Martedì 22 Gennaio 2019 | 21:51

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Basket, Brindisi Happy Casa batte la capolista Milano 101-92

Basket, Brindisi Happy Casa batte la capolista Milano 101-92

 
L'APPUNTAMENTO
Circolo della Vela Bari, i primi 90 annidomani la grande festa con l'open day

Circolo della Vela Bari, i primi 90 anni
domani la grande festa con l'open day

 
Serie B1 pallavolo
La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

 
Aveva 49 anni
Lutto nel mondo del calcio: morto Phil Masinga, ex del Bari

Lutto nel mondo del calcio: morto Phil Masinga, ex del Bari

 
Ingaggiato
Bari calcio, new entry nei biancorossi: arriva l'esterno Quagliata

Bari calcio, new entry nei biancorossi: arriva l'esterno Quagliata

 
Nel giorno dell'Epifania
La Pvg Bari vince in trasferta contro l'Expert Volley Palmi

La Pvg Bari vince in trasferta contro l'Expert Volley Palmi

 
CICLOCROSS
Loconsolo

Capolavoro Puglia nella gara degli Allievi
Loconsolo (Eurobike) vince il Giro d'Italia

 
Calcio femminile
Polemica tra Milan e Pink Bari, Morace: «In campo bestemmiavano»La replica: «Esagerata»

Polemica tra Milan e Pink Bari, Morace: «Bestemmiavano». La replica: «Esagerata»

 
Serie D
Bari in campo col Messina al San Nicola Segui la diretta

Bari batte il Messina 2-0 e mantiene la vetta La diretta

 
Basket
Brindisi ko con Avellino, ma resta la speranza Final Eight

Brindisi ko con Avellino, ma resta la speranza Final Eight

 

Formula 1 - Alonso vince il Gp d'Europa

Solo terza la Ferrari con Rubens Barrichello, quinto Michael Schumacher. Raikkonen ha dovuto abbandonare all'ultimo giro dopo aver dominato la gara
NUERBURGRIG - Nel caldo del Nuerburgring, Kimi Raikkonen viene tradito da una gomma e perde all'ultimo giro un gran premio già vinto. Ma conferma il suo soprannome, 'Iceman'. Perchè Kimi ha dominato la paura, accettando il rischio di uscire di pista ai 300 km/h pur di cercare di vincere. E' uscito di pista. Ma che gara! Così, nonostante il gran premio d'Europa sia stato vinto da Fernando Alonso, alla sua 5/a vittoria in carriera, la 4/a vittoria quest'anno e più che mai leader del Mondiale con 59 punti, è lui, Iceman Kimi, il vero protagonista del Nuerburgring 2005. Perchè a un solo giro dalla vittoria ha visto la ruota anteriore destra della sua Mclaren saltare per aria (si era spiattellata e le vibrazioni ha causato la rottura della sospensione) ma Kimi sapeva da almeno dieci giri che quella cosa poteva succedere. Ciò nonostante ha continuato a spingere, consapevole di rischiare la vita a ogni curva. Chapeau.

Per le Ferrari, invece, il Nuerburgring è stato un tanto positivo quanto mesto ritorno sul podio al termine di una gara bella da parte di Barrichello (3/o), anonima da parte di Schumacher (5/o). Sul podio al secondo posto anche Nick Heifeld, partito dalla pole e bravo a restare a galla in una gara piena di imprevisti. Il protagonista è stato però - a detta di tutti - Kimi Raikkonen, finlandese tanto coraggioso quanto sfortunato. Kimi - partito 2/o - ci aveva messo meno di 400 metri per arrivare in testa alla gara: dalla linea di partenza fino alla prima curva, dove è riuscito a superare la BMW-Williams di Nick Heidfeld partito in pole. Da lì, da quella curva, Iceman ha continuato implacabile fino a un giro dalla fine, dominando anche gli errori e i freni andati. Ma non è riuscito a dominare gli effetti della sua gomma anteriore destra: si era squadrata in un punto intorno 50/mo giro.
Quel difetto ha cominciato a provocare vibrazioni via via sempre più forti sulle sospensioni della sua McLaren, ma Kimi ha continuato a girare al ritmo di 1'32» al giro. Alonso alle sue spalle guadagnava ma lui niente, ha continuato a tenere giù il piede. Fino all'ultimo giro, quando sul rettilineo davanti alle tribune, proprio là dove le monoposto toccano la loro velocità massima, quella ruota si è letteralmente strappata dalla macchina. Inevitabile l'uscita di pista per Kimi, che ha sfiorato ai 300 km/h la Bar-Honda di Button prima di scivolare fuori sulla via di fuga. Kimi non ha fatto apparentemente una piega: a un passo dalla vittoria lui, come prevede il regolamento, ha sfilato il volante della sua monoposto, è sceso dall'auto, ha rimesso il volante a posto. Mentre Fernando lo spagnolo transitava vittorioso sotto la bandiera a scacchi.

Per quanto riguarda le Ferrari, gara anonima ma - alla fine - positiva, perchè ha visto il loro ritorno sul podio: «Ormai possiamo dire che siamo tornati - ha detto Barrichello, ottimo 3/o - Saremo coi migliori fino alla fine». Per Schumacher, invece, gara anonima nelle retrovie fino quasi alla fine, senza un sorpasso se non ai pit stop.
Va detto che la gara è stata pesantemente condizionata da una carambola in partenza. Al via infatti alle spalle del duo di testa Raikkonen-Heidfeld era stato il caos: Ralf Schumacher (partito 10/o) con la Toyota tampona la Renault di Alonso (partito 6/o), mentre Montoya con la McLaren (partito 5/o) va a toccare l'altra BMW-Williams di Mark Webber (partita 3/o). Dalla prima curva esce così una griglia totalmente rivoluzionata: Webber ritirato, Trulli da 5/o a 3/o, Coulthard da 12/mo a 4/o, Alonso da 6/o a 5/o, Massa da 11/o a 6/o, Ralf Schumacher da 8/o a ultimo e senza un alettone.
In questa carambola, sfortunate le Ferrari: i due piloti sono stati bravi a evitare ogni contatto, ma la conseguenza è stata che Barrichello, partito 7/o, dopo la prima curva si è ritrovato 11/o, mentre Schumacher dal 10/o è passato al 14/o posto. Gara e strategie completamente da rimodulare, quindi, per tutte le scuderie. Alla fine, il colpo di scena dell'incidente a Raikkonen. E questo ordine d'arrivo: 1) Alonso, 2) Heidfeld, 3) Barrichello. Poi Coulthard, Schumacher, Fisichella, Montoya, Trulli. Manca Raikkonen, il vero eroe della giornata.
Luciano Clerico

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400