Mercoledì 21 Novembre 2018 | 11:36

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Taranto, sindaco Melucci ritira le dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci ci ripensa e ritira le dimissioni

 
Violenza su minorenni
Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

 
Taranto
Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

 
I funerali del 19enne
Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

 
Dopo le dimissioni
Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

 
La scoperta
Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

 
Il caso
Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

 
Promozione
Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita con Barletta

Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita col Barletta

 
L'indagine
Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

 
La polemica
Rifiuti leccesi dirottati nel Tarantino per lo smaltimento

Rifiuti leccesi dirottati nel Tarantino per lo smaltimento

 
A Taranto
Ex Ilva: black out ferma 3 altoforni. ArcelorMittal: «No danni ambientali»

Ex Ilva: black out ferma 3 altoforni. ArcelorMittal: «No danni ambientali»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

l'intimidazione

Tre colpi di pistola a Leporano
contro l'abitazione del sindaco

Al vaglio dei carabinieri le immagini della videosorveglianza

Tre colpi di pistola a Leporano  contro l'abitazione del sindaco

di Mimmo Mazza

TARANTO - Tre colpi di pistola. Probabilmente di piccolo calibro o esplosi con un’arma ad aria compressa. Tre colpi di pistola scoperti ieri pomeriggio per caso e forse risalenti chissà a quanto tempo fa, considerato che nessuno - né i destinatari, né i vicini - ha sentito il rumore degli spari o ricorda di averlo fatto di recente. Tre colpi di pistola che fanno ulteriormente salire la tensione a Leporano dove questa volta a finire nel mirino della mala è stato addirittura il sindaco Angelo D’Abramo, dall’aprile del 2015 alla guida del paese di 8mila abitanti a una ventina di chilometri da Taranto.

È stato un familiare di D’Abramo ad accorgersi ieri pomeriggio che c’era qualcosa che non andava sul cancelletto rosso dell’abitazione del primo cittadino che si affaccia su via Salvo D’Acquisto, proprio di fronte all’ufficio postale. D’Abramo è sceso così in strada ed ha visto sul cancelletto carrabile tre fori, o meglio tre nitide impronte simili alle ogive. Ha così chiamato i Carabinieri della locale stazione che, guidati dal comandante Mario Tomasi, si sono recati sul posto per un sopralluogo, allertando intanto i militari della Compagnia di Taranto.

Fatti i rilievi del caso e sentiti i vicini di casa, i Carabinieri hanno iniziato le indagini per risalire all’arma che ha danneggiato il cancelletto dell’abitazione della famiglia del sindaco e individuare il periodo temporale nel quale quel danneggiamento è avvenuto. Il sindaco ha detto di non essersi accorto prima di quelle tre impronte, o almeno di non averci caso a differenza del suo familiare che ieri pomeriggio ha fatto la scoperta.

La collocazione temporale del fatto riveste una importanza non secondaria se si considera che lo scorso 17 gennaio qualcuno ha incendiato l’auto del vicesindaco Iolanda Lotta, una Fiat Panda che era stata parcheggiata nella centralissima via Roma e che fu completamente distrutta dalle fiamme. La stessa Lotta, peraltro, aveva già subito una intimidazione nel giugno del 2016, sempre ai danni della sua auto. C’è un legame tra gli attentati alla Lotta e l’intimidazione al sindaco D’Abramo? Saranno le indagini a stabilirlo nei prossimi giorni, magari anche grazie al meticoloso esame delle immagini riprese dal sistema di videosorveglianza attivo in quella zona del paese.

L’avvento di D’Abramo alla guida del Comune di Leporano fu segnato sia dal primo gesto intimidatorio nei confronti del vicesindaco Lotta che, nella seconda metà del 2015, da una serie di attentati incendiari contro l’azienda che si occupava del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Una serie di attentati a cui la giunta rispose con una marcia delle legalità che si svolse il 18 ottobre del 2015 e il cui spirito, evidentemente, è ancora valido considerato quanto è avvenuto in questo primo scorcio del 2017.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400