Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 11:09

NEWS DALLA SEZIONE

Aveva 49 anni
Lutto nel mondo del calcio: morto Phil Masinga, ex del Bari

Lutto nel mondo del calcio: morto Phil Masinga, ex del Bari

 
Ingaggiato
Bari calcio, new entry nei biancorossi: arriva l'esterno Quagliata

Bari calcio, new entry nei biancorossi: arriva l'esterno Quagliata

 
Nel giorno dell'Epifania
La Pvg Bari vince in trasferta contro l'Expert Volley Palmi

La Pvg Bari vince in trasferta contro l'Expert Volley Palmi

 
CICLOCROSS
Loconsolo

Capolavoro Puglia nella gara degli Allievi
Loconsolo (Eurobike) vince il Giro d'Italia

 
Calcio femminile
Polemica tra Milan e Pink Bari, Morace: «In campo bestemmiavano»La replica: «Esagerata»

Polemica tra Milan e Pink Bari, Morace: «Bestemmiavano». La replica: «Esagerata»

 
Serie D
Bari in campo col Messina al San Nicola Segui la diretta

Bari batte il Messina 2-0 e mantiene la vetta La diretta

 
Basket
Brindisi ko con Avellino, ma resta la speranza Final Eight

Brindisi ko con Avellino, ma resta la speranza Final Eight

 
Sport
Basket, Brindisi passa a Trieste: finisce 71-92

Basket, Brindisi passa a Trieste: finisce 71-92

 
Serie A
Basket, il Brindisi perde contro il Cremona: 80-86

Basket, il Brindisi perde contro il Cremona: 80-86

 
SERIE D
Bari calcio, Natale in famiglia per i biancorossi: si riprende il 31

Bari calcio, Natale in famiglia per i biancorossi: si riprende il 31

 

i più visti della sezione

NBA - Los Angeles-Detroit, 15 anni dopo

Il basket a stelle e strisce entra nel vivo con una finale dal sapore antico. Il problema sarà fermare Bryant, anche se il reparto-guardie (Hamilton, Billups, James) dei Pistons appare ben assortito, soprattutto in termini di tenuta difensiva. La finale (avrà inizio domenica) ha per favoriti i Lakers
Il basket a stelle e strisce entra nel vivo con una finale dal sapore antico. L'atto finale della Nba quest'anno ripropone dopo 15 anni le sfide tra Los Angeles Lakers e Detroit Pistons. Gli artefici dello «show time» ed i «bad boys», infatti infiammavano i tifosi già negli anni '80 con Earvin «Magic» Johnson, Kareem Abdul Jabbar, Worthy, Scott e Cooper per i californiani e Isahia Thomas, Bill Laimbeer, Joe Dumars e Dennis Rodman per il team del Michigan, a fare da testimonial delle due squadre, concepite con criteri del tutto differenti.
All'epoca, Michael Jordan stava compiendo i primi passi nei Bulls, i Lakers erano soprattutto Magic Johnson. Oggi sono i centimetri ed i muscoli di O'Neal, la classe di Bryant, la voglia di vincere di Payton e Malone, ma soprattutto la filosofia zen di coach Jackson, chiamato a gestire uno spogliatoio esplosivo. I Lakers, infatti sono anche una truppa irrequieta (a voler usare un eufemismo), tra l'accusa di stupro ai danni di Bryant,croce e delizia dei fans dei Lakers e le traversie di O'Neil, testimone recentemente dell'assassinio di una delle sue tante donne di servizio uccisa dal figlio, ma un gruppo deciso a sfruttare l'ennesima possibilità di conquistare l'anello per i suoi beniamini, la quarta in cinque anni.
Anche Phil Jackson, allenatore pluridecorato dei Lakers, ex guru dei Chicago di Jordan e Pippen, può gioire: ha la possibilità di vincere il suo decimo titolo Nba e diventare il numero degli allenatori per vittorie di campionato. Nel frattempo si gode le prodezze del grande «vecchio» Karl Malone e del gregario di turno Kareem Rush che, entrato dalla panchina, ha trascinato i suoi verso la finale con 11 punti decisivi nella sesta partita della serie contro i Minnesota Timberwolves.
A fronteggiare i Lakers ci saranno i Detroit Pistons, che hanno sconfitto gli Indiana Pacers, chiudendo la serie per 4-2. Grande partita di Rip Hamilton (21 punti, 5 assist), ma decisiva è stata la grande difesa dei Pistons, la migliore dell'intera Nba. È questa l'arma con cui Larry Brown (che ci riprova contro i Lakers, dopo la finale persa nel 2000 alla guida di Philadelphia) tenterà di riportare il titolo all'Est e nella Motown. Il duo Wallace (Ben e Rasheed) sottocanestro può tenere botta contro Malone e O'Neal, anche grazie alla possibilità di utilizzare parecchi chili e centimetri con Williamson e il turco Okur. Il problema sarà fermare Bryant, anche se il reparto-guardie (Hamilton, Billups, James) dei Pistons appare ben assortito, soprattutto in termini di tenuta difensiva.
La finale (avrà inizio domenica) ha per favoriti i Lakers, ma contro le alchimie tattiche di Brown nulla appare scontato.
Ninni Perchiazzi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400