Giovedì 20 Settembre 2018 | 14:12

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Documento sarà pubblicato a breve nella Gazzetta Ufficiale europea

Ilva, dall'Ue ok agli aiuti
ma solo per l'ambiente

La Commissione Ue «non intende opporsi ad eventuali azioni immediate che le autorità italiane ritengano necessarie e urgenti per tutelare la salute dei cittadini (...) nella città di Taranto»

Ilva

L'Ilva

ROMA - Le misure ambientali «urgenti e necessarie» per «porre rimedio all’inquinamento esistente» nella zona di Taranto e nel sito Ilva, eventualmente supportate da finanziamenti pubblici, non sono da considerarsi aiuti di Stato illegali. Lo afferma la Commissione Ue nel rapporto datato 20 gennaio 2015 e visionabile sul sito della direzione Concorrenza. Intanto in una lettera al suo direttivo, il direttore generale di Eurofer sottolinea che nel rapporto della Commissione si evidenziano i rischi per chi vincerà la gara per l’acquisizione dell’Ilva di dover restituire eventuali finanziamenti se questi saranno considerati aiuti di Stato illegali.
«Alla luce dell’emergenza ambientale e sanitaria» in cui versa la zona di Taranto «la Commissione non intende opporsi ad eventuali azioni immediate che le autorità italiane ritengano necessarie per tutela la salute dei cittadini» si legge nel rapporto.

Pertanto la decisione della Commissione di aprire la procedura per presunti aiuti di Stato illegali all’Ilva «non osta all’eventuale sovvenzionamento pubblico delle spese per gli interventi di decontaminazione del sito dell’Ilva e delle aree circostanti». Tali aiuti, però, sono ammessi dalla Commissione solo «nella misura in cui tali interventi siano urgenti e necessari per porre rimedio all’inquinamento esistente e per garantire la salute pubblica nella città di Taranto» in attesa che «venga individuato il responsabile dell’inquinamento, secondo gli standard previsti dalla normativa in vigore».

La Commissione riconosce che «lo Stato italiano si sta giustamente attivando per garantire che l’inquinamento accumulato non nuoccia alla salute dei cittadini e all’ambiente" e però aggiunge che quando i Giudici individueranno il responsabile dell’inquinamento «quest’ultimo dovrebbe, conformemente al principio 'chi inquina pagà, rimborsare con gli interessi gli importi spesi dallo Stato per interventi di decontaminazione.

Preoccuperà invece i sindacati il passo in cui la Commissione osserva che il fatto di preferire (nella scelta dell’acquirente del gruppo Ilva) «l'azienda che garantirà la continuazione" della produzione e i «posti di lavoro», come previsto dal bando: questo aumenta il rischio di dover, eventualmente, restituire gli aiuti di Stato ricevuti, perché i due elementi aumentano «il rischio di continuità fra l’Ilva» e la nuova azienda che ne gestirà gli attivi.

La procedura contro il salvataggio dell’Ilva è stata avviata nel 2014 - si legge nel rapporto - da due «imprese concorrenti che desiderano che la loro identità non venga divulgata». Secondo indiscrezioni potrebbero essere la tedesca Tyssenkrupp e la britannica Tata Steel. Contro le misure adottate dall’Italia per rilanciare la prima acciaieria d’Europa sono arrivate poi le denunce formali della Wirtschaftsvereinigung (la federazione tedesca dell’acciaio) e quindi di Eurofer (associazione europea della siderurgia). La British Steel Association «ha espresso il proprio sostegno ai due denuncianti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Taranto, tenta rapina in tabaccheria e ferisce il proprietario: arrestato

Taranto, tenta rapina in tabaccheria e ferisce il proprietario: arrestato

 
Tra le strade di Grottaglie come in Fast and Furious: arrestato

Tra le strade di Grottaglie come in Fast and Furious: arrestato

 
Massafra, beccato con hashish, cocaina e marijuana: arrestato 18enne

Massafra, beccato con hashish, cocaina e marijuana: arrestato 18enne

 
Taranto, «La pulizia notturna? No, qui salta sempre»

Taranto, «La pulizia notturna? No, qui salta sempre»

 
Taranto, emergenza gas radon in 27 ambienti scolastici

Taranto, quartiere Tamburi emergenza gas radon in 27 ambienti scolastici

 
Con una spesa di 30 euroTicket per caffè e cornetto

Con una spesa di 30 euro
Ticket per caffè e cornetto

 
Taranto, gas radon nelle scuole: i cittadini chiedono garanzie

Taranto, gas radon nelle scuole:
i cittadini chiedono garanzie

 
Ilva, Costa apre alla decarbonizzazione

Ilva, Costa apre alla decarbonizzazione

 

GDM.TV

Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Gli studenti del Poliba creano una monoposto da corsa: IL VIDEO

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 
Bari, il raduno dei bikers:moto, birra e tanta musica IL VIDEO

Bari, il raduno dei bikers: moto,
birra e tanta musica fino a sera

 

PHOTONEWS