Sabato 19 Gennaio 2019 | 09:08

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia
Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

 
A Manduria
Taranto, nascondeva in casa pistole e munizioni: arrestato

Taranto, nascondeva in casa pistole e munizioni: arrestato

 
Arresti a Taranto
Gestivano prostitute dal carcere in Francia: vicino alla banda anche sacerdote

Gestivano prostitute da carcere in Francia: vicino a banda anche un prete

 
Nel Tarantino
Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

 
della nave Bergamini
Incidente nella stazione navale Taranto, ferito sottoufficiale

Taranto, ormeggio trancia gamba a sottoufficiale, sempre grave

 
Al rione Tamburi
Taranto, cede controsoffitto in classe dopo petardo, l'aula era vuota

Taranto, cede controsoffitto in classe dopo petardo, l'aula era vuota

 
Tragedia sfiorata
Taranto, pezzi di cemento si staccano dal balcone: ferita una donna

Taranto, pezzi di cemento si staccano dal balcone: ferita una donna

 
Nel Tarantino
Laterza: mamma, bimbo e nonna morirono in incidente, chiesto rinvio a giudizio

Laterza: mamma, bimbo e nonna morirono in incidente, chiesto rinvio a giudizio

 
Con la procedura XLIF
Taranto, riuscito intervento unico in Puglia contro la scoliosi

Taranto, riuscito intervento unico in Puglia contro la scoliosi

 
Nel tarantino
Castellaneta: in 3 immobilizzano ragazzo rumeno e lo derubano, tra loro un minore

Castellaneta: in 3 immobilizzano ragazzo rumeno e lo derubano, tra loro un minore

 
ex ilva
Taranto, intesa Mittal-sindacati: revocato lo sciopero

Taranto, intesa Mittal-sindacati: revocato lo sciopero

 

Consegnate al comune

Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolte 4mila firme

Lanciata da Genitori Tarantini e LiberiAmo Taranto. Questa mattina sit-in davanti al Municipio

Ilva

Circa 4.000 firme sono state raccolte dal gruppo dei Genitori Tarantini e dall’associazione LiberiAmo Taranto in calce alla petizione denominata "Chiudiamola qua», consegnata oggi a Palazzo di città, attraverso la quale si intende «chiedere al sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, responsabile della salute dei tarantini, se può assicurare a tutti i cittadini - hanno spiegato i promotori - che nulla abbiano da temere dalle emissioni venefiche del complesso siderurgico a ridosso della città». «Se non sarà in grado di fornirci queste garanzie, attraverso eventuali rassicurazioni dell’Azienda sanitaria locale di Taranto - aggiungono - chiediamo di applicare il principio di precauzione e utilizzare l’ordinanza di arresto degli impianti Ilva come strumento sindacale per difendere e tutelare la salute di oltre 200mila cittadini, tra bambini e adulti, che hanno pieno diritto a vivere in un ambiente salubre».
La raccolta delle firme continua on line. Questa mattina si è svolto un sit in dinanzi alla sede del Municipio. «Grazie all’accordo sindacale - è stato detto - i nuovi proprietari potranno aumentare la produzione a 8 milioni di tonnellate di acciaio annue e questo inevitabilmente porterà maggiori emissioni da parte della fabbrica. Siamo preoccupati e pretendiamo che il sindaco, nel pieno rispetto delle sue funzioni di tutore della salute e dell’incolumità pubblica, ci dia delle risposte esaustive, supportate da dati reali, aggiornati ed inconfutabili. Melucci è un padre tarantino e ha il dovere di risponderci e di prendere provvedimenti qualora non ci fossero dati per rassicurarci».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400