Venerdì 22 Marzo 2019 | 19:41

NEWS DALLA SEZIONE

Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
VETERANI DELLO SPORT
Bari, la giornata del ricordoconsegnate le medaglie

Bari, la giornata del ricordo
consegnate le medaglie

 
Al San Nicola
Bari affronta Castrovillari: ipoteca sulla promozioneLa diretta del match

Il Bari rimonta un gol e batte il Castrovillari 3-1 FOTO

 
KITESURF
Il barese Morga non delude maisua la prima tappa del tricolore juniores

Il barese Morga non delude mai
sua la prima tappa del tricolore juniores

 
Il caso
Aggressione ad arbitro 19enne, Virtus Palese esclusa dal campionato

Aggressione ad arbitro 19enne, Virtus Palese esclusa dal campionato

 
PALLANUOTO
Pro Recco-Brescia la sfida infinitaBari, domani la finale di Coppa Italia

Pro Recco-Brescia la sfida infinita
Bari, domani la finale di Coppa Italia

 
Al via del mare
Il Lecce batte in casa il Foggia: il derby finisce 1-0

Il Lecce batte in casa il Foggia: il derby finisce 1-0

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

La scelta

Bari, Cornacchini verso la panchina: con lui promosse Ancona e Città di Castello

Presto giù i veli sullo staff dirigenziale: Matteo Scala sarà il dg, si aspetta pure il sì definitivo di Filippo Galli in qualità di responsabile del settore giovanile, mentre Giuseppe Pompilio è il candidato principale come ds

Bari, Cornacchini verso la panchina: con lui promosse Ancona e Città di Castello

BARI - Ancora avvolto nel mistero il nome dell’allenatore: l’ultima pista conduce a Giovanni Cornacchini, 53 anni, ex centravanti (protagonista anche con le maglie di Piacenza, Bologna e Perugia), poi trainer di lungo corso con i dilettanti con i quali ha ottenuto promozioni a Città di Castello ed Ancona: una chiacchierata con lo stato maggiore del Bari sarebbe avvenuta, ma tra i candidati resta pure Mario Petrone, nonché un profilo più giovane con cui De Laurentiis comincerebbe un percorso a lungo raggio.

Ed aumentano anche i dubbi sull’avvio del campionato: proprio ieri, la serie C ha lasciato intendere che la presentazione dei calendari slitterà ancora rispetto alla data annunciata del 22 agosto e si aspetterà l’esito degli eventuali ripescaggi in B rischiando di spostare il torneo addirittura alla seconda settimana di settembre. Occorrerà capire, quindi, se la serie D aspetterà gli avvenimenti del torneo superiore facendo slittare gli impegni ufficiali oppure procederà con la composizione di gironi (tra 21 e 23 agosto) e calendari (entro il 25) per poi avviare il campionato il due settembre.

Ma l’attesa per conoscere i protagonisti della rinascita del Bari cresce. L’era Aurelio De Laurentiis continua ad essere contraddistinta da assoluta riservatezza e dal lavoro sottotraccia. Domani cadranno i veli. Il «Park hotel Mancini» di Roma ospiterà, infatti, i primi volti nuovi. La prima infornata di galletti sarà all’insegna della linea verde. Cominceranno gli allenamenti un gruppo di under nati tra il 1998 ed il 2000: in serie D, quattro calciatori con tali caratteristiche (un ‘98, due ‘99, un 2000), dovranno essere obbligatoriamente in campo nei novanta minuti. Chiara, quindi, la strategia: assicurarsi il meglio tra i giovani ai quali saranno accompagnati elementi di comprovata esperienza nella categoria.
Napoli (pronto a trasferire i difensori Senese e D’Ignazio, l’esterno Mezzoni, il baby prodigio Gaetano) e Torino saranno tra i principali fornitori di giovani, ma innesti dovrebbero giungere anche da Atalanta e Roma.

Tra i più navigati, invece, potrebbero cominciare fin dall’inizio i difensori Giuseppe Mattera e Luca Cacioli, nonché il centrocampista Matteo Calamai.

Gli altri innesti arriveranno gradualmente: d’altra parte, la chiusura del mercato nelle serie maggiori rende più fluide le manovre tra i dilettanti che possono tesserare qualsiasi elemento proceda a risoluzione del vincolo con il suo club. In tal senso, la scelta non manca tra i numerosi calciatori che rischiano di andare fuori lista nelle rispettive società.

A tal proposito, è lecito chiedersi che cosa accadrebbe con i vari nomi «nobili» che circolano in queste ore: non ci sarebbero problemi, ad esempio, nel tesserare Franco Brienza, Jean Francois Gillet o Roberto Maurantonio (ma tra questi due, solo uno arriverebbe, essendo entrambi portieri) poiché sono tutti svincolati. Nicola Bellomo, invece, (altra suggestione: il 27enne barese vorrebbe tornare nel club della sua città) dovrebbe preventivamente risolvere il vincolo con la Salernitana e perdere, di conseguenza, lo status di professionista cercando, nel caso, soluzioni per arrotondare il tetto salariale (una possibilità sarebbe ragionare sui diritti di immagine) imposto dalla Lega Nazionale Dilettanti.

Tra i baresi che potrebbero tornare alla base, spicca anche Giuseppe Genchi, prodotto del settore giovanile, ed ora, giunto all’età di 33 anni, affermatosi come bomber di sicuro affidamento in serie D: nell’ultima stagione, è stato tra i protagonisti della promozione in C del Potenza, ma il centravanti sarebbe persino disposto a rinunciare al salto di categoria pur di militare nel Bari.

A stretto giro, inoltre, cadranno i veli sullo staff dirigenziale: Matteo Scala sarà il direttore generale, si aspetta pure il sì definitivo di Filippo Galli in qualità di responsabile del settore giovanile, mentre Giuseppe Pompilio è il candidato principale ad occupare la poltrona di direttore sportivo.
Davide Lattanzi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400