Lunedì 26 Settembre 2022 | 11:19

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,91%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,46%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,85%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,07%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,12%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,24%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,81%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,29%

Movimento 5 Stelle

 

La polemica

Covid 19, il vescovo di Taranto: «Rammaricano i limiti alla libertà di culto»

Nuovo anno, il messaggio del vescovo di Taranto: «Auguriamoci di fare squadra»

Così mons. Filippo Santoro, commenta il nuovo Dpcm legato all’emergenza Coronavirus

27 Aprile 2020

Redazione online

TARANTO - «Sento di condividere il rammarico espresso dalla Conferenza Episcopale Italiana dopo l'illustrazione del premier Conte della cosiddetta fase 2 della gestione di questa pandemia, misure quelle annunciate che limitano oltremodo la libertà di culto». Lo afferma l'arcivescovo di Taranto, Filippo Santoro, commentando il nuovo Dpcm legato all’emergenza Coronavirus.
«La Chiesa - aggiunge - trae la sua forza, il suo sostegno dall’ascolto della Parola di Dio e dalla condivisione sacramentale del Pane eucaristico. Motivazione ed amore per l'assistenza ai deboli, ai poveri, vengono da quella fonte. Dalla stessa sorgente nasce tutta quella rete sterminata di solidarietà che abbiamo visto prendere forma in queste ultime settimane da parte di tutte le nostre comunità parrocchiali».

I vescovi «si fanno semplicemente portavoce - afferma mons. Santoro - di una 'famè che il popolo ha dei sacramenti, della santa messa. Le celebrazioni in streaming, che pur aiutano a sentire la vicinanza, il calore spirituale nella prova, non potranno mai sostituirsi all’esperienza diretta, personale e comunitaria. Abbiamo sentito la privazione vitale in maniera più acuta in questa ultima Pasqua che non potremo mai più dimenticare. Ho fiducia nell’interlocuzione in atto che possa permettere una revisione dei protocolli (come è stato possibile dopo il primo DPCM che ha visto il dietrofront rispetto alla chiusura dei tabaccai e dei supermercati)».

La Chiesa, conclude il presule, «ribadisce tutta la sua serietà e il suo impegno per assicurare la partecipazione dei fedeli in maniera contingentata e regolata circa gli ingressi e le distanze di sicurezza, anche moltiplicando le funzioni pur di consentire la partecipazione della gente a piccoli gruppi e organizzando fin da ora un servizio di accoglienza che possa rendere il flusso regolare di presenze, senza assembramenti»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725