Domenica 26 Maggio 2019 | 15:57

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa calcistica
Calcio, un mondiale per le squadre dei siti Unesco: Alberobello in pole

Calcio, un mondiale per le squadre dei siti Unesco: Alberobello in pole

 
TRIATHLON
Proposte di matrimonio e atleti specialiPolignano promuove il CalaPonte Triweek

Proposte di matrimonio e atleti speciali
Polignano promuove il CalaPonte Triweek

 
Ciclismo
Giro d'Italia a S. Giovanni Rotondo: Masnada vince la sesta tappa

Giro d'Italia a S. Giovanni Rotondo: Masnada vince la sesta tappa

 
Sport
Basket, Bari ospiterà a settembre la Supercoppa di Lega

Basket, Bari ospiterà a settembre la Supercoppa di Lega

 
Sport
Polignano, ecco Cala Ponte Triweek: la gara di triathlon più cool del momento

Polignano, ecco Cala Ponte Triweek: la gara di triathlon più cool del momento

 
L'intervista
Giliberto: «La Puglia va a tutto sport molte luci e poche ombre»

Giliberto: «La Puglia va a tutto sport molte luci e poche ombre»

 
BASKET
Jr Nba League a Bari vinconoi Minnesota Timberwolves

Jr Nba League a Bari vincono
i Minnesota Timberwolves

 
ORIENTEERING
Bari, tra i vicoli della città vecchiai ragazzi delle scuole a caccia di lanterne

Bari, tra i vicoli della città vecchia
i ragazzi delle scuole a caccia di lanterne

 
Calcio
Atti violenti in Lega Dilettanti ed Eccellenza lucana: 12 Daspo

Atti violenti in Lega Dilettanti ed Eccellenza lucana: 12 Daspo

 
Basket
Brindisi, la favola dell'Happy Casa continua: i playoff una certezza

Brindisi, la favola dell'Happy Casa continua: i playoff una certezza

 
Calcio
Il Picerno festeggia per la seconda volta: promosso di nuovo in C

Il Picerno festeggia per la seconda volta: promosso di nuovo in C

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa gara
Focaccia barese la più buona d'Italia: premiata al Fico di Bologna

Focaccia barese la più buona d'Italia: premiata al Fico di Bologna

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
LecceL'inchiesta
Lecce, assenteismo a Comune e Lupiae: 17 sotto accusa

Lecce, assenteismo a Comune e Lupiae: 17 sotto accusa

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Coni, piano di rilancio per il Foro Italico

Il Parco, oltre allo stadio Olimpico, ospita soprattutto le piscine dello stadio del nuoto, lo stadio dei Marmi e il centrale del tennis. Il piano potrebbe portare nelle casse dell'Ente sportivo italiano 15 milioni d'euro l'anno. Ora c'è un passivo di 11 milioni e 500 mila euro
ROMA - Il Coni comincia a muovere i primi passi da società imprenditoriale per riguadagnare indipendenza economica. Grazie al suo braccio operativo, la Coni Servizi, ha messo a punto un piano di rilancio attraverso la valorizzazione di uno dei suoi principali asset, il Parco del Foro Italico a Roma che, oltre allo stadio Olimpico, ospita soprattutto le piscine dello stadio del nuoto, lo stadio dei Marmi e il centrale del tennis. Un piano importante che, secondo i dati forniti dalla società che ne sta curando la fattibilità, la Bain & Company, potrebbe portare nelle casse dell'Ente sportivo italiano 15 milioni d'euro l'anno. Una cifra ben diversa dal passivo di 11 milioni e 500 mila euro che ogni anno grava sul bilancio del Coni.
Il progetto, sull'esperienza di quanto è avvenuto in altre importanti città del mondo, come Madrid e Sydney, è stato studiato soprattutto per coinvolgere maggiormente e quotidianamente i cittadini all'interno di una struttura che invece vive, in pratica, solo pochi giorni l'anno. Sfruttando i 310.000 mq di proprietà e contando sulla concessione del Demanio dei restanti 190.000, il Coni punta a far diventare, entro il 2007, i 500.000 mq del Parco una vera e propria cittadina in cui sport e vita sociale si integrino perfettamente. E così ai grandi impianti sportivi, che Olimpico a parte, diventerebbero a disposizione di tutti, verrebbero affiancati negozi, ristoranti (circa 80 in tutto) e palestre, in grado di ospitare complessivamente ben 6 milioni di persone l'anno, il doppio rispetto ad oggi.
Lo stadio Olimpico, oltre ad ospitare all'interno negozi di Roma e Lazio, avrebbe ristoranti, 50 box Vip e sale conferenze a disposizione delle aziende; il complesso dei campi da tennis diventerebbe un circolo sportivo con tanto di copertura per l'attuale campo centrale; la piscina all'aperto, invece, verrebbe affiancata da palestre polifunzionali con solarium, area fitness e centro benessere; l'attuale aula bunker, infine, verrebbe destinata ad un Museo dello Sport, con annessa una biblioteca. Per la maggiore ricettività verrebbero anche ampliati i parcheggi (da 2000 a 3500 posti auto).
Non solo: c'è anche l'idea di rendere più vivibile la zona della sponda del Tevere antistante, creando un' area commerciabile di circa 3000 mq con tanto di zone di passeggio e punti di ristorazione, e di realizzare, infine, un hotel-residence sulla collina di Monte Mario. Il tutto per un investimento iniziale di 100 milioni di euro che sarebbero a carico di chi, attraverso una gara, si aggiudicasse l'appalto per la realizzazione delle opere.
Un capitolo a parte merita la questione dell'Olimpico. Per la gestione dello stadio il Coni da tempo sperava di coinvolgere Roma e Lazio con la promessa di azzerare nel giro di pochi anni i costi per la concessione. Ma se da parte giallorossa, per voce del direttore sportivo Franco Baldini, è arrivata la piena disponibilità ad aprire un tavolo di lavoro entro dicembre, da parte biancoceleste è giunto un secco no alla proposta. Il presidente della Lazio Lotito sembra non avere alcuna intenzione di appoggiare l'iniziativa. «La Lazio lo stesso progetto ha intenzione di portarlo avanti da sola - ha dichiarato -. Noi vogliamo creare una casa tutta nostra dove riconoscerci e sviluppare i valori in cui crediamo. Vogliamo un nostro stadio da 30-35mila posti. L'Olimpico è troppo grande per la nostra tifoseria. Ci comporta più spese che introiti. E avendo ben 600 miliardi di debiti pregressi non possiamo davvero permettercelo. Tanto più che, in società con Coni e Roma, andremmo a prendere solo 1/3 dei profitti». Il presidente del Coni Petrucci, preso atto della volontà di Lotito non si è scoraggiato. «Il nostro progetto andrà avanti lo stesso. Il matrimonio, casomai, lo faremo solo con la Roma».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400