Domenica 09 Dicembre 2018 | 21:37

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Più libri: Camilleri ammalato, annullato evento chiusura

Più libri: Camilleri ammalato, annullato evento chiusura

 
RIMINI
Musica: Gergiev dirige 'Simon Boccanegra' al Galli di Rimini

Musica: Gergiev dirige 'Simon Boccanegra' al Galli di Rimini

 
MILANO
Scala: Sergio Mattarella vede artisti

Scala: Sergio Mattarella vede artisti

 
MILANO
Scala, 5 minuti applausi per Capo Stato

Scala, 5 minuti applausi per Capo Stato

 
ROMA
Michael Dobbs, Ue è lenta e inefficiente

Michael Dobbs, Ue è lenta e inefficiente

 
ROMA
Debutto boom al Sacher per film Moretti

Debutto boom al Sacher per film Moretti

 
MILANO
Scala, vernice e ortaggi contro agenti

Scala, vernice e ortaggi contro agenti

 
LOS ANGELES
Grammy, Kendrick Lamar guida nomination

Grammy, Kendrick Lamar guida nomination

 
FIRENZE
Altre due date per il Lucca Summer

Altre due date per il Lucca Summer

 
MILANO
Scala: centinaia in fila per loggione

Scala: centinaia in fila per loggione

 
FIRENZE
Discendenti Cherubini,sì spoglie S.Croce

Discendenti Cherubini,sì spoglie S.Croce

 

ROMA

Creed, Rocky più grande senza guantoni

In sala dal 14/1 Sylvester Stallone fresco di Golden Globe

Creed, Rocky più grande senza guantoni

ROMA, 13 GEN - Va detto che Rocky Balboa (Sylvester Stallone) è ancora più grande senza guantoni e anche quando è vecchio, malato di cancro e con voglia di paternità come appare in 'Creed. Nato per combattere', ultimo atto della saga del pugile, in sala dal 14 gennaio con la Warner. Eppure il film, a firma di Ryan Coogler, che ha appena regalato a Sly un Golden Globe, non rinuncia a nessuno degli affidabili cliché della serie. Ovvero il pugile che vuole farcela, gli allenamenti con le galline da rincorrere, il grande campione in ritiro e soprattutto i tanti pugni da prendere, nella prima parte del match, e poi il riscatto finale. All'ultimo minuto. Tutte cose a cui i fedelissimi del pugile di origine italiana sono da sempre abituati. Questa volta a picchiare duro è Adonis Johnson (Michael B. Jordan), figlio illegittimo e, inizialmente ignaro, del leggendario Apollo Creed, il più grande avversario di Rocky Balboa che gli farà da allenatore e da padre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400