Lunedì 27 Gennaio 2020 | 19:22

NEWS DALLA SEZIONE

nuoto
Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

 
l'evento
Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

 
L'evento
Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

 
settebello
Pallanuoto, World League a Champions a Bari: è quasi fatta

Pallanuoto, World League e Champions a Bari: è quasi fatta

 
atletica leggera
La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

 
è tarantina
Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

 
a locorotondo
Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

 
record
Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

 
Il personaggioI
Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
FoggiaL'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
HomeIl giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
TarantoIl caso
Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

 
BrindisiIl salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 
BatCultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 

i più letti

Calcio / Serie A - Juventus - Milan 0-0

Un palo di Shevchenko nel primo tempo, un Milan migliore, una Juve poco brillante e costretta a difendersi, ma in definitiva non è cambiato nulla in classifica. Il Milan è arrivato in zona gol parecchie volte, meno aggressiva la partita dei bianconeri
TORINO - Un palo di Shevchenko nel primo tempo, un Milan migliore, una Juve poco brillante e costretta a difendersi, ma in definitiva non è cambiato nulla in classifica. Certo, dopo il primo tempo, l'impressione era stata quella di un Milan travolgente, veloce, molto ben organizzato, e una Juve incapace di andare avanti: lezioso Ibrahimovic, vano ogni sforzo di Del Piero per impostare la manovra offensiva, inutilmente frenetico Nedved e il centrocampo bianconero, regolarmente scavalcato da quello rossonero. Il Milan ha attaccato, andando vicino al gol con l'aggressività di Kakà, le buone proiezioni di Seedorf, l'attivismo di Shevchenko, che al 17' ha colpito il palo alla destra di Buffon; al 30' Crespo ha costretto il portiere juventino a deviare un tiro pericoloso. In realtà però il Milan è arrivato in zona gol parecchie volte e Zebina è stato costretto a cinture non proprio ortodosse, mentre sull'altro fronte l'unica proiezione pericolosa è stata di Zambrotta al 45' con un tiro senza esito. C'è stata anche una deviazione di mano di Costacurta su traversone di Ibrahimovic al 15', ma se dobbiamo essere sinceri fino in fondo sono state perdonate trattenute più gravi di Zebina: per esempio quella su Crespo in area al 4' che ha impedito all'argentino di intervenire su una palla di Shevchenko dalla destra. Epperò Bertini non ha arbitrato male e la partita, pur maschia, non è stata cattiva.
La Juventus ha subito molto, confermando le perplessità destate da due o tre partite. Lo «spietato» Capello vista la mala parata, ha messo fuori Del Piero nell'intervallo (la decima sostituzione della stagione), inserendo Zalayeta: il messaggio ci è parso chiaro. È probabile che con il ritorno di Trezeguet Del Piero farà parecchia panchina. La partita non è però cambiata: il Milan ha continuato a giocare avanti e la Juve in difesa. Comunque, la squadra di Ancelotti (che poi ha cambiato Kaladze con Pancaro) non è andata vicino al gol come nel primo tempo: i ritmi si sono abbassati, la Juventus ha visto poco la palla sul fronte offensivo anche perché Camoranesi non è sembrato in gran serata e Costacurta (sostituto di Maldini nella fase di riscaldamento per un problema muscolare capitato al capitano) ha ben diretto la retroguardia rossonera. Insomma nel calo del ritmo ci ha guadagnato la Juve che nel primo tempo aveva sofferto la velocità dei milanisti. Capello ha poi fatto ricorso all'esperienza di Tacchinardi per raffreddare uteriormente la partita, il Milan ha cominciato ad accusare la stanchezza e lo zero a zero ha lasciato immutati classifica e ambizioni delle due squadre. E tuttavia crediamo che la sosta gioverà più alla Juve che nelle ultime gare non ha certo entusiasmato, anche se verso la fine con Zalayeta al 42' ha avuto l'occasione per vincere.
Ma non tutte le ciambelle riescono col buco. Nemmeno al Milan, che al 44', dopo una travolgente azione di Shevchenko, ha mancato con Pirlo un gol da ottima posizione. La decisiva partitissima di Torino , insomma, non ha deciso nulla. C.v.d., come volevasi dimostrare. Ne riparleremo al ritorno a San Siro.
Franco Zuccalà

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie