Venerdì 20 Settembre 2019 | 01:40

NEWS DALLA SEZIONE

Nel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
ambiente
Taranto, incendio in impianto autodemolizioni: colonna di fumo nero

Taranto, incendio in impianto autodemolizioni: colonna di fumo nero

 
L'episodio
Si intrufolano in sagrestia e rubano il marsupio del parroco: pizzicati 2 ladri nel Tarantino

Si intrufolano in sagrestia e rubano il marsupio del parroco: pizzicati 2 ladri nel Tarantino

 
Nel tarantino
Massafra, nigeriano si denuda in strada e sputa contro le auto di passaggio: arrestato

Massafra, nigeriano si denuda in strada e sputa contro le auto di passaggio: arrestato

 
L'operazione
Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

 
Dalla Gdf
Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

 
A San Marzano
Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

 
In centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
nel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
Siderurgico
Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

Inquinamento

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cittadini presentano esposto

Le scuole chiuse a febbraio per la vicinanza a una discarica. Sindacato: da azienda non attuata alcuna contromisura

Taranto, fiamme da torce Eni«Blocco a causa di temporale»

Potrebbero riaprire a settembre i plessi scolastici De Carolis e Deledda del rione Tamburi di Taranto chiusi per ordinanza sindacale dal 2 marzo scorso per la loro vicinanza alle collinette ecologiche dell’ex Ilva sequestrate a febbraio dai carabinieri del Noe in quanto sarebbero state trasformate in discariche di rifiuti industriali. E’ quanto emerso da un incontro in Comune dopo la "relazione dei tecnici di Ilva in As che confermano il rispetto del cronoprogramma dell’intervento». Sono emersi anche «elementi rassicuranti dal monitoraggio effettuato de Arpa nel plesso Deledda che escluderebbero un eventuale spolverio delle sostanze inquinanti rinvenute nel corso delle indagini condotte sulle collinette nei mesi scorsi».

Al completamento «di tutte le attività, previsto - sottolinea il Comune - per la prima decade di settembre, sarà inoltre programmata una pulizia straordinaria a cura dell’Amministrazione Comunale delle scuole, in modo da consentire la regolare ripresa delle attività scolastiche, previa revoca dell’Ordinanza che ne ha disposto la sospensione. Nei prossimi giorni saranno convocati dal competente assessorato comunale - conclude la nota dell’Ente - i rappresentanti dell’ufficio scolastico provinciale nonché la dirigenza scolastica per programmare le attività propedeutiche all’inizio del nuovo anno scolastico».

La Fim Cisl di Taranto, in una lettera all’azienda e al Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro dell’Asl (Spesal), segnala «l'ennesima, massiccia emissione convogliata in ambiente» da parte del Camino E312 dello stabilimento ArcelorMittal senza, secondo il sindacato, che venga messa in atto «alcuna contromisura operativa concreta mirata alla soluzione del problema». Per Biagio Prisciano, segretario generale aggiunto Fim Cisl Taranto, le emissioni «si ripetono con frequenza» e «gli impegni di manutenzione intensiva concordati si rivelano assolutamente inefficaci».

Per i camini, sostiene il sindacalista, «occorre accelerare l'installazione dei filtri a manica Meros, investimento approvato in sede di conferenza al ministero per l’Ambiente, per un costo di circa 60 milioni di euro». «La prima linea - aggiunge - sarà completata a settembre 2021, mentre la seconda entro maggio 2023, ma sono necessarie contromisure ponte più immediate. Non possiamo assolutamente accettare - osserva Prisciano - che sino a quando non saranno installati i filtri, ci siano emissioni continue e del tipo a cui stiamo assistendo ripetutamente». La Film Cisl di Taranto segnala infine "un’anomalia alle cokerie che riguarderebbe la macchina caricatrice del fossile, legata a un tempo di distillazione del coke inferiore al previsto».

L'ESPOSTO DEI CITTADINI -  Tre cittadini hanno depositato alla Procura di Taranto un esposto che integra il precedente depositato il 26 giugno «Con il veleno nel sangue e il cuore in mano» che raccolse la sottoscrizione di 6.000 firme. Nello specifico si «focalizza l’attenzione - spiegano Angelo Di Ponzio, Angelo Pizzo e Luciano Manna - sulle emissioni registrate nei mesi di luglio ed agosto negli impianti della cokeria dello stabilimento ArcelorMittal di Taranto. Il precedente esposto raccoglieva le evidenze delle emissioni di tutti gli impianti dell’area a caldo sino al mese di giugno. Riteniamo che le emissioni anomale delle cokerie siano la fonte dell’ondata di gas che ha investito i quartieri Paolo VI, Tamburi e Città Vecchia, sino a limitare la normale vita dei cittadini, il 20 agosto e nei giorni successivi».
Nell’esposto, oltre a chiedere alla Procura «di procedere nei confronti dei responsabili - aggiungono - abbiamo chiesto alle autorità di rilevare le responsabilità degli enti. Nello specifico riteniamo che il primo tutore della salute pubblica, il sindaco Rinaldo Melucci, non possa adempiere ai propri doveri solo con i comunicati stampa. Per tutelare i cittadini da queste palesi violazioni dei Diritti dell’Uomo - concludono - servono atti decisi, coraggiosi e che richiedono incisività politica ed istituzionale». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie