Martedì 09 Agosto 2022 | 18:15

In Puglia e Basilicata

Rai Storia

Un omaggio a Nanda Pivano scrittrice e traduttrice che scoprì l'America moderna

Un omaggio a Nanda Pivano scrittrice e traduttrice che scoprì l'America moderna

18 Luglio 2022

Redazione

Traduttrice, scrittrice, saggista, critica letteraria. La figura di Fernanda Pivano sfugge a ogni tipo di classificazione, a ogni dicitura che la incastri in un ruolo solo, a ogni schedatura che possa ridurre il suo immenso lavoro durato tutta la vita ad una professione che per lei invece rappresentava una missione.

Nel giorno dell’anniversario della sua nascita, Rai Storia rende omaggio alla «ragazza che ha scoperto l’America» con il documentario di Ilaria Dassi in onda per il ciclo «Italiani» questo pomeriggio alle 17,15 su Rai Storia.

Classe 1917, genovese di nascita e torinese d’adozione, Fernanda Pivano scopre la letteratura americana da adolescente grazie a Cesare Pavese, suo insegnante di letteratura comparata al liceo classico Massimo d’Azeglio di Torino. In epoca fascista traduce di nascosto l’antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters che Pavese stesso fa pubblicare da Einaudi, dopo averla trovata in un cassetto.

Nel 1943 traduce per la prima volta in Europa Addio alle armi di Ernest Hemingway, letteratura ancora vietata in Italia per via della dittatura fascista. Per questa traduzione viene arrestata dalle SS naziste, ma è proprio questo arresto ad incuriosire Hemingway, che durante un soggiorno a Cortina, la incontra. E’ l’inizio di una lunga e duratura amicizia, che fece di Nanda la traduttrice ufficiale dello scrittore e che diede inizio a una lunga storia d’amore con la cultura d’oltreoceano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725