Domenica 16 Febbraio 2020 | 23:27

NEWS DALLA SEZIONE

Pallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
Le minacce
Calcio, lettera minatoria e testa mozzata d'animale inviata al ds del Taranto

Calcio, lettera minatoria e testa mozzata d'animale inviata al ds del Taranto

 
«L'allenatore nel pallone»
Monopoli calcio, Scienza come Lino Banfi «cura» Jefferson e il brasiliano segna

Monopoli calcio, Scienza come Lino Banfi «cura» Jefferson e il brasiliano segna

 
La storia
Rebecca, mezzofondista 17enne più forte della sua rara patologia

Rebecca, mezzofondista 17enne più forte della sua rara patologia

 
Sport e salute
Bari, una corsa per per il cuore: torna «Running Heart»

Bari, una corsa per il cuore: torna «Running Heart»

 
La presentazione
Calcio giovanile, torna il Salento il «Trofeo Caroli Hotels»

Calcio giovanile, torna in Salento il «Trofeo Caroli Hotels»

 
l'evento
Judo, al PalaFlorio il trofeo nazionale Città di Bari

Judo, al PalaFlorio il trofeo nazionale Città di Bari

 
Il ricordo di Braynt
Kobe, la morte di un semidio innamorato del Belpaese

Kobe, la morte di un semidio innamorato del Belpaese

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
BariL'iniziativa
A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

 
TarantoIncidente stradale
Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

 
PotenzaI vigili del fuoco
Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

 
LecceNel Salento
Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

 
Foggianel foggiano
Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

 
MateraViolenza in casa
Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

 

i più letti

La Federcalcio adotta la linea dura

Ratificati i nomi delle squadre non ammesse ai campionati. Torino, Perugia, Salernitana e Spal sono fuori, Reggiana e Venezia fallite. In quanto al Messina, per rimanere in A dovrà rivolgersi ai successivi organi di appello: Coni, Tar del Lazio, Consiglio di Stato. Foggia iscritto alla C1
ROMA - Il consiglio Figc ha ratificato i nomi delle squadre non ammesse ai rispettivi campionati dopo che ieri si era espressa la Coavisoc. La Federazione calcistica ed il suo presidente Carraro hanno deciso di perseguire la linea del rigore, bocciando tutti i ricorsi fatti da quelle squadre già escluse dalla Covisoc, a parte chi, come Treviso, Latina o Lumezzane, doveva solo adempiere degli obblighi formali.
Torino, Perugia, Salernitana e Spal sono fuori, Reggiana e Venezia sono fallite, tira aria di tempesta per le altre. In quanto al Messina, il presidente Franza, per rimanere in serie A, dovrà rivolgersi ai successivi organi di appello, ovvero Camera di Conciliazione del Coni, Tar del Lazio (la 3ª sezione) e Consiglio di Stato.
Il taglio più netto riguarderà la serie C e infatti si è già scatenata la corsa ai ripescaggi, perché la D vuole che vengano tutelati i propri diritti. Una ventina di club di terza serie sono ad alto rischio e la Coavisoc ha certificato questa situazione di crisi. Intanto è sempre più profonda l'amarezza del presidente della lega di C Mario Macalli, la cui proposta di non procedere alla sostituzione delle squadre fallite o bocciate, tagliando quindi un girone in un settore fin troppo affollato, non verrà presa in considerazione. «Se mi chiedono se sia giusto diminuire il numero delle squadre del nostro settore - dice Macalli - vengo a firmare subito, anche stanotte, quella prima del consiglio. Ma purtroppo non sarà così, non procedere a ripescaggi sarebbe la cosa più logica ma non succederà. Una delle cose più brutte di questa situazione è che, di fronte a questi presidenti che giocano e ad altri che ci hanno lasciato le penne rimettendoci il sangue, sugli alberi ci sono dei corvacci neri in attesa che qualcuno muoia. Solo per questo non ripescherei nessuno, per insegnare alla gente che si vince sul campo, e non facendo i corvacci. Ci vorrebbe il rispetto della gente e dei presidenti».
Quindi il calcio italiano, secondo Macalli, continuerà ad avere un numero abnorme di club professionistici. «Ma lo sono soltanto di nome e non di fatto - sottolinea il presidente della lega di C -. L'Assocalciatori vuole tutelare i posti di lavoro, anche se poi mandiamo al macero una serie di brave persone. Così vedrete che alla fine non cambierà nulla, con cinque gironi fra serie C/1 e C/2».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie