Venerdì 24 Gennaio 2020 | 23:24

NEWS DALLA SEZIONE

nuoto
Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

 
l'evento
Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

 
L'evento
Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

 
settebello
Pallanuoto, World League a Champions a Bari: è quasi fatta

Pallanuoto, World League e Champions a Bari: è quasi fatta

 
atletica leggera
La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

 
è tarantina
Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

 
a locorotondo
Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

 
record
Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

 
Il personaggioI
Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa Terra vista dal Carnevale
Putignano, il Carnevale diventa green: il tema scelto per i carri è l'ambiente

Putignano, il Carnevale diventa green: il tema scelto per i carri è l'ambiente VD

 
LecceLa decisione
La senatrice Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Lecce

La senatrice Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Lecce

 
FoggiaL'incidente
Orta Nova, auto tampona mezzo pesante: un morto e un ferito

Orta Nova, auto tampona mezzo pesante: un morto e un ferito

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, ancora 7 giorni per il pre-accordo, ma resta il nodo esuberi

Arcelor Mittal, ancora 7 giorni per il pre-accordo, ma resta il nodo esuberi

 
PotenzaProduzione
Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 
BrindisiL'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 

i più letti

F1 - GP di Monaco: vince Alonso. Schumi spettacolare

Due gare in una: quella (noiosa) dello spagnolo, partito e arrivato in testa davanti a Montoya e a Coulthard per la sua 12ª vittoria in carriera; e quella (elettrizzante) di Schumacher, partito ultimo e risalito fino al 5° posto. Ora in classifica generale il tedesco della Ferrari è indietro di 21 punti
MONTECARLO - Due gare in una: quella (noiosa) di Fernando Alonso, partito e arrivato in testa davanti a Montoya e a Coulthard per la sua 12ª vittoria in carriera; e quella (elettrizzante) di Michael Schumacher, partito ultimo e risalito di giro in giro fino al 5° posto. Questo ha offerto il gran premio di Monaco edizione 2006, un gran premio nato nelle polemiche, proseguito con le penalizzazioni e terminato con i motori di Mclaren (Raikkonen), Williams (Webber) e Toyota (Trulli) in fumo mentre tutti erano di volta in volta a podio.
Dietro di loro uno spettacolo nello spettacolo, quello offerto da Michael Schumacher, capace di partire ultimo e di andare a prendere 4 punti su un circuito in cui i sorpassi sono letteralmente impossibili. Il tedesco, scattato al via con l'immagine scomoda della pecora nera, è arrivato tra gli applausi. Perché giro dopo giro i tifosi gli hanno perdonato la colpa di aver imbrogliato alla vigilia nelle qualifiche e hanno ritrovato in gara il campione che ammirano e amano.
Impossibile per lui fare di più. Partito dai box per aver cambiato il motore, di gran lunga ultimo anche dietro l'altra Ferrari di Massa, Schumi ha superato al via il compagno di squadra, quindi Monteiro, Montagny, Albers, Speed. Qualche tornata dietro al tappo di Button quindi, al 21° giro, un sorpasso perfetto sulla Honda e via alla rincorsa della Bmw-Sauber di Villeneuve. E nuovi sorpassi: su Villeneuve, Liuzzi, Ralf Schumacher, Heidfeld. Eccetera.
Una gara splendida quella del tedesco, tutta giocata all'insegna dell'agonismo più sfrenato e della strategia più lucida verso la conquista dell'unico obiettivo possibile, date le condizioni di partenza: la conquista della zona punti. Messa una pietra sopra sulla possibilità di vincere, Schumi si è giocato al meglio ciò che poteva. E - a modo suo - ha vinto. Non a caso è stato suo il giro più veloce con 1'15"143.
Là davanti la partita alla roulette di Monaco è stata giocata e vinta da Alonso in un'unica puntata: la prima, la partenza. Uscito indenne (e primo) dalla curva di Santa Devota, per 77 giri lo spagnolo non ha fatto altro che controllare la gara. Accettando alle sue spalle prima la McLaren di Raikkonen (fuori al 51/mo giro per rottura motore), poi quella di Montoya, passato 2° per la rottura del motore della Williams di Webber. Per il resto, il vuoto. Tutti gli avversari hanno infatti arrancato lontani 30» e anche di più alle spalle del 'tappò creato da Barrichello, partito 5° e lì rimasto per mezzo gran premio. L'entrata in pista al 49/mo giro della safety car ha scompaginato le carte. I più abili ne hanno approfittato per fare rifornimento. Barrichello no: si è ritrovato lì per lì 3° ma, forse perchè si è agitato, nel successivo pit stop è stato penalizzato per eccesso di velocità ai box. Passaggio obbligato per la corsia box, per lui (drive through) e conseguente perdita di due posizioni. Ne hanno approfittato Trulli e Coulthard (3° alla fine con la Red Bull). Ma Trulli, si sa, non ha un buon rapporto con la fortuna: a 5 giri dalla fine e da un podio certo il motore della sua Toyota lo ha tradito. Così a punti sono finiti Barrichello (4°), Schumi (5°), quindi Fisichella (6°), Heidfeld (7°) e Ralf Schumacher (8°). Felipe Masssa, con l'altra Ferrari, li ha sfiorati: 9°.
Una curiosità: là davanti Alonso si è ritrovato ad un certo punto con Schumacher alle spalle: signorilmente gli ha dato strada, permettendogli di sdoppiarsi e di proseguire la sua ricorsa verso il 5° posto. Chapeau ad un vero vincitore, degno del titolo di campione del mondo. Tra loro adesso la partita mondiale è 64 a 43 per lo spagnolo. Ma non è finita.

Ordine d'arrivo del Gp di Monaco di formula uno

1. Fernando Alonso (Spa/Renault) 1:43:43.116
2. Juan Pablo Montoya (Col/McLaren) +00:14.567
3. David Coulthard (Gbr/Red) 00:25.598
4. Rubens Barrichello (Bra/Honda) 00:53.337
5. Michael Schumacher (Ger/Ferrari) 00:53.830
6. Giancarlo Fisichella (Ita/Renault) 01:02.072
7. Nick Heidfeld (Ger/Bmw Sauber) a un giro
8. Ralf Schumacher (Ger/Toyota) a un giro
9. Felipe Massa (Bra/Ferrari) a un giro
10. Vitantonio Liuzzi (Ita/Toro Rosso) a un giro
11. Jenson Button (Gbr/Honda) a un giro
12. Christijan Albers (Ola/Midland) a un giro
13. Scott Speed (Usa/Toro Rosso) a un giro
14. Jacques Villeneuve (Can/Bmw Sauber) a un giro
15. Tiago Monteiro (Por/Midland) a due giri
16. Franck Montagny (Fra/Super Aguri) a tre giri
Tutti gli altri piloti non hanno portato a termine la corsa.

Questa la classifica del mondiale piloti di Formula Uno dopo il Gran Premio di Monaco

1. Fernando Alonso (Spagna) Renault 64 punti
2. Michael Schumacher (Germania) Ferrari 43
3. Giancarlo Fisichella (Italia) Renault 27
4. Kimi Raikkonen (Finlandia) McLaren 27
5. Juan Pablo Montoya (Colombia) McLaren 23
6. Felipe Massa (Brasile) Ferrari 20
7. Jenson Button (Gb) Honda 16
8. Rubens Barrichello (Brasile) Honda 13
9. Ralf Schumacher (Germania) Toyota 8
10. Nick Heidfeld (Germania) BMW Sauber 8
11. David Coulthard (Gb) Red Bull 7
12. Mark Webber (Australia) Williams 6
13. Jacques Villeneuve (Canada) BMW Sauber 6
14. Nico Rosberg (Germania) Williams 4
15. Christian Klien (Austria) Red Bull 1
16. Jarno Trulli (Italia) Toyota 0
17. Scott Speed (Usa) Toro Rosso 0
18. Vitantonio Liuzzi (Italia) Toro Rosso 0
19. Christijan Albers (Olanda) MF1 Racing 0
20. Tiago Monteiro (Portogallo) MF1 Racing 0
21. Takuma Sato (Giappone) Super Aguri 0
22. Yuji Ide (Giappone) Super Aguri 0
23. Franck Montagny (Francia) Super Aguri 0

Costruttori

1. Renault 91
2. Ferrari 63
3. McLaren - Mercedes 50
4. Honda 29
5. BMW Sauber 14
6. Williams - Cosworth 10
7. Toyota 8
8. RedBull - Ferrari 8
9. Toro Rosso - Cosworth 0
10. MF1 - Toyota 0
11. Super Aguri - Honda 0.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie