Sabato 18 Gennaio 2020 | 04:36

NEWS DALLA SEZIONE

nuoto
Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

 
l'evento
Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

 
L'evento
Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

 
settebello
Pallanuoto, World League a Champions a Bari: è quasi fatta

Pallanuoto, World League e Champions a Bari: è quasi fatta

 
atletica leggera
La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

 
è tarantina
Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

 
a locorotondo
Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

 
record
Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

 
Il personaggioI
Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

 
ha 19 anni
Taekwondo, il mesagnese Dell'Aquila vola alle Olimpiadi di Tokyo

Taekwondo, il mesagnese Dell'Aquila vola alle Olimpiadi

 

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLa tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

La Federcalcio adotta la linea dura

Ratificati i nomi delle squadre non ammesse ai campionati. Torino, Perugia, Salernitana e Spal sono fuori, Reggiana e Venezia fallite. In quanto al Messina, per rimanere in A dovrà rivolgersi ai successivi organi di appello: Coni, Tar del Lazio, Consiglio di Stato. Foggia iscritto alla C1
ROMA - Il consiglio Figc ha ratificato i nomi delle squadre non ammesse ai rispettivi campionati dopo che ieri si era espressa la Coavisoc. La Federazione calcistica ed il suo presidente Carraro hanno deciso di perseguire la linea del rigore, bocciando tutti i ricorsi fatti da quelle squadre già escluse dalla Covisoc, a parte chi, come Treviso, Latina o Lumezzane, doveva solo adempiere degli obblighi formali.
Torino, Perugia, Salernitana e Spal sono fuori, Reggiana e Venezia sono fallite, tira aria di tempesta per le altre. In quanto al Messina, il presidente Franza, per rimanere in serie A, dovrà rivolgersi ai successivi organi di appello, ovvero Camera di Conciliazione del Coni, Tar del Lazio (la 3ª sezione) e Consiglio di Stato.
Il taglio più netto riguarderà la serie C e infatti si è già scatenata la corsa ai ripescaggi, perché la D vuole che vengano tutelati i propri diritti. Una ventina di club di terza serie sono ad alto rischio e la Coavisoc ha certificato questa situazione di crisi. Intanto è sempre più profonda l'amarezza del presidente della lega di C Mario Macalli, la cui proposta di non procedere alla sostituzione delle squadre fallite o bocciate, tagliando quindi un girone in un settore fin troppo affollato, non verrà presa in considerazione. «Se mi chiedono se sia giusto diminuire il numero delle squadre del nostro settore - dice Macalli - vengo a firmare subito, anche stanotte, quella prima del consiglio. Ma purtroppo non sarà così, non procedere a ripescaggi sarebbe la cosa più logica ma non succederà. Una delle cose più brutte di questa situazione è che, di fronte a questi presidenti che giocano e ad altri che ci hanno lasciato le penne rimettendoci il sangue, sugli alberi ci sono dei corvacci neri in attesa che qualcuno muoia. Solo per questo non ripescherei nessuno, per insegnare alla gente che si vince sul campo, e non facendo i corvacci. Ci vorrebbe il rispetto della gente e dei presidenti».
Quindi il calcio italiano, secondo Macalli, continuerà ad avere un numero abnorme di club professionistici. «Ma lo sono soltanto di nome e non di fatto - sottolinea il presidente della lega di C -. L'Assocalciatori vuole tutelare i posti di lavoro, anche se poi mandiamo al macero una serie di brave persone. Così vedrete che alla fine non cambierà nulla, con cinque gironi fra serie C/1 e C/2».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie