre più negli itinerari turistici.
Protesa verso la costa ionica c'è anche Rotondella che, nel 1261, viene citata nei documenti come "Rotunda Marinis". Anche la sua marina ha vissuto negli ultimi decenni un periodo di rigoglioso sviluppo del turismo e delle infrastrutture ricettive. Affacciarsi dalla ringhiera del paese significa allargare lo sguardo su di uno splendido panorama, prima di farsi risucchiare dal delizioso cuore antico. Palazzotti decorati da portali artistici ci ricordano del benessere che l'ha attraversata, presente anche San Mauro a Forte (mt)nelle decorazioni della chiesa Madre dedicata a Santa Maria delle Grazie oltre che nella chiesa di Sant'Antonio da Padova con annesso convento francescano. Qui la vita scorre lentamente, scandita dalla tradizione e a tavola ritroviamo le stesse bontà care ai nostri nonni unitamente ad un senso di grande ospitalità dinanzi al camino o in spiaggia. Un tuffo nel mare, vicinissimo, a valle di Rotondella vuol dire immergersi nelle chiare e pulite acque dello Jonio con a disposizione chilometri di spiaggia sabbiosa e tante strutture ricettive.
Altra perla della Lucania materana è San Mauro a Forte, che per la sua bellezza fa parte dell'Associazione Borghi autentici d'Italia. Sulla rupe di tufo che è alla base del centro storico c'era un'abbazia benedettina e qui, nel 1100, un barone costruì la sua dimora e cinse di mura tutto l'abitato. San Mauro ha resistito alle sirene della modernità edilizia fino al XIX secolo crescendo all'interno della fortificazione medievale. Anche qui le gesta del brigante Crocco e della sua banda hanno avuto forte eco visto che i nobili dei paesi vicini si rifugiarono a San Mauro per sottrarsi alle sue sanguinose scorribande.
Ad ogni passo nei vicoli medievali emerge evidente lo stretto legame che ci fu con la cultura partenopea: la sua espressione più vistosa è negli ornamenti in grande stile di facciate e interni dei palazzotti, e delle ricchissime cappelle private delle famiglie e nelle chiese. Da non perdere, il 16 gennaio in occasione di San Antonio Abate, la sagra del Campanaccio che echeggia nel silenzio dei vicoli e che a tavola è celebrata con maiale in abbondanza. (nelle foto: Bernalda, Rotondella e San Mauro a Forte)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie