Martedì 16 Ottobre 2018 | 04:06

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

dopo l’episodio della notte precedente

Emissioni odorigene a Taranto
proteste e nuove segnalazioni

Emissioni odorigene a Taranto proteste e nuove segnalazioni

foto d'archivio

TARANTO - Anche la notte scorsa e questa mattina, dopo l’episodio della notte precedente, numerosi cittadini hanno interpellato gli organi di controllo, i Vigili del fuoco e le forze dell’ordine dopo aver avvertito nuovamente un forte odore di gas in città. Ieri l’Eni aveva diffuso un comunicato spiegando che «a seguito della fermata generale per manutenzione programmata, si è verificata una lieve perdita di Gpl da una linea dell’impianto di 'trattamento gas' ricevuto dall’unità di distillazione primaria.

La perdita, seppur minima - ha sottolineato l’azienda - in relazione a considerazioni di sicurezza e di qualità dell’aria, ha generato un effetto odorigeno ed è stata prontamente rimossa. Il fenomeno è da considerarsi assolutamente episodico».

La notte scorsa e nelle prime ore del mattino, però, sono state segnalate ancora emissioni odorigene. Il movimento "Giustizia per Taranto», che raggruppa diverse associazioni, sostiene che «le ammissioni dell’Eni non ci tranquillizzano, anzi. Quello che è accaduto nella notte tra il 17 e il 18 luglio è un fatto gravissimo. Un incidente presso lo stabilimento Eni di Taranto ha causato una 'lieve fuoriuscita di Gpl', come ha dichiarato candidamente la stessa Eni minimizzando le conseguenze ad un semplice 'fenomeno odorigenò, fenomeno che ad oltre 24 ore pare ancora persistere.

La superficialità e la banalitá - aggiunge il movimento - con cui Eni tratta la questione rende il tutto ancora più grave. Innanzitutto perchè la cosiddetta fuoriuscita non si é limitata ad un semplice problema olfattivo, ma in molti hanno lamentato problemi di bruciore ad occhi, naso e gola, gonfiore alla gola, nausea, mal di testa».

In secondo luogo «Eni - conclude Giustizia per Taranto - avrebbe dovuto provvedere ad allertare immediatamente la popolazione invitandola a chiudere le finestre o adottare altre precauzioni idonee. Ciò non è accaduto. Sindaco, prefetto, presidente della Regione devono pretendere risposte certe e garanzie che lo stabilimento Eni non metta a rischio la salute e la vita dei cittadini. Sarebbe auspicabile anche che Arpa ed Asl verifichino quanto accaduto e adottino sistemi di monitoraggio continuo su quanto avviene in Eni. In tutto questo processo la cittadinanza deve essere parte attiva ed informata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Trasportava 4 chili di eroina: arrestato albanese a Taranto

Trasportava 4 chili di eroina: arrestato albanese a Taranto

 
Taranto, in arrivo otto milioni per acquistare 40 bus

Taranto, in arrivo otto milioni per acquistare 40 bus

 
Taranto, per la corsa alla Provinciasarà sfida tra Melucci e Giugliotti

Taranto, per la corsa alla Provincia sarà sfida tra Melucci e Gugliotti

 
Scarsa igiene, chiuso market etnico a Taranto

Scarsa igiene, chiuso market etnico a Taranto

 
Ginosa M., fa irruzione in casae pesta coniugi: in cella 41enne

Ginosa M., fa irruzione in casa e pesta coniugi: in cella 41enne

 
Elezioni provinciali a TarantoMelucci: Emiliano fuori dalla sfida

Elezioni provinciali a Taranto
Melucci: Emiliano fuori dalla sfida

 
Ilva, forse mille giovani lasciano:attratti dai 100mila € di incentivo

Ilva, forse mille giovani lasciano: attratti dai 100mila € di incentivo

 
Taranto, incendio davanti l'abitazione del direttore dell'Atam

Taranto, incendio davanti l'abitazione del direttore dell'Atam

 

GDM.TV

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 
Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

 
Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

Le Cesine, sequestrati 3 quintali di marijuana e hashish: 2 arresti

 
Bari, troppi tagli a scuola: ecco il raduno degli studenti in sciopero

Bari, troppi tagli a scuola?
E gli studenti scioperano

 
Le acque rosse vicino le salineSequestro choc a Margherita di Savoia

Le acque rosse vicino le saline
Sequestro choc a Margherita di Savoia

 
Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni contrastanti

Arresto gambiano a Foggia: i video e le versioni diverse. «Agenti circondati»

 
Intitolazione caserma a Marzulli, Decaro: «Lui era davvero un galantuomo»

Squillo di tromba e commozione
per la caserma dedicata a Marzulli

 

PHOTONEWS