Giovedì 27 Febbraio 2020 | 00:10

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaMaltempo
Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

 
HomeIl virus
Il Coronavirus arriva in Puglia, un caso positivo a Taranto: tornato da poco da Codogno

Il Coronavirus arriva in Puglia, caso positivo a Taranto: 33enne di Torricella tornato in aereo lunedì da Codogno.
Al Moscati isolato pronto soccorso. Scuole chiuse

 
BatL'incidente mortale
Trinitapoli, auto finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

Trinitapoli, scontro tra due auto, una finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
LecceIsolato a Codogno
La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

 
FoggiaLa scoperta
Cerignola, refurtiva in un ex mobilificio già depodito di automezzi rubati

Cerignola, refurtiva in un ex mobilificio già deposito di automezzi rubati

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

Fotoreporter ostunese tra i Pigmei nel Congo

OSTUNI - In Congo per un reportage sul popolo della foresta tropicale: un avventuroso viaggio tra mille insidie per documentare il popolo dei pigmei. Attraverso gli scatti del noto fotoreporter ostunese, Marcello Carrozzo, si è potuto vedere il popolo della foresta, nella vita quotidiana, dedita alla caccia e alla sopravvivenza.
Fotoreporter ostunese tra i Pigmei nel Congo
OSTUNI - In Congo per un reportage sul popolo della foresta tropicale: un avventuroso viaggio tra mille insidie per documentare il popolo dei pigmei. Attraverso gli scatti del noto fotoreporter ostunese, Marcello Carrozzo, si è potuto vedere il popolo della foresta, nella vita quotidiana, dedita alla caccia e alla sopravvivenza. Carrozzo è ritornato da un reportage in Africa, nel nord del Congo dopo aver trascorso tre settimane nella foresta tropicale, a Ouésso (800 km a nord di Brazzaville), nella regione del Sangha, ai confini con il Camerun, per documentare le popolazioni autoctone, che ancora vivono in simbiosi con la natura .

Sono fra gli ultimi popoli «primitivi» al mondo: vivono di arco e frecce, caccia e pesca, lontano dalla “civiltà”. Superando le condizioni rese difficile dalle condizioni climatiche ed ambientali particolarmente critiche, il reporter ostunese ha portato a termine il mandato di missione dell’Istituto delle Francescane Missionarie di Maria impegnate in missioni “ad gentes”, rivolte alle fasce delle popolazioni più povere ed emarginate del pianeta. A Mbaluma, sono soltanto due le suore impegnate in questo progetto con il compito di gestire una piccola farmacia che distribuisce gratuitamente farmaci di prima necessità ai pigmei e una scuola elementare dove ai bambini viene garantito anche un pasto al giorno.

Foto eloquenti e allo stesso tempo suggestive, raccapriccianti e che fanno riflettere per illustrare quel mondo fatto di realtà di vita primitiva, nella giungla, nei villaggi di poche capanne. «Ho provato a raccontare – ha detto il fotoreporter – la storia di uomini, “famiglie” che vivono allo stato primordiale dove si caccia con lance e frecce: non c’è tecnologia come luce, telefoni, non c’è nulla ma nonostante queste assenze, ho percepito una serenità, un equilibrio e unità di tribù e il rapporto umano. Tribù che vivono ancora allo stato primordiale».

Il giorno si vive all’esterno delle capanne, a piedi scalzi, con un panno che cinge la vita e dove a 12 anni si è già adulti: le ragazze che sono pronte per la filiazione e per dimostrare la loro fertilità e i ragazzi con la lancia, nella giungla che dimostrano il loro coraggio cacciando animali bradi e feroci». Carrozzo ha realizzato un servizio fotografico completo, documentando, non solo le attività svolte dalle suore missionarie, ma anche la vita degli abitanti della foresta, partecipando a battute di caccia e di pesca. A completamento del lavoro, sarà pubblicato un libro in italiano e francese, che sarà presentato presso l’Ambasciata Congolese a Roma e all’Ambasciata Italiana di Brazzaville, a sostegno di una serie di iniziative del Governo Congolese a favore delle popolazioni autoctone. Dopo i reportage in Medio Oriente, in quelle zone tormentate e nei campi profughi di Yarmouk, Jaramana , Palestine-camp in Siria, a Shabra e Shatila in Libano e Gaza-camp e Bakha in Giordania, in Congo, Kenya, Mongolia e India, ora Carrozzo è ritornato da quest’altra avventura con scatti preziosi e rari che faranno scalpore. [Aldo Guagliani]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie