Giovedì 23 Gennaio 2020 | 05:23

NEWS DALLA SEZIONE

nuoto
Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

 
l'evento
Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

 
L'evento
Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

 
settebello
Pallanuoto, World League a Champions a Bari: è quasi fatta

Pallanuoto, World League e Champions a Bari: è quasi fatta

 
atletica leggera
La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

 
è tarantina
Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

 
a locorotondo
Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

 
record
Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

 
Il personaggioI
Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in nottuna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

Bari, gol di Simeri porta biancorossi a meno 6 dalla capolista
Bari-Sicula Leonzio 1-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'incidente nel 2008
Taranto, operaio morì dopo volo da ponteggio Altoforno 4 Ilva: una condanna

Taranto, operaio morì dopo volo da ponteggio Altoforno 4 Ilva: una condanna

 
BariDelitto Sciannimanico
Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

 
FoggiaIl Riesame
Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

Foggia, torna libero dopo 3 mesi ex parlamentare Angelo Cera

 
BatBat
La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

 
LecceL'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
HomeIntimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

Ciclismo - Basso come Indurain. Piepoli ringrazia

Il pugliese si è imposto per distacco nella 17ª tappa del Giro d'Italia, con arrivo anticipato al Passo Furcia causa maltempo (percorso ridotto a 121,7 chilometri rispetto ai 133 iniziali). La maglia rosa frena per non fare uno sgarbo e si accontenta del secondo posto, ma in classifica è leader indiscusso
PASSO FURCIA (BOLZANO) - La pioggia, la neve e il vento hanno mutilato il tappone dolomitico, quell'arrivo sullo sterrato di Plan de Corones che doveva essere il simbolo di questo giro. Niente Passo delle Erbe e niente sterrato. La tappa numero 17, si riduce ad un trasferimento di 121 chilometri da Termeno al Passo di Furcia. E' tappa tremenda, ma solo per le condizioni meteo. Quello sterrato è un sentiero di fango. Neanche pensabile andarci su. Alla fine vince Leonardo Piepoli, l'unico a restare vicino a Ivan Basso. E' come a Latuile, tutti gli altri sono indietro. Ivan, come uno dei grandi maestri, ovvero Miguel Indurain, frena per non fare sgarbi a Piepoli che alza le braccia. Non ha bisogno di altre vittorie, Ivan. La maglia rosa ha ormai più di quattro minuti sullo spagnolo Gutierrez Cataluna, che infondo è la vera sorpresa di oggi.
Lo spagnolo pesa 80 chili, ma resta con quelli che in montagna volano leggeri. E' terzo e stacca il messicano Perez Quapio, il francese Gadret e Cunego. Damiano, se non altro, si prende la soddisfazione di dare sei secondi a Gilberto Simoni. Molto più indietro, Savoldelli. Così 'Gibò sale al terzo posto nella generale. Abbonato ai podi, ormai lotta per salirci anche quest'anno. L'obiettivo, naturalmente non può essere Ivan Basso.
Partita con mezz'ora di ritardo per il malumore del gruppo, la tappa passa all'ascolto della radio con un orecchio distratto dalla fuga del francese Poilvet e di Dario Cioni. Che vengono puntualmente ripresi a San Virgilio di Marette. Quando mancano dieci chilometri appena. E' l'unica vera salita della giornata, ma Di Luca fatica fin dall'inizio e si stacca. Davanti restano Gutierrez, Simoni, Piepoli, Basso e Perez Quapio. Leonardo, ancora una volta ha via libera, perchè Simoni non riesce a tenere il ritmo della maglia rosa e del messicano. Gutierrez Catalunia invece si, addirittura prova un attacco ma ottiene solo il risultato di lanciare Piepoli. Si mette davanti a tirare con Basso a ruota. Pellizotti rientra e prova il colpo di tirare dritto. Invece ancora Piepoli ad allungare e solo Basso gli tiene dietro. E' come un gatto che gioca con i topolini, Ivan. Il Giro è suo. Padrone di classe, come Miguelon Indurain.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie