Martedì 28 Gennaio 2020 | 15:03

NEWS DALLA SEZIONE

nuoto
Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

 
l'evento
Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

 
L'evento
Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

 
settebello
Pallanuoto, World League a Champions a Bari: è quasi fatta

Pallanuoto, World League e Champions a Bari: è quasi fatta

 
atletica leggera
La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

 
è tarantina
Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

 
a locorotondo
Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

 
record
Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

 
Il personaggioI
Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatTruffe
Trani, raggirano una coppia di ultraottantenni: arrestati avvocato e carabiniere

Trani, raggirano una coppia di ultraottantenni: arrestati avvocato e carabiniere

 
PotenzaIl caso
Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

 
FoggiaOperazione dei Cc
Foggia, nel casale bunker 7 chili di droga e 6 bombe artigianali: 4 arresti

Foggia, nel casale bunker 7 chili di droga e 6 bombe artigianali: 4 arresti

 
TarantoOperazione Gdf
Massafra, sequestrata maxi discarica: 24mila tonnellate di di scarti di marmo e fanghi

Massafra, sequestrata maxi discarica: 24mila tonnellate di di scarti di marmo e fanghi

 
BariLo stop nel 2013
Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento due casi al giorno, coinvolti adulti e bimbi: anche figli di «no vax»

 
BrindisiOperazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 

i più letti

Formula 1 - In Malesia vince Alonso

Lo spagnolo su Renault ha vinto la seconda gara del Gp. Secondo l'italiano Trulli (Toyota) e il tedesco Heidfeld (Williams). Settimo il ferrarista Michael Schumacher
SEPANG (MALESIA) - A don Fernando lo scettro di Tigre della Malesia. Alla Ferrari no. Il giovane spagnolo della Renault Fernando Alonso ha infatti dominato il gran premio di Sepang: pole position con il miglior tempo in entrambe le sessioni, e vittoria prepotente in gara, ottenuta senza permettere mai a nessuno di stargli davanti. Per Alonso è la seconda vittoria in carriera dopo il gp d'Ungheria 2003. A Budapest vinse doppiando Schumacher. A Sepang ha vinto lasciandolo al 7/mo posto, lontano qualcosa come 1'20». In formula 1 sono un abisso.
In Malesia solo un grande Jarno Trulli ha resistito alla Tigre: partito in prima fila è riuscito a mantenerla fino alla fine, portando per la prima volta una Toyota sul podio. Terzo Nick Heidfeld con la Bmw-Williams, capace di conquistare il podio pur partendo dalla 10/ma posizione.
Per le Ferrari è stata invece una gara tutta in salita in salita: 7/mo posto per Schumacher che era partito 13/mo; Barrichello, partito 12/mo, è stato invece costretto al ritiro al 50/mo giro per problemi meccanici.
Alonso ha conquistato il diritto a essere definito 'tigrè fin dalla partenza: primo alla prima curva, con alle sue spalle la Toyota di Trulli e l'altra Renault di Fisichella. Lo spagnolo ha imposto un ritmo impressionante alla gara, segnando un giro veloce dietro l'altro. Le due Ferrari sono state invece in mezzo al gruppo per tutta la gara, nella speranza che i consumi di gomme e motore (degli avversari) ed eventuali errori (degli altri) permettessero loro di conquistare posizioni.
Strategia positiva solo in teoria, non in pratica, visto che Barrichello si è ritirato. Comunque i colpi di scena non sono mancati: ha cominciato Raikkonen, che al 27/mo giro si è visto esplodere lo pneumatico posteriore destro della sua McLaren. Il finlandese ha dovuto così farsi un intero gio su tre ruote, rientrare, inseguire, risalire fino alla 9/a posizione.
Hanno continuato, al 32/mo giro, Ralf Schumacher contro le due Williams di Webber e Heidfeld. Gran duello a tre nel quale l'ha spuntata tra sorpassi a contro-sorpassi Mark Webber. Senonchè cinque giri dopo mentre era in piena conquista della 3/a posizione ai danni di Fisichella l'australiano si è visto tagliare la strada dal romano. Inevitabile l'impatto tra i due, con conseguente ritiro di entrambi, con Heidfeld terzo.
In casa Ferrari nessuno aveva fatto mistero che, date le temperature di Sepang, alcuni dei protagonisti avrebbero ceduto. E' successo già al terzo giro ad entrambe le Bar-Honda. Cosa tanto più grave se si pensa che la scuderia anglo giapponese aveva deciso in Australia di aggirare il regolamento, scegliendo di non finire la gara proprio per avere la possibilità di disporre in Malesia di un motore nuovo. Bene: si è rotto dopo dieci chilometri di gara, sia quello di Button, sia quello del semidebuttante Davidson. Senza parlare dell'altro pilota Bar, Takuka Sato, nel frattempo ricoverato in ospedale con la febbre alta per un'infezione virale. Per la Bar-Honda, Malesia da dimenticare.
Ma le difficoltà meccaniche non sono mancate anche per le rosse: il ritiro di Barrichello è avvenuto a 6 giri dalla fine, mentre da alcune tornate arrancava in 11/ma posizione dietro alla Sauber di Massa. Schumcher invece, capace di una gara impostata per limitare al massimo i danni, alla fine è riuscito ad andare a punti: 7/mo, dietro alla Red Bull di Coulthard ma davanti alla McLaren di Raikkonen, risalito da ultimo che era fino al 9/o posto. A punti poi, nell'ordine, Montoya, Ralf Schumacher, Coulthard e, dietro a Schumi, Klien.
Per la Ferrari, in vista dei prossimi gran premi, questo responso dalla Malesia: c'è molto lavoro da fare, e in fretta, affinchè sia pronta la nuova F2005. Altrimenti addio sogni di gloria.
Luciano Clerico

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie