Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 00:57

NEWS DALLA SEZIONE

Aveva 49 anni
Lutto nel mondo del calcio: morto Phil Masinga, ex del Bari

Lutto nel mondo del calcio: morto Phil Masinga, ex del Bari

 
Ingaggiato
Bari calcio, new entry nei biancorossi: arriva l'esterno Quagliata

Bari calcio, new entry nei biancorossi: arriva l'esterno Quagliata

 
Nel giorno dell'Epifania
La Pvg Bari vince in trasferta contro l'Expert Volley Palmi

La Pvg Bari vince in trasferta contro l'Expert Volley Palmi

 
CICLOCROSS
Loconsolo

Capolavoro Puglia nella gara degli Allievi
Loconsolo (Eurobike) vince il Giro d'Italia

 
Calcio femminile
Polemica tra Milan e Pink Bari, Morace: «In campo bestemmiavano»La replica: «Esagerata»

Polemica tra Milan e Pink Bari, Morace: «Bestemmiavano». La replica: «Esagerata»

 
Serie D
Bari in campo col Messina al San Nicola Segui la diretta

Bari batte il Messina 2-0 e mantiene la vetta La diretta

 
Basket
Brindisi ko con Avellino, ma resta la speranza Final Eight

Brindisi ko con Avellino, ma resta la speranza Final Eight

 
Sport
Basket, Brindisi passa a Trieste: finisce 71-92

Basket, Brindisi passa a Trieste: finisce 71-92

 
Serie A
Basket, il Brindisi perde contro il Cremona: 80-86

Basket, il Brindisi perde contro il Cremona: 80-86

 
SERIE D
Bari calcio, Natale in famiglia per i biancorossi: si riprende il 31

Bari calcio, Natale in famiglia per i biancorossi: si riprende il 31

 

i più visti della sezione

Pallamano - Merano, primo scudetto

Alla terza finale riesce a conquistare il titolo italiano espugnando il campo di Trieste. Succede al Conversano, che parteciperà alla Coppa Ehf. Da settembre parte l'Handball Master che vedrà protagonisti: Merano, Trieste, Rubiera, Conversano, Bologna, Prato, Bressanone e Gaeta
PALL. TRIESTE-TORGGLER MERANO 31-35 (15-19)

TRIESTE: Woum Woum 5, Modrusan, Mestriner, Skattar 4, Opalic 3, Novokmet 2, Carpanese, Flego 4, Lo Duca, Visintin 7, Tumbarello 6, Coslovich, Tokic. All. Sivini
MERANO: Niederwieser, Menini, Giuliani, Larcher, Gerstgrasser 3, Gufler 2, Kovacevic 8, Popov 5, Ognjenovic 4, Uncanin 10, Zubac 3, Marsoner. All. Prantner
ARBITRI: Ardente e Cardone.
NOTE: Spettatori 1500. Rigori: Trieste 3/6 Merano 4/4. Esclusioni per 2': T. 3, M. 7.

TRIESTE - Merano è il successore del Conversano sul trono della pallamano italiana. Primo storico scudetto per il Merano, che alla terza finale riesce a conquistare il titolo italiano espugnando il difficile campo triestino. Nello spareggio decisivo, Trieste esce sconfitta dal campo, battuta da un Merano più fresco ed incisivo in attacco. I giuliani hanno pagato tutti in una volta gli sforzi compiuti negli ultimi 15 giorni quando, in emergenza di organico (Anusic fuori fin da gara 2 con Conversano in semifinale e Novokmet in campo soltanto per la sua grande abnegazione e volontà), ha sostenuto 6 vere battaglie, prima contro i campioni uscenti di Conversano e poi contro i grandi favoriti della stagione di Merano.
Trieste ha iniziato bene (5-4 con Opalic in contropiede), dimostrando grinta e voglia di vincere ma Niederwieser non era quello di gara 1 (3 rigori parati per lui ed almeno 3 interventi decisivi) e Merano ha piazzato un parziale di 3 a 0 (5-7 all'11') che faceva intravedere le crepe difensive giuliane. Non appena Trieste apre il gioco sulle sue giovani ali, i risultati arrivano e Skatar firma il -1 (7-8) ma, ancora una volta, arriva il 4 a 0 di Merano (7-12) che scava il primo solco importante. Uncanin tiene a distanza la rimonta triestina (13-18) e, dopo la doppia espulsione, Trieste precipita a -6 (13-19 con rete di Popov). Sembra finita. La ripresa vede la reazione immediata di Trieste che torna a -3 con un sorprendente Tumbarello (18-21), si sblocca Novokmet su rigore (20-23) e Visintin è imprendibile in contropiede (21-23).
E' il momento migliore di Trieste ma sale in cattedra Kovacevic che segna due gol da fuoriclasse e ridà un vantaggio rassicurante ai suoi (21-25). Menini e Niederwieser compiono interventi importanti e Merano vola in contropiede con Popov e Ognjienovic che firmano l'irrealistico +8 (24-32). Trieste potrebbe crollare invece esce ancora una volta il carattere dei biancorossi: Novokmet segna un rigore, Modrusan ne para uno a Uncanin, Visintin e Woum Woum segnano di pura cattiveria agonistica i gol del -5 (27-32). In piena rimonta arrivano 2' di esclusione a Woum Woum e la sfortuna a bloccare Trieste: Lo Duca sbaglia il -4 e arrivano altri 2' a Skatar ed il rigore trasformato da Kovacevic (27-33 al 25'). Ormai solo un suicidio di Merano potrebbe riaprire la gara ma altri due gol del solito Kovacevic chiudono tutti i conti. Per il Merano è il primo scudetto che garantisce anche l'accesso alla Champions League. Mentre il Trieste parteciperà, insieme al Conversano, alla coppa Ehf. Si chiude con questi responsi la stagione 2004-05, l'ultima targata A-1. Da settembre parte, infatti, l'Handball Master, il campionato della svolta, che vedrà protagonisti: Merano, Trieste, Rubiera, Conversano, Bologna, Prato, Bressanone e Gaeta.
Antonio Galizia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400