Lunedì 19 Novembre 2018 | 04:39

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Dall'aereo al treno nave e autobus i diritti dei passeggeri

Dall'aereo al treno nave e autobus i diritti dei passeggeri
ROMA – Rimborsi per cancellazioni e ritardi di voli e treni, ma anche multe, che possono diventare pesanti, per quelle aziende che non rispettano i diritti dei passeggeri. Che in Europa e in Italia sono stati modificati nel corso del 2014, in alcuni casi a vantaggio dei viaggiatori, in altre a loro svantaggio.

- AEREO: se il volo viene cancellato o l’imbarco viene negato si può scegliere il rimborso del biglietto o un volo alternativo. In caso di negato imbarco, cancellazione del volo o ritardo di oltre 3 ore, si può avere una compensazione che va dai 300 euro (ritardo di 3 ore per viaggi fino a 2.500 km, prima erano 250 euro ma sotto i 1.500 km) fino ai 600 euro per attese oltre le 7 ore per voli oltre 6.000 km (lo stesso importo ma prima i voli erano sotto i 3.500 km). Nessuna compensazione se la cancellazione è per cause straordinarie, è stata comunicata almeno due settimane prima della data del volo e viene offerto un volo alternativo a condizioni simili a quello originario.

- TRENO: in caso di ritardo di almeno un’ora, il passeggero in attesa ha diritto ad annullare il viaggio e chiedere il rimborso, oltre, proporzionalmente al tempo di attesa, pasti e bevande e, se è previsto un pernottamento, anche l’alloggio. Se si decide di continuare il viaggio, il rimborso sarà del 25% per ritardi fra una e due ore e del 50% sopra le due ore. Nessuna compensazione se si è stati informati del ritardo prima dell’acquisto del biglietto. Sono previsti anche risarcimento in caso di smarrimento o danneggiamento dei bagagli.

- BUS: Se il viaggio è superiore ai 250 Km e viene cancellato o ha un ritardo oltre le 2 ore, si può ottenere il rimborso del biglietto oppure richiedere di venire trasportato in condizioni analoghe verso la destinazione finale in condizioni analoghe e senza spese aggiuntive. Anche in questo caso, proporzionalmente all’attesa, sono previsti pasti, bevande e sistemazione in albergo. Oltre al risarcimento per danni o perdita di bagagli.

- NAVE: le regole Ue non si applicano alle navi che trasportano meno di 13 passeggeri, con meno di 3 membri dell’equipaggio e che viaggiano per meno di 500 metri. Negli altri casi, se il servizio è stato cancellato o è in ritardo di oltre 90 minuti si si applicano le stesse norme per il viaggio in autobus. Se il ritardo all’arrivo è superiore all’ora, la compensazione economica varia fra il 25% e il 50% del biglietto. Nessuna compensazione se il ritardo è legato a condizioni meteorologiche avverse o a una catastrofe naturale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400