Venerdì 19 Agosto 2022 | 00:53

In Puglia e Basilicata

Inquinamento

Taranto, ultimatum del sindaco: risposte su ex Ilva o chiudo

Ex Ilva, oltre 700 esodi: per nuove assunzioni valutate esperienza, anzianità e carichi di famiglia

Melucci chiede ad Asl e Arpa di inviare entro 8 aprile su livello di emissioni

02 Aprile 2019

Redazione on line

Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, lancia un ultimatum ad Arpa e Asl e chiede «entro le ore 12 dell’8 aprile risposte chiare e definitive sul livello delle emissioni dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal (ex Ilva) e sui rischi per la salute pubblica», non escludendo il ricorso a «un’ordinanza contingibile e urgente di chiusura degli impianti inquinanti del siderurgico, in base al principio di precauzione». In una lettera a Ispra, Arpa Puglia, Istituto Superiore di Sanità e Asl di Taranto, il sindaco evidenzia che "se è vero ciò che hanno asserito i vertici di Asl Taranto, cioè che non si possano escludere rischi rilevanti per la salute dei cittadini, e che addirittura ci si ammali più che altrove e più che in passato; e se permane la confusione e l’approssimazione da parte degli organismi tecnici indipendenti previsti dalla legge, il Comune di Taranto vi informa che adotterà in tempi assai brevi provvedimenti, costruiti sul principio di massima precauzione, in difesa della salute dei propri cittadini e avverso una filiera produttiva ormai desueta ed intollerabile».

Desta «preoccupazione - attacca Melucci - che taluni esponenti di Arpa Puglia dichiarino pubblicamente la non adeguatezza della vigente normativa comunitaria allo scenario tarantino, che la stessa agenzia regionale affermi in occasione del Consiglio comunale monotematico aperto ai cittadini, del 25 marzo 2019, che sia in possesso di dati non ancora divulgati o divulgabili».
Inoltre, a distanza «di quasi un mese dai primi sopralluoghi disposti da Ispra - conclude il sindaco - all’interno dello stabilimento siderurgico di Taranto, lo scrivente civico ente non ha ancora ricevuto alcun riscontro ufficiale sulla qualità dell’aria che stanno respirando migliaia di lavoratori».

E SU RIQUALIFICAZIONE CENTRO STORICO INCONTRO CON BONISOLI - Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, ha incontrato a Roma il ministro per i Beni culturali, Alberto Bonisoli, per affrontare l’operatività della delibera Cipe da 90 milioni di euro per la riqualificazione del centro storico. «Ringrazio il ministro - afferma Melucci in una nota - per la sua lucidità e l’attenzione che sta rivolgendo a Taranto». «Ha condotto un lungo tavolo da uomo innamorato delle nostre bellezze - sottolinea - e consapevole delle nostre priorità e peculiarità». «Questo approccio - conclude il sindaco - mi consegna grande fiducia, specie per l’accelerazione e la concretezza che il Governo sta mettendo in campo per il nostro territorio in questa fase».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725