Giovedì 27 Febbraio 2020 | 00:12

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaMaltempo
Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

 
HomeIl virus
Il Coronavirus arriva in Puglia, un caso positivo a Taranto: tornato da poco da Codogno

Il Coronavirus arriva in Puglia, caso positivo a Taranto: 33enne di Torricella tornato in aereo lunedì da Codogno.
Al Moscati isolato pronto soccorso. Scuole chiuse

 
BatL'incidente mortale
Trinitapoli, auto finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

Trinitapoli, scontro tra due auto, una finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
LecceIsolato a Codogno
La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

 
FoggiaLa scoperta
Cerignola, refurtiva in un ex mobilificio già depodito di automezzi rubati

Cerignola, refurtiva in un ex mobilificio già deposito di automezzi rubati

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

A Bari dalla Russia con il Levante in poppa

A Bari dalla Russia con il Levante in poppa
BARI - È arrivato a Bari il più grande veliero del mondo. È il «Sedov», battente bandiera russa, costruito nel 1921 in Germania, nave con un dislocamento di 7.230 tonnellate e la superficie velica di 4.192 metri quadri distesa su quattro alberi. «La Sedov giunge a Bari in visita di cortesia – si legge in una nota dell’Ambasciata della Federazione Russa in Italia – a suggellare l’importanza della Città di San Nicola per i cittadini russi. Bari non è soltanto destinataria del crescente flusso turistico ma anche un riferimento culturale e spirituale di grande rilevanza. Questi rapporti assumono nel 2014 un valore ancora maggiore essendo l’Anno del turismo incrociato italo-russo e questa iniziativa porrà la città di Bari ancora una volta al centro della cooperazione italo-russa».

Il veliero Sedov è di proprietà dell’Agenzia per l’industria peschereccia della Federazione Russa ed è utilizzata come nave scuola, con un equipaggio di 230 persone. Nel 1945 fu ceduto all’Unione Sovietica come risarcimento per la Seconda guerra mondiale. Nel 2012-2013 ha compiuto il suo primo giro del mondo per onorare il 1550° anniversario della fondazione della Russia ed alcune date importanti di scoperte geografiche russe.
Durante i 14 mesi di navigazione la nave ha attraversato più di 45mila miglia marine ed ha attraccato in circa 30 porti in Europa, Asia, Africa ed America.

La «Sedov» a Bari è presso il Terminal Crociere e sarà possibile visitarla gratuitamente oggi e domani dalle ore 10 alle ore 18. Nella serata di domani è prevista la partenza. Ieri pomeriggio si è tenuta a bordo della «Sedov» una solenne cerimonia dello schieramento dell’equipaggio per salutare le autorità locali, alla quale sono stati intivati tra gli altri il sindaco di Bari Antonio Decaro, l’Ambasciatore russo presso la Fao Alexander Gorban, il rappresentante dell’Agenzia russa per l’Industria peschiera Alexander Okhanov, il consigliere per l’Ambasciata in Italia Vitaly Fadeev, padre Andrey Boytsov priore della Chiesa Russa di Bari, Massimo Salomone, segretario generale Corpo consolare di Puglia e Basilicata , Rocky Malatesta direttore generale del Cesvir. Proveniente da Cattaro, dopo Bari il «Sedov» salperà per Palma di Maiorca e poi per il Portogallo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie