Giovedì 15 Novembre 2018 | 15:57

NEWS DALLA SEZIONE

Crisi in Comune
Taranto, il sindaco Melucci valuta il ritiro delle dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci valuta il ritiro delle dimissioni

 
L'inchiesta
Taranto, morti sul lavoro il video in mano ai pm

Taranto, morti sul lavoro il video in mano ai pm

 
Crisi in Comune
Taranto, Si avvia lo scioglimento del Consiglio: già raccolte 13 firme

Taranto, Si avvia lo scioglimento del Consiglio: già raccolte 13 firme

 
A taranto
Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

 
Incidente sul lavoro
Taranto, due operai cadono da impalcatura in quartiere Tamburi

Taranto: il cestello della gru si ribalta, precipitano e muoiono due operai

 
Ambiente
Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

 
Furto
Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

 
La vicenda
Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

 
La tragedia in Francia
Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: le sue ceneri sparse in mare

Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: il corpo sarà cremato

 
Pericolo sventato
Taranto, raccolgono funghi velenosi senza saperlo: salvati dai forestali

Taranto, raccolgono funghi velenosi senza saperlo: salvati dai forestali

 
Blitz dei carabinieri
Caporalato, tre rumeni arrestati a Ginosa: sfruttavano i braccianti

Caporalato, tre rumeni arrestati a Ginosa: sfruttavano i braccianti

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Zuffa tra puerpere in ospedale

Il violento litigio tra due famiglie per vecchi rancori è stato sedato solo dai poliziotti

Tutto si può immaginare che accada in un reparto maternità, tranne che due puerpere si accapiglino spalleggiate dalle rispettive parenti.

È successo questo, ieri mattina, al quinto piano del Santissima Annunziata, dove le lacrime che scorrono (quasi) sempre sono quelle di gioia per le nuove vite che vedono la luce accudite amorevolmente da professionisti preparati e sensibili alle esigenze delle neo mamme.

L’episodio di ieri è una doccia fredda per un reparto in cui la quiete e la serenità dovrebbero essere un «must».

Stando a quanto accertato dalla Polizia, intervenuta per sedare la rissa, due donne avrebbero litigato per vecchi rancori famigliari. La storia parte da lontano. Lei e lui, un tempo innamorati, si separano. Lei si rifà una vita, lui pure. Fin qui tutto liscio. Se non fosse che, come spesso accade, il fato ci mette lo zampino. Lei resta incinta come pure, nello stesso periodo - pare -, la nuova compagna di lui.

E siccome il diavolo fa le pentole e non i coperchi, le due donne si ritrovano insieme in corsia.

Al netto del pancione, monta la rabbia. Volano occhiatacce tra parenti, parole grosse, fino a quando, ieri mattina, i due gruppi famigliari arrivano alle mani. In corsia accade il parapiglia.

In pochi istanti le pazienti che erano nei corridoi si sono rintanate nelle camere spaventate per quello che stava accadendo. Una roba da non credere ai propri occhi quelle donne che urlavano, inveivano l’una contro l’altra e che, senza giri di parole, sono passate ben presto alle vie di fatto.

Sgomento anche tra i medici e le ostetriche di turno in reparto che hanno cercato di capire cosa stava accadendo e invano hanno tentato di scongiurare conseguenze peggiori. La situazione era troppo incandescente per essere governata.

«All’improvviso abbiamo sentito urla e abbiamo visto il parapiglia», racconta allibito un testimone in camice bianco.

L’unica soluzione possibile, per evitare di prenderle, è chiamare la Polizia.

Due agenti, poi altri due a stento riescono a sedare la zuffa. Una decina - pare - le donne coinvolte. Alla fine ci sono voluti gli equipaggi di quattro Volanti e due vigilanti del Santissima Annunziata per riportare la situazione alla dovuta calma.

I poliziotti hanno identificato tutte le protagoniste dell’increscioso episodio, in attesa di capire se scatterà per loro o meno la denuncia.

[M.Mas.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400