Domenica 26 Gennaio 2020 | 00:04

NEWS DALLA SEZIONE

nuoto
Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

 
l'evento
Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

 
L'evento
Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

 
settebello
Pallanuoto, World League a Champions a Bari: è quasi fatta

Pallanuoto, World League e Champions a Bari: è quasi fatta

 
atletica leggera
La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

 
è tarantina
Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

 
a locorotondo
Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

 
record
Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

 
Il personaggioI
Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

 

Il Biancorosso

serie c
Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLe dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
FoggiaIl furto
San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

 
BatNel Nordbarese
Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

 
Tarantoil caso
Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

Ricorso contro la scarcerazione di Pieroni

All'ex patron di Ancona e Taranto è stata revocata la custodia cautelare in merito al fallimento del club marchigiano. Il pm chiederà l'intervento della Cassazione perché non sono stati scovati gli 8 milioni di euro di contributi federali che avrebbe distratto e custodito in paradisi fiscali
ANCONA - Il presunto «tesoro» accumulato dall'ex presidente dell'Ancona Ermanno Pieroni - cioè circa 8 milioni di euro relativi a contributi federali, che la procura di Ancona sostiene abbia distratto dalla casse della società di calcio - sarebbe finito in banche di Lugano e del Principato di Monaco, ma non è escluso che sia stato poi trasferito in altri paradisi fiscali o che vi sia questo imminente pericolo. Lo ipotizzano gli inquirenti nell'ambito dell'inchiesta sulla bancarotta fraudolenta del club biancorosso. Questo, anche in vista delle prossime scadenze in cui il tribunale fallimentare e il curatore Umberto Arcangeli faranno il punto sullo stato passivo della società, e attivo, in cui molti beni di Pieroni potrebbero finire.
Nei prossimi giorni, il pm Irene Bilotta presenterà un ricorso in Cassazione contro il provvedimento del Tribunale del riesame che ha revocato la custodia cautelare in carcere all'ex patron biancorosso - indagato per concorso in bancarotta fraudolenta per distrazione - sostituendola con gli arresti domiciliari. Non è escluso che, nei prossimi giorni, il magistrato possa incontrarsi con i colleghi di Taranto che stanno indagando su Pieroni in relazione all'acquisto delle quote di maggioranza della società Taranto calcio.
Quanto alle esigenze cautelari, secondo il pm persisterebbe il pericolo di fuga di Pieroni anche se tale eventualità non sarebbe imminente. Così come sussisterebbe il rischio che l'ex presidente possa tentare di spostare il denaro in altri paradisi fiscali, magari utilizzando, personalmente o attraverso altre persone, la rete Internet e gli ormai diffusissimi sistemi home banking che servono per comunicare o compiere direttamente da casa le operazioni bancarie.
La circostanza che rende attuale questo rischio è, secondo il magistrato, il fatto che gli investigatori non siano ancora riusciti a risalire ai depositi di denaro. Anche se gli inquirenti sono praticamente certi che il tesoro sia finito parte in Svizzera e parte a Montecarlo, risulta oltremodo complicato ottenere dalle autorità di molti paesi il permesso di spulciare tra la documentazione bancaria. A questo proposito, secondo indiscrezioni, la procura si sarebbe già mossa inoltrando le richieste di rogatorie. La circostanza però non ha trovato conferma.
Ricostruendo il percorso del fiume di denaro uscito dalle casse dell'Ancona, gli uomini della Guardia di finanza si sarebbero resi conto che il flusso non portava in Croazia, e in particolare a Zagabria (Croazia), dove c'era solo la sede una società fantasma di intermediazione sportiva di cui Pieroni si avvaleva per la compravendita di calciatori. Dagli accertamenti svolti, infatti, sarebbe emerso che tale società costituiva solo un paravento per intestare compensi in denaro in realtà mai usciti dall'Italia e finiti invece su conti correnti riconducibili a Pieroni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie