Venerdì 14 Dicembre 2018 | 15:36

NEWS DALLA SEZIONE

SIVIGLIA 14 DIC
Efa, Italia punta su Garrone-Rohrwacher

Efa, Italia punta su Garrone-Rohrwacher

 
MILANO
Anastasio, sono un libero pensatore

Anastasio, sono un libero pensatore

 
ROMA
A Edizioni Erickson Premio Speciale Dosi

A Edizioni Erickson Premio Speciale Dosi

 
ROMA
Mosè di Michelangelo oltre il visibile

Mosè di Michelangelo oltre il visibile

 
ROMA
Concerti addio Morricone a Verona e Roma

Concerti addio Morricone a Verona e Roma

 
ROMA
XFactor, su Sky è la finale più vista

XFactor, su Sky è la finale più vista

 
SIENA
A Siena la Collezione Spannocchi

A Siena la Collezione Spannocchi

 
TORINO
Morandini consiglia 5 film con graffiti

Morandini consiglia 5 film con graffiti

 
PERUGIA
A Natale Uj porta la musica in carcere

A Natale Uj porta la musica in carcere

 
TORINO
Alla Galleria Sabauda l'abate Ramelli

Alla Galleria Sabauda l'abate Ramelli

 
ROMA
Elisa e Calcutta, singolo insieme

Elisa e Calcutta, singolo insieme

 

TORINO

Il colore dell'erba,film per non vedenti

Nelle sale da febbraio. Anteprima a Torino il 18 gennaio

Il colore dell'erba,film per non vedenti

TORINO, 14 GEN - Esce nelle sale italiane (anteprima il 18 gennaio al Cinema Massimo-Museo del Cinema di Torino) il film 'Il colore dell'erba', diretto da Juliane Biasi Hendel e prodotto da Indyca, dedicato al mondo dei non vedenti, alle loro abitudini e alle loro modalità per godere della natura, dell'arte, della musica e del mondo che li circonda. Un film sperimentale, sostenuto da Mibact, Trentino Film Commission, Piemonte Doc Film Fund e Rai 3, per un pubblico di vedenti e di non vedenti. Frutto di un lavoro di oltre quattro anni, racconta la storia vera di Giorgia e Giona, due ragazzine non vedenti in cammino verso l'indipendenza. Non possono vedere ciò che le circonda, ma le paure, le emozioni, gli impegni che la vita impone sono eguali a quelle dei loro coetanei. Una passeggiata da sole fino a un lago diventa una sfida appassionata che le porta a misurarsi con loro stesse, metafora dell'adolescenza, età rivoluzionaria e delicata in cui si lascia per la prima volta l'uscio di casa per affrontare il mondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400