Domenica 19 Maggio 2019 | 08:34

NEWS DALLA SEZIONE

Lungo i viali
Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

 
L'episodio
Taranto, vandali in Piazza Fontana

Taranto, vandali in Piazza Fontana

 
Truffa
Taranto, simulavano finti incidenti stradali: 26 denunce

Taranto, simulavano finti incidenti stradali: 26 indagati

 
Lotta alla droga
Taranto, sorpreso con 15 dosi di cocaina: arrestato 41enne

Taranto, sorpreso con 15 dosi di cocaina: arrestato 41enne

 
la marella discovery
Taranto, ecco i crocieristila città si riscopre turistica

Ecco la più grande nave da crociera mai attraccata a Taranto

 
L'annuncio
Taranto, è ufficiale la candidatura per i Giochi del Mediterraneo 2025

Taranto, è ufficiale la candidatura per i Giochi del Mediterraneo 2025

 
Professioni abusive
Insegnavano in scuola guida senza titoli: denunce a Taranto e Statte

Insegnavano in scuola guida senza titoli: denunce a Taranto e Statte

 
Liste d'attesa
Ginosa, visita urologica dopo 231 giorni: esplode il caso

Ginosa, visita urologica dopo 231 giorni: esplode il caso

 
Nel Tarantino
Manduria: ambulanza si scontra con due auto, cinque feriti

Manduria: ambulanza si scontra con due auto, cinque feriti

 
I fatti nel 2015
Ex Ilva, operaio morì travolto da colata incandescente: 7 a giudizio

Ex Ilva, operaio morì travolto da colata incandescente: 7 a giudizio

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVL'iniziativa
Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresca dei Maschi

Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresa dei Maschi

 
LecceLa nomina
Lecce, Roberta Altavilla presidente dell'Ordine. «Stop polemiche»

Lecce, Roberta Altavilla presidente dell'Ordine. «Stop polemiche»

 
TarantoLungo i viali
Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

 
FoggiaNel foggiano
Cagnano Varano, cc ferito dimesso: «Tornerò a lavorare in ricordo collega ucciso»

Cagnano Varano, dimesso collega carabiniere ucciso: «Tornerò a lavorare»

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 
HomeLa visita del ministro
Bonisoli a Lecce e a Matera: «Nostro compito è evitare fuga ragazzi dal Sud

Bonisoli a Lecce e a Matera: «Nostro compito è evitare fuga ragazzi dal Sud»

 
HomeMagnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 

i più letti

Consegnate al comune

Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolte 4mila firme

Lanciata da Genitori Tarantini e LiberiAmo Taranto. Questa mattina sit-in davanti al Municipio

Ilva

Circa 4.000 firme sono state raccolte dal gruppo dei Genitori Tarantini e dall’associazione LiberiAmo Taranto in calce alla petizione denominata "Chiudiamola qua», consegnata oggi a Palazzo di città, attraverso la quale si intende «chiedere al sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, responsabile della salute dei tarantini, se può assicurare a tutti i cittadini - hanno spiegato i promotori - che nulla abbiano da temere dalle emissioni venefiche del complesso siderurgico a ridosso della città». «Se non sarà in grado di fornirci queste garanzie, attraverso eventuali rassicurazioni dell’Azienda sanitaria locale di Taranto - aggiungono - chiediamo di applicare il principio di precauzione e utilizzare l’ordinanza di arresto degli impianti Ilva come strumento sindacale per difendere e tutelare la salute di oltre 200mila cittadini, tra bambini e adulti, che hanno pieno diritto a vivere in un ambiente salubre».
La raccolta delle firme continua on line. Questa mattina si è svolto un sit in dinanzi alla sede del Municipio. «Grazie all’accordo sindacale - è stato detto - i nuovi proprietari potranno aumentare la produzione a 8 milioni di tonnellate di acciaio annue e questo inevitabilmente porterà maggiori emissioni da parte della fabbrica. Siamo preoccupati e pretendiamo che il sindaco, nel pieno rispetto delle sue funzioni di tutore della salute e dell’incolumità pubblica, ci dia delle risposte esaustive, supportate da dati reali, aggiornati ed inconfutabili. Melucci è un padre tarantino e ha il dovere di risponderci e di prendere provvedimenti qualora non ci fossero dati per rassicurarci».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400