Sabato 15 Dicembre 2018 | 16:34

NEWS DALLA SEZIONE

BOLOGNA
Giornalismo, torna premio Dig Awards

Giornalismo, torna premio Dig Awards

 
MATERA
"Matera sia anche Capitale del Rupestre"

"Matera sia anche Capitale del Rupestre"

 
ASSISI (PERUGIA)
Carreras per il concerto di Natale su Ra

Carreras per il concerto di Natale su Ra

 
MILANO
L'Umbria porta il Perugino a Milano

L'Umbria porta il Perugino a Milano

 
MILANO
Malpensa24, battesimo nuova testata

Malpensa24, battesimo nuova testata

 
CAGLIARI
Cagliari, convince il moderno Rigoletto

Cagliari, convince il moderno Rigoletto

 
FAENZA (RAVENNA)
Al Mic ceramiche periodo tedesco Vietri

Al Mic ceramiche periodo tedesco Vietri

 
TORINO
Maestranze Regio Torino, enti a rischio

Maestranze Regio Torino, enti a rischio

 
FIRENZE
Musica: Raf e Tozzi insieme in concerto

Musica: Raf e Tozzi insieme in concerto

 
FIRENZE
Mostre: stile colto di Urgessa a Pitti

Mostre: stile colto di Urgessa a Pitti

 
ROMA
A Roma L'Adolescente di Michelangelo

A Roma L'Adolescente di Michelangelo

 

VENEZIA

Mostre: a Venezia 'postwar era'

Novanta opere alla Peggy Guggenheim

Mostre: a Venezia 'postwar era'

VENEZIA, 21 GEN - Da 'L'atomo, Un mondo unico' di Richard Pousette-Dart del 1947, quasi a segno dell'incubo del fungo atomico drammaticamente comparso nella scena mondiale appena due anni prima, a una sorta di universo in espansione, di rinascita continua, nell'opera di Claire Falkenstein, del 1975, autrice di un 'cancello senza materia' fatto di fili di ferro e vetro all'ingresso di Ca' dei Leoni, sede della Peggy Guggenheim Collection, a Venezia. Tra questi due apparenti opposti si muove la mostra curata da Luca Massimo Barbero, 'Postwar era. Una storia recente', con gli omaggi a Jack Tworkov e alla stessa Falkenstein, da sabato negli spazi della collezione della mecenate statunitense fino al 4 aprile prossimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400