Mercoledì 21 Novembre 2018 | 11:45

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Taranto, sindaco Melucci ritira le dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci ci ripensa e ritira le dimissioni

 
Violenza su minorenni
Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

 
Taranto
Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

 
I funerali del 19enne
Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

 
Dopo le dimissioni
Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

 
La scoperta
Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

 
Il caso
Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

 
Promozione
Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita con Barletta

Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita col Barletta

 
L'indagine
Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

 
La polemica
Rifiuti leccesi dirottati nel Tarantino per lo smaltimento

Rifiuti leccesi dirottati nel Tarantino per lo smaltimento

 
A Taranto
Ex Ilva: black out ferma 3 altoforni. ArcelorMittal: «No danni ambientali»

Ex Ilva: black out ferma 3 altoforni. ArcelorMittal: «No danni ambientali»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

laterza

Via ai lavori, il ponte
gravina viene chiuso

Dalle 7 di domani alle 18 di sabato prossimo

Via ai lavori, il ponte gravina viene chiuso

Francesco Romano

LATERZA - Ponte sulla gravina, per cinque giorni «stop» anche ai pedoni. Resterà infatti chiuso dalle 7 di domani alle 18 di sabato 17 giugno, notti comprese, il «corridoio» che consente l’attraversamento a piedi dell’imponente struttura in cemento armato, dall’1 luglio 2016 interdetta al traffico veicolare per lavori di manutenzione straordinaria. Il «blocco» era atteso, anche se non così lungo: delicate sono però definite, nell’ordinanza emessa il 9 giugno scorso dal responsabile del settore Lavori pubblici del Comune, Paolo Perrone, le «operazioni di sollevamento dell’impalcato stradale» previste in progetto.

Per i residenti di località Selva San Vito, che da un anno sono costretti a percorrere un tratto alternativo di otto chilometri per raggiungere il paese, saranno dunque giorni di «interdizione» totale.

Giorni destinati a «replicarsi» con la fase successiva delle operazioni di sollevamento, relativa alla seconda «sella» della struttura. Per il passaggio pedonale si prefigurano quindi tempi di chiusura più lunghi rispetto a quelli prospettati negli incontri che, ai vari livelli istituzionali (anche un Consiglio comunale ad hoc), si sono fin qui succeduti. L’ultimo, in ordine cronologico, la riunione informale in Provincia fra il presidente, Martino Tamburrano, il responsabile unico del procedimento, Walter Caprino, e i consiglieri comunali di minoranza Raffaele Parisi, Agostino Perrone e Antonio Perrone. Ed è destinata presumibilmente a slittare ancora, di conseguenza, prima della consegna dell’opera completa attesa per luglio, la parziale apertura al traffico, in senso unico alternato su metà carreggiata, dello «storico» ponte che dal 1962 collega i due fronti del «canyon» laertino.

Il cronoprogramma originario dei lavori, finanziati sei anni fa per circa 700mila euro dalla Provincia di Taranto (Gianni Florido presidente, programma «Strada Facendo»), e appaltati a novembre 2015 dalla stessa Provincia alla Caroli Costruzioni di Martina Franca, è «saltato» a causa di complicazioni sopraggiunte in itinere. Dei rallentamenti, cioè, innescati dalla perizia di variante resa necessaria dal «quadro fessurativo diffuso, non visibile sia in fase progettuale che in fase di avanzamento lavori», rilevato in corso d’opera, e dagli approfondimenti necessari per individuare le soluzioni più idonee al risanamento statico dello stesso. Intanto, salta anche la tradizionale celebrazione eucaristica del 15 giugno, in onore di San Vito, nella chiesa rupestre omonima affacciata sulla gravina, al di là del ponte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400